Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Forse l’idea di festa non ci sta. O ci sta in modo particolare…

Daniela, Anna e Laura* il vostro post mi fa riflettere.

Oggi in Università nessuno ha fatto cenno alla giornata della donna.

Ho visto solo un mazzo di mimose su una sedia.

Dipenderà dalla riservatezza che – più di quanto non si pensi – attenua le relazioni interpersonali in ambiente accademico?

O dal sentire qualcosa di stonato nel regalare mimose (gesto tardivo e solo semaforico)?

O dal fatto che non è facile ragionare (senza retorica) di differenze, tenendole distinte dalle diseguaglianze, dalle prevaricazioni e dalle violenze?

Forse l’idea di festa non ci sta.
O ci sta in un modo particolare.
Molte cose non vanno e i dati che avete rilanciato lo dimostrano, ma colgo anche segnali in controtendenza, che forse si potrebbero valorizzare, senza per questo dimenticare i problemi.

Rilancio il vostro post per condividerlo con le persone che ho incontrato (e che incontrerò).

A lunedì,
Graziano

.

* Daniela Gatti, Anna Omodei e Laura Papetti (colleghe delle quali sono socio in Pares) curano il blog Conciliazione Plurale (e non solo:-)

Conciliazione plurale

A cura della Redazione di Conciliazione Plurale

Un po’ di storia

Oggi è la Giornata Internazionale della Donna, il Women Day nel mondo anglosassone, impropriamente e comunemente chiamato in Italia (come scrive wikipedia) “Festa della donna”. Impropriamente, perché questa data ha poco a che fare con feste, fiori e cioccolatini: è una giornata per ricordare le disuguaglianze e le violenze subite dalle donne in ogni parte del mondo, ieri come oggi, e, insieme, per lottare contro le discriminazioni in ambito sociale, politico ed economico.

La prima ufficiale “Giornata della donna” fu celebrata il 28 febbraio 1909 negli Stati Uniti: promossa dal Partito socialista, era una manifestazione per ottenere il diritto di voto femminile, ma  anche per contrastare lo sfruttamento delle operaie in termini di basso salario e di orario di lavoro.

Molte sono state le conquiste ottenute dalle donne nel secolo trascorso, ma ancora ampio è il gap tra…

View original post 1,323 more words

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 8 March 2013 by in Generale.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 227,911 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: