Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Ricerca-azione #psicosociologia

Corro il rischio della sintesi.

Attingo e comprimo da un articolo che fa il punto sulla ricerca-azione. L’articolo di Marco Brunod e Franca Manoukian, “La ricerca-azione nelle organizzazioni in una prospettiva psicosociologica” (pp. 148-172) è contenuto ne La ricerca-intervento testo che raccoglie più contributi, curato da Francesco Paolo Colucci, Monica Colombo e Lorenzo Montali, e pubblicato nel 2008 da Il Mulino.

Brunod e Manoukian distinguono due modi di concepire la ricerca-azione. Da una parte considerano la ricerca-azione come metodo, dall’altra presentano la ricerca azione come approccio.

Segnalando le caratteristiche delle due concezioni, da un lato troviamo la ricerca-azione come metodo:

  • Orientamenti sperimentali e induttivi.
  • Istituzionalizzata e identificabile.
  • Obiettivi definiti.
  • Strumenti specifici.
  • Specifiche figure professionali.
  • Complessità.
  • Ci si espone al rischio che venga contestata la legittimità scientifica.

Su un altro versante si colloca la ricerca-azione come approccio:

  • Orientamento partecipativo.
  • Riferimenti che possono essere qualificati come ideologici.
  • Riconoscimento di competenze e conoscenze dei soggetti coinvolti.
  • Attenzione alla comunicazione e al coinvolgimento di individui e gruppi.
  • Rischi di idealizzazione e di contrapposizioni fra fautori e detrattori.

Le due concezioni di ricerca-azione potrebbero enfatizzare la contrapposizione fra metodo sperimentale e induttivo e approccio partecipativo. Gli autori sostengono che per evitare la contrapposizione fra le due concezioni e legittimare la ricerca azione è importante collegare le due rappresentazioni riconoscendo e gestendo l’intrinseca ambiguità. Più che aderire a una o l’altra concezione si tratta di chiarire che gli interventi di ricerca-azione mirano ad affrontare situazioni problematiche e a promuovere cambiamenti organizzativi.

Brunod e Manoukian nel paragrafo introduttivo, riguardo al cambiamento, indicano due prospettive. Si può pensare di cambiare adeguandosi a prescrizioni normative che fissano assetti desiderati o eseguendo obiettivi stabiliti dai vertici organizzativi. Si può cambiare perché nuove modalità di lavoro vengono valutate più efficaci. Gli attori sociali riconsiderano le esperienze e riformulano il senso del loro lavoro. Più gli attori sono influenti, più è confuso il disegno atteso, maggiore è l’incertezza dei passi da compiere, più appare rispondente la seconda concezione di cambiamento.

E chiudendo il paragrafo discutono le locuzioni “ricerca-intervento” e “ricerca-azione”. Mentre nella prima l’accento cade sul termine ‘intervento’ a sottolineare l’iniziativa esperta e risolutiva. La seconda sembra sottolineare come le azioni e le interazioni sono fonti di conoscenza e di comprensione e come quindi consulenti e attori siano chiamati ad investire nell’impegno conoscitivo.

Quali sono precondizioni generali e specifiche, identificate dagli autori nel secondo paragrafo del loro contributo, motivano la realizzazione di attività di ricerca-azione?

  • Premesse generali. Crisi dei modelli decisionali rappresentativi in cui le autorità sono percepite come distratte, distanti e non sempre competenti rispetto alla complessità dei problemi. Specialisti e figure tecniche utilizzano paradigmi razionali e metodi scientifici che conducono a soluzioni astratte e inapplicabili.
  • Premesse specifiche. I soggetti percepiscono difficoltà diffuse e ritengono le strategie praticabili insoddisfacenti; si trovano dunque nelle condizioni di riconoscere la presenza di diversi punti di vista e l’impossibilità di affidarsi a modelli di cambiamento. Attraverso momenti di confronto e di ascolto delle diverse rappresentazioni si determinano condizioni in cui sembra essere possibile comprendersi; gli attori coinvolti si riconoscono in condizioni di incertezza che apre a esplorazioni, e a volte momenti di formazione possono favorire tali condizioni.

Brunod e Manoukian suggeriscono di accompagnare la fase di avvio di una ricerca-azione prestando attenzione a diversi aspetti. Di seguito alcune indicazioni che si possono trarre dal terzo paragrafo del loro articolo.

  • Per accompagnare l’avvio di un percorso di ricerca-azione è opportuno introdurre una fase preliminare di contatto con le persone, i gruppi e le loro storie. Si tratta di raccogliere informazioni su un contesto sconosciuto ma anche di entrare in contatto con i modelli di comportamento e relazione praticati nell’organizzazione. Un primo passo è dunque la costruzione di una sorta di mappa del terreno e del possibile percorso.
  • Un secondo aspetto da curare è la costruzione di un gruppo di progetto che si faccia carico della ricerca-azione, un gruppo composto da persone interessate, motivate, disponibili a sperimentare modalità di lavoro non usuali.
  • Anche la conduzione di incontri aperti è uno snodo importante nell’avvio di una ricerca azione. Per evitare incontri rituali, si tratta di preparare momenti di lavoro collettivi che aiutino a costruire una visione d’insieme.
  • L’esistenza di prove di ricerca, di attivazioni, di disponibilità e di conoscenze pregresse costituisce un ulteriore elemento facilitante.
  • Un altro aspetto che facilità l’avvio di una ricerca-azione è la consapevolezza di far parte di una organizzazione, riconoscendo le interdipendenze reciproche.
  • L’innesco di una ricerca-azione è favorito dall’apertura alla costruzione di nuove rappresentazioni e comprensioni. In questa prospettiva i ricercatori possono assumere un ruolo di facilitatori anche attingendo ad esperienze precedenti.

Gli autori nel quarto paragrafo del loro contributo puntano l’attenzione sulla fase di sviluppo di una ricerca-azione fornendo alcune indicazioni.

La ricerca-azione ha bisogno di tempo:

  • per raccogliere informazioni, riflettere, sperimentare e sviluppare nuove comprensioni del lavoro;
  • per attivare i legami affettivi fra le persone e le attività che svolgono;
  • per riconsiderare le rappresentazioni in uso;
  • per attivare movimenti personali e organizzativi che promuovano cambiamenti;
  • per immaginare nuove modalità per affrontare i problemi identificati.

Il ruolo dei consulenti nel sostenere i processi di realizzazione della ricerca-azione richiamando al senso che guida le attività è essenziale. Si tratta di svolgere un lavoro di connessione continua.

Brunod e Manoukian poi nel quinto paragrafo dell’articolo sulla ricerca-azione, si soffermano sugli esiti di tale approccio alla luce delle loro esperienze affermando gli esiti della ricerca-azione sembrano riferirsi a cambiamenti in origine non preventivabili, condivisi e significativi per le organizzazioni e chi vi lavora. Dal particolare lavoro di indagine-intervento emergono nuove rappresentazioni, nuove conoscenze, nuove relazioni fra le persone e nuove risposte a problemi importanti. La ricerca-azione si configura quindi come un’azione sociale di meta-conoscenza e di sviluppo di competenze più adeguate, che rendono persone e gruppi più capaci di rapportarsi alla pluralità dei punti di vista in gioco. Gli esiti della ricerca-azione per essere efficaci hanno l’esigenza di essere resi evidenti, leggibili, apprezzabili. Accade così che esperienze di ricerca-azioni liberino energie e interessi personali e nei gruppi, attivino la disponibilità ad affrontare la complessità della realtà.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 17 April 2010 by in Psicosociologia.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 215,782 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: