Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Maino, te che lavoro fai?

Lavoro con le organizzazioni…

[Ma oggettivamente non è facile spiegare il mestiere che faccio.]

Oggi ci ho provato, alla Facoltà di Psicologia dell’Università Bicocca – nell’ambito di un ciclo di incontri sulle professioni di area psicologica – organizzati da Luca Vecchio e Veronica Velasco.

Se dovessi dire in sintesi, a me sembra di lavorare a più cose contemporaneamente, allo sviluppo di strumenti per le organizzazioni e alla costruzione di compentenze utili alle persone e ai gruppi di lavoro, cercando di costruire conoscenze con approcci di ricerca sociale e di ricerca azione, promuovendo riflessioni sulle esperienze e relazioni più partecipate.

Provo a pubblicare le slides che ho presentato.
Ogni commento che aiuti a precisare meglio è benvenuto;-)

.

PS
Sopra, nella foto, alcune domande dei/lle partecipanti.

  • Quanto contano gli sconfinamenti disciplinari? Da 1 a 10, 10.
  • Di che cosa è fatto il suo lavoro? Internet e telefono, viaggi: macchina e treno, incontri, riunioni, lavori con piccoli e medi gruppi, lavori a due o a tre, studio, scrittura.
  • Da 1 a 10, quanto serve l’inglese? 11.
  • Le microimprese e le piccole organizzazioni chiedono aiuto? Sì, se sono supportate da reti o da organizzazioni di rappresentanza. A volte sono così in difficoltà da chiedere aiuto troppo tardi.
  • A cosa servono le teorie? Mah, possono essere gabbie (inconsapevoli), paraocchi (tranquillizzanti), strumenti (disponibili).

6 comments on “Maino, te che lavoro fai?

  1. Giovanna
    11 June 2011

    Grazie… posso stampare e portare con me il post?
    Almeno chi mi chiede “Che lavoro fa tuo marito?” si ritrova con un bel malloppo di carta da leggere…
    Almeno il curioso di turno impara a farsi i fatti suoi !

  2. anna
    10 June 2011

    quindi??? che lavoro fai???::))

    • mainograz
      13 June 2011

      Anna Ravanelli,
      ti riconosco dall’uso smodato di punti di domanda!!!

      ;-)
      Tu sai benissimo che lavoro faccio.
      E provochi!
      Perchè???

      PS
      Soprattutto dopo tanto tempo passato lontano dal blog: quando ti decidi ad essere ‘ospite della settimana’?

  3. albertoponza
    2 June 2011

    Proattività, interdisciplinarietà, cambiamento…

    Ricerca, sviluppo…

    Lavoro, fatica, travaglio…

    ;-)

  4. Laura
    31 May 2011

    veloci come te le slide.. c’è un modo per visualizzarle più lentamente?

    • mainograz
      31 May 2011

      Ciao Laura,
      che piacere:-)

      Veloci per non spaventare… fermale con lo stop, man mano che passano, così le leggi con calma;-)
      Ciao
      Graziano

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,682 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: