Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Non siamo qui a pettinare le giraffe

Biblioteca di Cologno.
Sul muro della sala studio è comparsa la scritta “Non siamo qui a pettinare le giraffe”.
Oscuro il significato dell’impegno che la mano adolescenziale ha voluto pubblicamente assumere.
Indecifrabile l’affermazione virante all’ammonimento prefigurativo.
Prendo atto, e passo oltre.
No, un momento, rewind (!)
L’espressione qualcosa vorrà pur dire al mondo…
Cosa?

Noto che l’espressione “Non siamo mica qui a pettinare le bambole” è un tormentone all’apice dell’uso (politico e non solo).
Per puntiglio ne vorrei esaminare le componenti meccaniche.
Pettinare le bambole è un’attività che fanno (prevalentemente) le bambine.
È un gioco da bambini(e!)
Infantile coazione a ripetere.
Insulso fantasticare.
Non è solo perdere tempo, è non rendersene conto, e compiacersene.
È un’attività al limite dell’autoerotismo.
È ripetizione, dispersione, svagamento, illusione, dimenticanza, sconnessione.
E anche se sappiamo che giocare non è sprecare ma costruire, la metafora può essere servita con destrezza nonchalante.
Ripetuta, per collocarci in un discorso di rimandi sociali e mediatici.
Per darsi tono, distinguersi, riposizionarsi.
“Non siamo mica qui a pettinare le bambole” l’avrà detto qualche lubrificatore televisivo.

In fondo si vorrebbe semplicemente dire: “Non sono disponibile (e neppure voi qui convenuti) a perdere il nostro prezioso tempo di adulti subissati di importanti cose da fare. Orsù, al lavoro”.

Come si sia passati all’azione di pet-terapy che comporta l’accudimento delle giraffe non solo so.
Che sia per discostarsi da un’implicita svalorizzazione della figura femminile?
Che sia per sia un’operazione di modificazione genetica rivitalizzante un proclama in procinto di collassare?
Che sia una sfida giovanile al potere della nonnocrazia?
E chi lo sa?

Un po’ come lo scorso autunno, quando si impose l’espressione “devastato”.
Tutto (ma proprio tutto) era devastato.
“Sono devastato dalle vacanze”.
“Vengo da un incontro che mi ha devastato”.
“Questo caldo ci devasta”.
“Il capo mi devasta”.
“Mia moglie mi devasta”.
“I miei figli mi devastano”.
Molteplici cose devasta(va)no parti diverse del mio corpo.
Poi silenziosamente la parola è uscita di scena.
Orfani di cotanto iperbolico termine, ottimo ad indicare un imprecisato stato d’animo e di cose, essenziale per esprimere la fatica di vivere, senza però vincolarsi a quel tanto di precisione che permette di comprendere, ci apprestiamo a svernare.
Misteriosa condizione quella della devastazione.
Prostràti ma non vinti.
Pronti a riprendere la lotta, sebbene affaticati.
Pubblicamente espliciti, ma sostanzialmente riservati, come si addice a chi è costretto dall’intensità delle relazioni a districarsi sapendo che esporre è sottacere.

Quale sarà la prossima espressione tuttofare?

4 comments on “Non siamo qui a pettinare le giraffe

  1. vittorio
    6 December 2010

    seguendo i ragionamenti, la bellezza del trovare piacere nel pettinare bambole (e lo fanno anche i maschi) e nel guardare un bambino-a che lo fa (concentrato, accurato, attento a non fare male, preciso nel cercare di mettere ordine al mondo, partendo dai capelli ….), ecco pensare ad una giraffa, alta e non particolarmente dotata di criniera, mi fa venire un po’ di malinconia, come se si fosse di fronte ad un compito impossibile, piuttosto che ad un compito solitario e inutile. Mi suona un po’ come ‘non siamo qui ad arare la luna’…grazie a voi!
    v

  2. Martina Cecini
    23 November 2010

    Grande attenzione
    alla realtá
    complimenti…
    Un abbraccio
    Zia Martina

  3. mainograz
    20 November 2010

    Danke Butch,
    si chiarisce (almeno un po’) l’arcano.
    Trattasi di fusione ardita tra due espressioni che condividono la svalorizzazione dell’infanzia e la preoccupazione per attività perditempo.
    Metafore ammonitrici nordiche?

  4. Butch
    20 November 2010

    senza nulla togliere alla magia del graffito…

    è l’unione dell’espressione “Non siamo qui a pettinare le bambole” e “Non siamo qui a togliere le macchie alle giraffe”.

    Io personalmente preferisco: “We’re not here to make the monkey dance”.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 19 November 2010 by in Se scrivere è organizzare... and tagged , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 207,336 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: