Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Organizzazioni in/conoscibili (scheda-commento) #psicosociologia

A dispetto dei desideri e dei discorsi, le organizzazioni sono luoghi-sistemi-relazioni non facilmente conoscibili.

foto

Per fornire alcune chiavi concettuali e contribuire ad articolare la questione, scelgo e sintetizzo alcuni spunti in tema di organizzazioni dalle riflessioni che Franca Olivetti Manoukian ha sviluppato nel primo, nel secondo e nel quinto capitolo del testo – scritto a quattro mani con Cesare Kaneklin – Conoscere l’organizzazione. Formazione e ricerca psicosociologica, La Nuova Italia Scientifica, 1990.

Cap. 1 > Idee in circolo sulle organizzazioni

Molti e inconsapevoli significati del termine ‘organizzazione’

In Conoscere l’organizzazione, nel primo capitolo dal titolo “La conoscenza dell’organizzazione”, Manoukian introduce un excursus sull’idea di organizzazione e nota come il termine ‘organizzare’ sia stato usato con significati differenti: dal formarsi degli organi, al mettere in ordine, al preparare, e con una ambiguità non risolta: ‘organizzazione’ indica il processo (l’agire per organizzare) e il risultato di questo processo (l’entità organizzata). E la contrapposizione crea una tensione fra due concezioni: organizzazione come sistema chiuso e organizzazioni come sistema aperto.
Nell’uso, il termine organizzazione, tende a veicolare l’idea di razionalità dei fini, degli strumenti e delle tecnologie impiegate, delle regole vigenti, della struttura e delle connessioni fra le sue parti, dell’autorità che ne dirige l’azione. La prospettiva razionale è stata messa in discussione, sia considerando nelle organizzazioni la presenza di molteplici ed anche configgenti razionalità, sia rilevando una dimensione caotica costitutiva spesso ascritta alla dimensione sociale propria di ogni sistema organizzato.
Manoukian sottolinea poi come l’approccio psicoanalitico propenda per una concezione dell’organizzazione come sistema artificiale ordinato, costituito non solo per raggiungere obiettivi razionali ma  da legami affettivi intensi e difensivi, volti a contrastare la disgregazione e a proteggere dai pericoli esterni.

Indagare e comprendere l’organizzazione

L’organizzazione può essere vista come “una realtà dinamica da indagare e comprendere”.

L’organizzazione è vista piuttosto come realtà dinamica, continuamente e variamente animata da individui e gruppi, attivi al suo interno con propri interessi e comportamenti finalizzati, con strategie diverse, mutevoli nel tempo, difficilmente generalizzabili e soprattutto difficilmente riducibili a variabili dipendenti.
p. 20
Kaneklin C., Olivetti Manoukian F., Conoscere l’organizzazione. Formazione e ricerca psicosociologica, La Nuova Italia Scientifica, 1990.

  • La varietà di organizzazioni possono essere descritte attraverso semplificazioni o come realtà complesse, dinamiche, animate da individui e gruppi. Diverse forme organizzative somiglianti ad arene politiche, in interazione continua con l’ambiente e gli interlocutori.
  • L’interesse può essere diretto verso i processi piuttosto che verso le configurazioni organizzative, l’attenzione si sposta dalla centralità dei fini alle dimensioni storico-culturali.
  • I cambiamenti tecnologici incessanti influenzano il funzionamento delle organizzazioni e ne trasformano le configurazioni.
  • Le organizzazioni vengono studiate, con approcci epistemologici storico-costruttivisti. Centrale diviene anche il ruolo di chi svolge attività di ricerca che fa parte integrante del campo di ricerca: le prospettive di ricerca si fanno più provvisorie e contestuali, frutto di costruzioni locali di significati.
  • L’organizzazione viene vista come sistema mutevole in cui sono in gioco dimensioni individuali, gruppali e sociali anche inconsce. In questa prospettiva si sviluppa attenzione per i soggetti e i gruppi che animano le organizzazioni.

Cap. 2 > L’organizzazione nelle rappresentazioni di chi vi lavora

Punti di vista che non collimano

Nel secondo capitolo di Conoscere l’organizzazione (1999) dal titolo “L’organizzazione nelle rappresentazioni di chi vi lavora”,  Manoukian presenta due prospettive per definire e interpretare le organizzazioni.

  • Gli approcci di ricerca tendono a presentare le realtà organizzative come fenomeni complessi, sfuggenti, la comprensione dei quali appare limitata piuttosto che chiara e salda.
  • Di contro spesso gli individui si servono di idee soggettive considerate affidabili, di precomprensioni con le quali ciascuno avvicina le esperienze che gli occorrono (rappresentazioni che offrono appigli conoscitivi da non trascurare).

Da chi fa parte delle organizzazioni le rappresentazioni personali finiscono per essere utilizzate in modo inconsapevole per costruire concettualizzazioni, mentre gli approcci circospetti e parziali proposti dalle recenti ipotesi epistemologiche sono difficili da accogliere come riferimenti per pensare le proprie esperienze organizzative. In questa prospettiva sono le figure intermedie che si trovano in una posizione chiave per promuovere la conoscenza dell’organizzazione: in contatto con le dimensioni individuali, possono facilitare l’integrazione di diversi punti di vista.

Visione monoculare vs. prospettive pluridimensionali

Da parte di chi lavora nelle organizzazioni possono venire sviluppate visioni diverse:

  • Alcune persone hanno dell’organizzazione un’idea compiuta e forte, che riporta a spiegazioni semplici, causali, lineari: “l’organizzazione è di chi comanda, è una minaccia, è una grande famiglia…” si tratta di rappresentazioni strettamente collegate con le identità professionali di chi le sviluppa, al punto da non potere diventare oggetto di riflessione, ma piuttosto ancore a cui aggrapparsi. Prevale in queste rappresentazioni un’idea chiara e unidimensionale dell’organizzazione.
  • Altri sviluppano prospettive pluridimensionali che per spiegare la complessità delle organizzazioni sembrano essere in grado di assumere la compresenza di molteplici fattori, fra loro variamente connessi. Ma per poter essere considerata efficace la pluralità va ricondotta ad un disegno unitario, ad un modello certo, dinamico, razionale. Divengono rassicuranti e fondativi i metodi sistematici, le processualità codificate, gli esperti di riferimento con i quali si costruiscono armonici modelli interpretativi. E tuttavia questa disponibilità a considerare molteplici e diversi aspetti nell’essere ricondotta all’interno di schemi ordinanti e totalizzanti finisce con il rimuovere le zone di oscurità e incertezza.

Cap. 5 > Per conoscere l’organizzazione

Nessuna esattezza è possibile

Chi si propone di conoscere l’organizzazione è inevitabilmente animato da una preoccupazione di esattezza, ma la conoscenza sistematica, totale, compiuta dell’organizzazione ci è sempre preclusa. Si tratta di una impossibilità strutturale, perché non dipende dai limiti dei metodi o degli strumenti conoscitivi adottati, ma piuttosto all’opacità ineliminabile dei sistemi organizzativi, che sono conoscibili solo per approssimazione, sia che si parta da un’opzione epistemologica debole e parziale, che da una forte e razionale. Da una parte infatti c’è uno scarto tra i l’organizzazione esperita, e la traducibilità in racconto dell’esperienza stessa; dall’altra c’è lo scarto operato dalla necessità di ridurre questi racconti ad elementi  formalizzati  (obiettivi, funzioni, ruoli, norme, procedure…).

Questioni che si ripresentano

Manoukian nota come – confrontando le rappresentazioni che dell’organizzazione danno coloro che vi lavorano e coloro che la studiano – sembrerebbero emergere quattro questioni centrali, che ricorrono in tutte le rappresentazioni:

  • Una certa idealizzazione dell’organizzazione, attraverso l’attribuzione di qualità positive per meglio sopportare tensioni ed inquietudini.
  • Nelle organizzazioni si sta con malessere e sofferenza. 
  • Per i singoli il riferimento organizzativo primario è costituito dal capo e dall’articolazione gerarchica.
  • Le organizzazioni chiamano i singoli ad investire e mobilitare energie per compiere delle azioni.

Organizzazioni idealizzate

Una delle questioni che emerge dai racconti dell’organizzazione di coloro che vi lavorano e di coloro che la studiano emerge l’idealizzazione dell’organizzazione, descritta come sistema ordinato, armonico e razionale, capace di comporre positivamente le posizioni degli individui che vi fanno parte. Da cosa ipotizza possa dipendere questa idealizzazione, e quale funzione assolverebbe? Probabilmente è l’esito di un processo di attribuzione di qualità positive a un’entità buona, necessario per poter sopportare e contenere le tensioni e inquietudini generate dall’interazione continua con una realtà organizzativa esperita come difficile e spesso negativa. Si tratta quindi di un diaframma che filtra la conoscenza dell’organizzazione: distorce e distanzia, e allo stesso tempo permette la conoscenza del fenomeno.

Organizzazioni tentacolari

Un elemento di convergenze nelle rappresentazioni dell’organizzazione, è che le organizzazioni sollecitano i singoli ad investire e mobilitare energie per compiere delle azioni.
In sintesi, secondo Manoukian, tre sono le strategie di risposta

  • Una risposta attiva, che si risolve in un’insistere su ciò che c’è fare, in uno spingere sui tempi richiamandosi gli impegni presi.
  • Una risposta di rifiuto, che cerca di sottrarsi a minacce o richieste vissute come sproporzionate e incongruenti con i propri interessi, fino al punto di lasciare l’organizzazione.
  • Una presa di distanza da parte di coloro che ritengono di non dover essere implicati nelle cose da fare e nelle decisioni da prendere.

Mix > L’approccio psicosociologico

Provo a fare interagire alcuni spunti spunti dai tre capitoli per individuare qualche indicazioni a proposito dell’approccio proposto dalla psicosociologia.

La prospettiva di intervento psicosociologica

Lo psicosociologo tenta piuttosto di muoversi tra i problemi e i fatti organizzativi con un armamentario conoscitivo composito e sofisticato, che gli permette connessioni e intuizioni interpretative assai suggestive, ma al tempo stesso incomplete, parziali, provvisorie: non estraneo, ma neppure appartenente all’organizzazione, con un ruolo che richiede di essere via via definito e legittimato, a fronte delle difficoltà denunciate nelle situazioni organizzative, cerca di costruire ogni volta una conoscenza dell’organizzazione con coloro che in essa operano, una conoscenza di cui essi stessi possano servirsi. La sua è una presenza-segnale che invita chi fa parte dell’organizzazione a rivisitare la propria conoscenza: conoscenza repressa, inibita, attenta solo ad alcuni aspetti dei problemi, orientata e disorientata dalle proprie attese.
p. 26
Kaneklin C., Olivetti Manoukian F., Conoscere l’organizzazione. Formazione e ricerca psicosociologica, La Nuova Italia Scientifica, 1990.

Chi interviene viene coinvolto

Nel primo capitolo di Conoscere l’organizzazione (1999) dal titolo “La conoscenza dell’organizzazione”, Manoukian fornisce una descrizione dell’approccio psicosociologico.
L’approccio psicosociologico coinvolge continuamente il ricercatore-formatore-consulente nelle vicende organizzative in qualità di osservatore, attore, interprete. L’organizzazione è un campo di intervento d’elezione. Se per gli psicoanalisti è centrale il rapporto con gli individui e per i sociologi l’organizzazione è un oggetto di studio, per chi pratica approcci psicosociologici si tratta di avvicinare l’organizzazione sviluppando conoscenze parziali, progressive, legittimate, utilizzabili. Collocarsi nella prospettiva psicosociologica significa prestare attenzione ai soggetti, al contesto, ai problemi, alle proprie emozioni, sviluppando indagini su aspetti spesso trascurati, esplorando con curiosità per costruire significati che le persone e le organizzazioni possono considerare.

L’utilità delle metafore

A volte si immagina di poter intervenire sull’organizzazione intervenendo sulla sua cultura, finendo però per rimanere in superficie e promuovere slogan che non toccano le dimensioni profonde che fondano l’agire organizzativo. Diversi i riferimenti possono essere utilizzati per entrare in contatto con le realtà organizzative e sviluppare processi di ricerca. Nel secondo capitolo “L’organizzazione nelle rappresentazioni di chi vi lavora”, Manoukian suggerisce uno strumento dinamico per promuovere la conoscenza delle organizzazioni: l’uso delle metafore, che condensano conoscenze culturali e possono venire utilizzate come strumenti per esplorare le realtà organizzative e per costruire nuove rappresentazioni.

Conoscere per eccesso o per difetto?

Nelle conclusioni del capitolo 5, Manoukian introduce due possibili opzioni epistemologiche di conoscenza dell’organizzazione: conoscere “per eccesso” o conoscere “per difetto” le organizzazioni. Manoukian opta per il secondo paradigma: la conoscenza “per difetto”, centrata su aspetti contingenti e parziali, su indizi sparsi e incerti, piuttosto che su di una ricerca sistematica di spiegazioni e prescrizioni forti, fondate su razionalità condivise. Qualsiasi conoscenza delle organizzazioni è sempre un’approssimazione. E la consapevolezza di partire sempre da un non-sapere, da un’insufficienza della propria competenza consente di permanere in una postura di ricerca, in uno sforzo di comprensione ed elaborazione di pensiero e di ridefinizione continua dei problemi in gioco e di nuove ipotesi di lettura.

Domande > per le ricerche in corso

Pensando al lavoro di ricerca che va sviluppandosi nel corso di Psicosociologia viene da chiedere alle persone che incontreremo nelle organizzazioni che stiamo avvicinando per condurre una ricerca conoscitiva, quali siano le loro idee delle loro organizzazioni, con quali metafore le descriverebbero. Rappresentazioni a partire dalle quali avviare l’indagine conoscitiva.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,682 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: