Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Compiti, cose da fare, accordi…

Spesso in chiusura di incontri di formazione, per chi conduce si pone la questione di proporre o promuovere attività da realizzarsi individualmente o in gruppo, nell’intervallo che separa dall’incontro successivo.

L’espressione utilizzata per designare queste attività può essere: “che compiti ci diamo per la prossima volta?”; o anche: quali sono le cose da fare per la prossima volta?”; o ancora: “possiamo stabilire accordi di lavoro per preparare il prossimo incontro?”. Si tratta, come si vede, di tre espressioni che dicono quasi la stessa cosa. Ma che non sono esattamente equivalenti.

Nel primo caso – in genere – il termine compiti fa venire in mente ai partecipanti la scuola. Qualcuno in genere suggerisce che i compiti sono gravosi, che non c’è tempo, che ci sono tante cose da fare. Le persone più o meno esplicitamente storcono il naso. Il termine compiti ha però il vantaggio di chiarire che si tratta di attività da realizzarsi e da portare per l’incontro di lavoro successivo, attività – è sempre opportuno chiarirlo – alimentano il lavoro comune in plenaria.

Il secondo caso è certamente più colloquiale e meno determinato. Quali che siano le cose, sono da fare, devono essere fatte. L’accento non è sugli oggetti, sui contenuti, quanto sulla cogenza e sulla irrimandabilità dell’azione. Da un lato la vaghezza non depone a favore di un convergenza di intenti, dall’altro ha il vantaggio di attivare la costruzione di ipotesi, la formulazione di proposte, per arrivare a determinare su cosa impegnarsi.

Nel terzo caso, accordi di lavoro è un’espressione di registro forse leggermente ricercato. Se l’accento cade sul termine accordi, la premessa implicita è che è possibile chiedere attività suppletive al di fuori dei momenti di formazione, ma si tratta di accordi che presuppongono del lavoro (anche se correttamente si potrebbe intendere accordi che ci ricordano di essere in un momento di lavoro seppure impegnati in attività di formazione).

In ogni caso le tre espressioni rimandano a un’attività produttiva che esorbita lo spazio di formazione d’aula, a un lavoro che certo si immagina renda più proficuo il lavoro comune, ma che si configura come aggiuntivo. Si potrebbe allora usare l’espressione: “che materiali possiamo preparare per il prossimo incontro?”. Questa sollecitazione ha il vantaggio di consegnare al gruppo l’opportunità di preparare il (e quindi prepararsi al)  lavoro collettivo attraverso la predisposizione di materiali. Ora se un impegno viene richiesto, questo non ha un prevalente scopo produttivo, ciò che viene piuttosto sottolineato è la rilevanza e cura dell’attività in corso, e quindi la comune responsabilità per l’esito della formazione.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 10 April 2010 by in Psicosociologia.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 227,911 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: