Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Attenzione ai brevi testi che lanciano eventi su Fb (#WSL20)

WSL20

Sì, forse, no?

Facebook offre un servizio molto interessante: il lancio di eventi con la possibilità di invitare. C’è una regola sociale che va prendendo forma, ma che nella attuale fase di evoluzione a me continua ad apparire incerta:

  • Parteciperò: davvero o in senso figurato: (ti sono vicino)?
  • Forse: nel senso che vorrei partecipare ma non posso oppure nel senso che mi piacciono le persone che lanciano l’evento, ma l’evento non mi interessa?
  • Invitati: è interessante capire a chi è rivolto l’evento, o chi è stato invitato: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei…

Quando ricevo un invito a un evento, scorro rapidamente: Chi lo manda? Di cosa si tratta? Quando si terrà e dove? Chi partecipa?

Chi promuove l’evento?

Bella domanda:

  • conosco la persona;
  • siamo dei reciproci sconosciuti, ma tecnologicamente connessi da Facebook,
  • siamo conoscenti per interposta persona;
  • ci si conosce di vista;
  • è mio cugino, che mi tiene informato;
  • si tratta di una persona che conosco e apprezzo?

Be’, le cose cambiano, e così la nostra risposta.

Di cosa si tratta?

Se non afferro il contenuto al volo mi irrito (è sempre la stessa cosa, dai tempi delle superiori: cosa, chi, dove, quando e perché).

Chi partecipa, chi è in forse, chi è stato invitato?

Che si tratti di informazioni chiave lo abbiamo detto. Ritorno sul punto. Nel promuovere Social Writing Lab avrei voluto poter mettere il nome di alcune persone, che co-organizzano o che sponsorizzano. Persone che stimo e sono molto conosciute. A colpo d’occhio i destinatari avrebbero visto i/le partecipanti e, con un classico effetto di persuasione della fonte, avremmo avuto dei testimonial di rinforzo all’invito. I forse sono più delicati perché meno decifrabili, ma proprio per la loro indeterminatezza, fuorvianti: ne tengo conto? Rimando l’invito? In genere non scrivo mai ‘forse’ e non scrivo mai ‘no’. Ah se ci fosse la possibilità di dire: non ci sarò, ma mi piacerebbe molto…

Conoscendo la reazione…

Dal vivo (nella realtà della realtà virtuale) l’analisi di questi punti è rapidissima. Quasi inconsapevole. La reazione di chi ci legge è molto spesso istantanea, ed ecco che parte il click su Parteciperò o su Forse un modo per dire: bell’evento, interessante, sto dalla tua parte, mi piacerebbe.

Su cosa possiamo intervenire in quanto organizzatori? Possiamo decidere chi lancia l’invito, chi invitare e cosa dire.

  • Quando organizziamo e promuoviamo un evento su Fb il nostro profilo preesiste (e per questo possiamo intenzionalmente prendercene cura per l’occasione).
  • Se è una organizzazione o un gruppo che lancia l’evento, può fare la differenza decidere chi sarà la persona che lancia l’evento?
  • Anche sulle persone da invitare il controllo sta a noi. Se la scelta di partecipare, di lasciarci in forse o di astenersi sta agli/lle invitati/e, la scelta di chi coinvolgere è nostra (e parla di noi e dell’evento). Decidere di coinvolgere l’immagine di altri diventa parte del processo di promozione.
  • Un altro aspetto (vitale) su cui possiamo intervenire, che dipende strettamente da noi, è la cura del testo che presenta l’evento: titolo, spiegazione, luogo e ora. E qui ci giochiamo molto. Il formato per promuovere eventi che Facebok mette a disposizione ha alcune sue rigidità. Si promuovono eventi: cioè appuntamenti singoli, con un inizio e una fine, geolocalizzabili. Ma non si possono promuovere eventi multipli, come ad esempio il nostro laboratorio di formazione. Per ogni incontro dovremmo fare un evento ad hoc (o spostare di volta in volta l’evento).

Quanto

Tra tutte le cose importanti, mi pare vitale non generare fraintendimenti: sul ‘quanto’, non è secondario essere chiari, per non provocare imbarazzi: se l’evento ha un costo, questa informazione deve essere visibile senza confusioni.

Recall

Fb automaticamente fa un recall degli eventi a cui si partecipa e notifica gli interventi sulla bacheca dell’evento. Così un semplice post da parte di partecipanti o organizzatori funziona da recall implicito in molti casi.

A questo punto

A questo punto ci piacerebbe raccogliere episodi di promozioni di eventi in cui il testo (e l’uso di Fb) hanno prodotto effetti inattesi…

.

WSL20 = Writing Social Lab 2.0

info qui

2 comments on “Attenzione ai brevi testi che lanciano eventi su Fb (#WSL20)

  1. Pingback: People we work with (#WSL20) | PARESBLOG

  2. Pingback: People I work with (#WSL20) | Mainograz

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 215,951 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: