Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Dante, irriverenza e cooperazione

Anna ha pubblicato su Facebook le terzine della Divina Commedia nel quale Ulisse esorta i suoi compagni a superare le Colonne d’Ercole (Inferno, XXVI, 112-120).
Rilancio l’orazion picciola a mia volta.

"O frati", dissi,"che per cento milia perigli siete giunti a l'occidente, a questa tanto picciola vigilia d'i nostri sensi ch'è del rimanente non vogliate negar l'esperïenza, di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza.

Ignoro per quale motivo Anna abbia ripreso il passo.
Mi chiedo se c’entri l’avvio della maturità…

A me il passo mi viene da riscriverlo.
[Mi trattengo, è Dante!
… eppure, con un paio di aggiustatine, mi suonerebbe ancora più prossimo.]

Soci/e, se ce l’abbiamo fatta sin qui,
possiamo andare avanti.
Quello che ci sembra un faticoso traguardo è la vigilia di nuove esperienze.
Non poniamoci vincoli.
Non lasciamoci sedurre dal volgere alterno delle cose.
Consideriamo le nostre potenzialità.
C’è ancora spazio per esplorare, per innovare…
Ci siamo costituiti in cooperativa (di ricerca e consulenza) per lavorare in autonomia, costruire opportunità per i clienti e sviluppare nuove conoscenze.
Per questo oggi vi chiedo di approvare il bilancio consutivo dell’esercizio concluso e il budget preventivo dell’esercizio in corso.

In fondo Dante si è servito di Ulisse per fare un discorso da cooperatore.
Con la leggera retorica che contraddistingue questi co-imprenditori, quando si ritrovano a celebrare il rito dell’assemblea.
Niente di più.

;-)


4 comments on “Dante, irriverenza e cooperazione

  1. mainograz
    22 June 2010

    Nessuno sprofondamento.
    Tuniche strette in vita.
    Saldi ai remi.
    Incuranti.

  2. Franca Maino
    22 June 2010

    Geniale!
    Un abbraccio, Franca

  3. vittorio
    22 June 2010

    e un attimo dopo, il Graziano in tunica e sandalini sprofondò nel nulla del post-Ercole??
    anche se l’ardito accostamento è un bellissimo gesto ulissico!!
    bravo Graz ed orsù!

    vittorio

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 22 June 2010 by in Generale, Quanto basta and tagged , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 218,254 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: