Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

… come l’ultimo giorno di scuola

Non sembra vero.
Il corso di Psicosociologia dei gruppi e delle organizzazioni 2009-2010 è finito.
Quasi.
Mancano le autovalutazioni e le restituzioni (voti…), qualche incombenza burocratica, la registrazione, la consegna del registro. In effetti giovedì 17 giugno 2010, la mattina, ci sarà il primo appello. Seguirà dalle 11:30 alle 14:30 un laboratorio sulla scrittura dell’e-mail di autocandidatura. Insomma il corso è finito (ma non del tutto).

Cosa sia la fine di qualcosa è questione esplorabile. Da un punto di vista filosofico, ma non solo.
Me la cavo alludendo a Michel de Certeau, secondo il quale scrivere la storia (valutare, potremmo dire in una prospettiva psicosociologica), nominare e descrivere qualcosa che (si) è concluso, equivale a fare spazio alle nuove cose che verranno (cfr. La scrittura della Storia, Jaca Book, 2006 (ed or. 1975), pp. 101-120).
E’ proprio così. Ho già aperto nuovi file e nuove cartelle. Alcune consulenze – tenute in stand-by – premono. Ma devo trovare il modo per raccogliere e archiviare l’esperienza di questi mesi. Non può restare in giro, almeno non in modo così intenso e diffuso.

Ma qual è il modo di finire di un percorso formativo?
E’ la prima volta che ci penso (in modo non tecnico, ma riflessivo).
Posso provare a dire cosa sta accadendo a me, adesso.

  • Mi accorgo che ripenso al lavoro fatto in questi tre mesi. Intensi. Sembra un tempo più lungo.
  • Il corso è finito ieri e ne ho già parlato con tre miei colleghi/e: lunghe conversazioni, rievoco episodi, passaggi difficili, ascolto le loro impressioni, le loro reazioni ai miei racconti. Penso alle domande che mi fanno e alle ipotesi che avanzano.
  • Lo sciame di mail di chiusura mi sollecita. Cosa dicono i commenti alle foto su facebook? Si fa strada qualche disappunto, un certa quantità di dubbi, una galleria piuttosto intricata di scambi, di passaggi, di accadimenti. Come mettere ordine?
  • Da un lato vorrei chiudere, e dare spazio alle incombenze in agenda, dall’altro vorrei poter pensare con calma. Che spazi meta riflessivi consentono i percorsi formativi (che sono anche spazi riflessivi)? Ci sarà tempo. Un buon momento, nelle due passate edizioni, sono stati i momenti di valutazione. Ho pensato che il 10 settembre 2010, la mattina, potrebbe essere un buon momento per invitare chi vorrà (e potrà) a fare il punto della situazione (una valutazione ex-post, a mente fredda…). Saranno passati alcuni mesi, le emozioni avranno lasciato il posto ai ricordi. Si potranno prendere in considerazione con maggior distacco questioni che sono ancora fluttuanti.

E adesso che ci penso, mi viene in mente l’ultimo giorno della scuola materna (in fondo possiamo considerare anche la scuola materna un percorso formativo) di Giacomo, mio figlio grande, che a giorni compie 11 anni, ma che all’epoca stava per compiere i 6 anni. L’ultimo giorno è stato un giorno speciale. Tutti insieme in giardino. Le maestre chiamavano  i bambini/e uno alla volta e consegnavano loro  un diploma da appendere, con la foto del loro gruppo e la poesia di Rodari Una scuola grande come il mondo. I genitori si sono commossi. Poi c’è stata una grande festa.

Se davvero è come l’ultimo giorno di scuola , a costo di perdere l’equilibrio e di scivolare verso il sentimentalismo anni ’70, provo a dirla così, con le parole di Gianni Rodari:

Una scuola grande come il mondo
C’è una scuola grande come il mondo.
Ci insegnano maestri e professori,
avvocati, muratori,
televisori, giornali,
cartelli stradali,
il sole, i temporali, le stelle.

Ci sono lezioni facili
e lezioni difficili,
brutte, belle e così così…
Si impara a parlare, a giocare,
a dormire, a svegliarsi,
a voler bene e perfino
ad arrabbiarsi.

Ci sono esami tutti i momenti,
ma non ci sono ripetenti:
nessuno puo’ fermarsi a dieci anni,
a quindici, a venti,
e riposare un pochino.
Di imparare non si finisce mai,
e quel che non si sa
è sempre più importante
di quel che si sa già.

Questa scuola è il mondo intero
quanto è grosso:
apri gli occhi e anche tu sarai promosso!

Qualcuno, su Fb ha commentato che forse ero il più felice. Non lo so. Certo ero felice. E anche abbastanza stupito;-)

5 comments on “… come l’ultimo giorno di scuola

  1. Pingback: 2010 in review « Mainograz

  2. anna
    1 June 2010

    allora mi raccomando un bel trenta a tutti:)….

  3. anna
    31 May 2010

    ciao G.

    ma tutte queste faccine giovani e allegre , dovranno sostenere l’esame???con te?

    Ragazzi/ e in bocca al lupo…( si usa ancora questo termine?))……

    Anna

    • Anonymous
      31 May 2010

      sì sì…si usa!
      CREPI! :p

    • mainograz
      31 May 2010

      Certo che sostengono gli esami, che non finiscono mai;-/
      E li sostengono faccia a faccia con la mia faccina allegra;-))

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 30 May 2010 by in Generale, Psicosociologia and tagged .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 208,137 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: