Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Verso l’epoca delle passioni inedite?

Una limitata varietà di emozioni, oppure PEAS, oppure…

Gli emoticons sono tanti, eppure ne uso un range ridotto… alla fine cado sempre su quelli.
Un po’ come il lessico.
Un italiano alfabetizzato (ri)conosce 7000 parole: il vocabolario di base, formato da un vocabolario fondamentale di 2000 parole, da uno di alto uso composto da 2300 parole e da uno di alta disponibilità di 2300 (fonte: Tullio De Mauro, Guida all’uso delle parole, Editori Riuniti, 12° edizione, 2003).

Riconosco gli emoticons quando li vedo (di norma).
Conosco più o meno (ma sono incerto) una ventina di significati.
Ne uso cinque o sei.
(Per chi vuole un elenco lungo il giusto, vale la pena un salto alla voce Emoticon di Wikipedia)

Una prima duplice domanda: ho difficoltà di apprendimento o si tratta di PEAS (sindrome da atrofia emotiva progressiva, progressive emotional atrophy sindrome).

Se si tratta di difficoltà di apprendimento non c’è che un rimedio.
Stampare una buona lista di emoticons, appenderla in cucina, sugli stipiti delle porte, sullo specchio in bagno, dentro e fuori le ante degli armadi e delle antine della scarpiera, così da venire inesorabilimente sospinto all’apprendimento per eccesso continuativo di stimoli (infestando lo spazio visivo, superato il rigetto, sopraggiunge il condizionamento estorto).

Se si tratta di PEAS allora non so che fare… se non assistere – osservatore distaccato – alla caduta degli ultimi baluardi emozionali. Nessuno mi può aiutare. Né vi sono rimedi. La letteratura medica è implacabile. Alla fine si entra prima in uno stato vegetativo, niente ti scuote, tutto ti è alieno. Poi, almeno questo riferisce il digesto medico psicopatologico internazionale, il cuore pur continuando a battere si indurisce, facendosi ingranaggio pietroso e nell’ES il ribollire delle passioni si acquieta silenzioso.

Vi terrò aggiornati.
(Ma se sarà PEAS non me ne fregherà più nulla.)

Epperò, prima che sopraggiunga la morte emotiva, mi rimane la curiosità di sapere di che textura son fatti gli emoticons – ecco la seconda batteria di domande -.
– Mi chiedo se cambiano e come.
– A quale evoluzione siano soggetti nel tempo.
– Se significano emozioni diverse in culture o ambienti differenti.
– Se noi possiamo cambiarli, e come (che forse per allontanare frigobar delle passioni è necessario sostiuirli, intercambiarli, immetterne di nuovi).

Se ci sono microaccordi locali, che so, emoticon tra moglie e marito, e oltre agli emoticon coniugali, emoticons da subcodice professionale (emoticons fra parrucchieri/e, consulenti, avvocati/e, psicologi/e, mediatori/trici, maestri/e, cantanti, taxisti/e, e così via).
Oppure emoticons di classe (nel triplice senso di: emoticons di classe sociale di appartenenza; emoticons che fanno figo, cioè glamour; oppure emoticons di classe delle superiori…)

Ad esempio.
Un caro amico che fa il bancario (e tanto altro ancora) quando mi scrive, ognitanto usa questo emoticon >:O = accigliato che ti sollecita, equivale a: allora ti muovi, perché comincio ad arrabbiarmi... Sarà un’emoticons capitalista?

Un altro esempio.
Per parte mia mi capita di usare (abbastanza) spesso l’emoticon ;-/
Non so se vale, ma per me è la fusione fra l’occhiolino di intesa ;-) e il digrignare i denti per il disappunto :-/ (che ho trovato che invece andrebbe usato per segnalare il tono sarcastico).
Ora la somma di ;-) + :-/ = ;-/ che equivale a dire: le cose non sono andate per il verso giusto, ma ce la posso fare, ho un piano B, sperabilmente;-/

Forse per superare la PEAS è necessario uno sforzo di creatività scompaginante volto a produrre emoticons mai visti prima.
Si tratta cioè di non cedere alle passioni classificate, ma di inventare, sperimentare e nominare (per sé e pubblicamente) passioni inedite.

Ecco, forse è il caso di marciare convinti verso l’epoca delle passioni inedite.

PS
Proporrei anche che qualche programmat* illuminat* elabori un software che produca emoticons per effetto della mescola di verbi, aggettivi, sostantivi, avverbi (e altro ancora), oppure dalla mescola di segni random ne scaturiscano definizioni, oppure…
[ma tanto sicuramente c’è già e sono solo io che non lo so]

PPS
Emoticon è maschile o femminile?
Un emoticon o un’emoticon?
Le emoticons o gli emoticons?
Boh.

3 comments on “Verso l’epoca delle passioni inedite?

  1. Giovanna
    11 June 2011

    Ma la faccina che inseriamo nel nostro scritto esprime, attraverso un unico simbolo, tutta quella gamma di emozioni che proviamo in quel momento?
    Che fretta abbiamo? Per accorciare i tempi, “abbreviamo” anche le emozioni.
    Spesso mi capita di leggere messaggi (succede negli sms) che sembrano codici fiscali; tra qualche tempo (se non è già arrivato il tempo) descriveremo le nostre emozioni, senza troppe parole e soprattutto senza tanta fatica, solamente con emoticons.
    A quel punto credo che smetterò di leggere.

    |-ZZ !
    (cioè ho sonno, ma non riesco a dormire e questa cosa mi infastidisce parecchio)

  2. vittorio
    6 June 2011

    un’espressione emozionale che richieda tutto questi impegno cognitivo
    mi stufa subito!!

    anche se sono completamente d’accordo:

    ?-\
    (cioè, ho un orzaiolo nell’occhio sinistro e questo mi rende difficile accettare
    gli altri esseri umani)

    § -)
    (cioè, sono arrivate le scollature estive!!)

    %)
    (cioè, sto mentendo anche a me stesso che pinocchio mi fa un baffo)

    &-[
    (cioè, sono adolescente da tre mesi ed odio portare l’apparecchio ai denti, almeno ho l’iphone)

    buona settimana!!
    v

  3. Giovanna
    4 June 2011

    :-)

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 3 June 2011 by in Generale, Se scrivere è organizzare... and tagged , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 232,632 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: