Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Quali atteggiamenti nell’affrontare l’innovazione?

Ecco un post che raccoglie alcuni appunti, in preparazione ad un workshop sul tema dell’innovazione…

[Si obietterà che così non c’è gusto, che non vale scoprire le carte.
Per parte mia non la penso così.
Intanto qualcosa succederà nel corso del workshop…
Molte idee verranno messe in circolo, e – avendo preparato qualcosa da dire -, potrò abbandonarmi al piacere di ascoltare, senza preoccupazioni performative.
In più, se qualcuno leggerà questi appunti preparatori, potrà eventualmente commentarli, aprendo così un’interlocuzione di approfondimento.
Da ultimo, cosa c’è di meglio di un post per raccogliere fugaci idee in movimento?]

Quali atteggiamenti possono aiutare nell’affrontare l’innovazione?

Tento la via dell’elenco (con i connessi rischi di apoditticità e superficialità):

  • Considerare le rappresentazioni, le idee che – più o meno consapevolmente – abbiamo dell’innovazione;
  • Dare valore alle proprie esperienze e agli ambiti tradizionali nei quali si è inseriti. L’innovazione non è necessariamente superamento, dismissione, rottamazione della propria storia e delle soluzioni che si sono nel tempo adottate, anche solo per poterle riconsiderare criticamente senza “svalutazioni svalorizzanti”. Le culture organizzative, in quanto sistemi di messa a punto di risposte efficaci, non traggono benefici del disprezzo, semmai da sguardi curiosi volti all’evoluzione.
  • Promuovere situazioni in cui si possano incontrare punti di vista divergenti, relazioni inattese, posizioni dissonanti. Fra le possibili occasioni, in genere apportatrici di momenti destabilizzanti ma non distruttivi, possiamo annoverare le attività di formazione, gli interventi di consulenza, i momenti di supervisione.
  • Considerare le trasformazioni del mercato, e più in generale dell’ambiente in cui ci muoviamo (e delle organizzazioni in cui ci muoviamo). I cambiamenti sono continui, e spesso osservazioni non distratte consentono di individuare tendenze, ricorsività, schemi… opportunità.
  • Mettere in conto risorse ed energie per cambiare. Se si sta a pancia bassa, se il lavoro e l’operatività quotidiana assorbono tutte le forze, se non rimangono spazi insaturi e tempi da dedicare alla ricerca (o anche solo alla riflessione) è difficile costruire momenti intenzionalmente dedicati all’innovazione.
  • Imparare qualcosa delle crisi, degli incidenti, dagli sbagli, dagli imprevisti, dai pericoli evitati, e anche dai successi e dai risultati positivi. Qualche erratica – o sistematica – forma di apprendimento dalle proprie e altrui esperienze non possono essere trascurate (e cercare attivamente di imparare dagli errori non implica che si debba prestare poca attenzione a evitare di commetterli).
  • Introdurre piccoli cambiamenti effettivi, perseguirli, mantenerli e farli crescere nel tempo, verificando la capacità che questi hanno di fornire risposte sostenibili e prospettive desiderabili.
  • A volte discontinuità radicali non sono sostenibili (né economicamente, né emotivamente). Riorganizzare, modificare, aggiornare, ripensare quello di cui si dispone è il massimo concesso. Riassemblare con un po’ di trasgressività può anche essere piacevole. E per ricombinare creativamente è necessario mettersi a portata di mano materiali riutilizzabili, forzare le cornici, sfidare le sicurezze, chiedersi “perchè no?”.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 227,473 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: