Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Il lavoro semisommerso di chi fa consulenza: elaborare, fare rete, comunicare.

foto 5

L’indicibile del lavoro e il lavoro indicibile: ciò che non viene detto? che è meglio non dire? che è difficile o non si riesce ad esprimere? quello che sfugge e quindi non si lascia dire?

Diletta Cicoletti riprende il tema (lo avevamo lasciato lì, appoggiato; non proprio dimenticato ma quasi) e tira fuori la questione di come ci raccontiamo con il passare del tempo, nel succedersi delle situazioni, nel ‘pataclick’ contemporaneo del digitale 2.0. Chi siamo e come ci presentiamo per (poter) lavorare?

Già, chi siamo? E cosa facciamo – che non (ci) diciamo – per lavorare in qualità di consulenti?

Mi impegno a stare nella parte emergente del semisommerso. Affronto la questione, per chi a qualche titolo svolge attività ascrivibili al campo della consulenza, di mettersi nelle condizioni di stare sul mercato, rispondendo in questo modo al nucleo della domanda “chi siamo?”. Siamo persone che hanno l’esigenza di stare nel/sul mercato (insight vs. ovvietà?). Soggetti che insieme ai contenuti del loro lavoro devono curare un lato commerciale più o meno riconosciuto. Di qui l’esigenza di presentarsi. E non è solo che noi cambiamo, e che cambia la realtà. Cambia anche il mercato, sembra estendersi, contrarsi, sussultare, inclinare, farsi ripido, instabile, scosceso (wonderland?). Ma non voglio indulgere verso il lato minaccioso delle cose. Voglio segnalare come viene affrontare questa complessità.
Ho l’impressione vengano intraprese tre direttrici:

  • Qualcuno lavora alla produzione di contenuti, riflette, documenta, racconta le esperienze di lavoro. Uno sforzo elaborativo di costruzione di conoscenza, per sé e per i clienti (attuali e potenziali): articoli, post, libri. Più recentemente ebook meno costosi, forse meno impegnativi. Si può fare consulenza se non si ricavano apprendimenti dall’esperienza, se non contribuisce a sviluppare qualche nuovo punto di vista, non solo critico, ma eventualmente propositivo? Lavoro non strutturabile, a prima vista non riconosciuto, impegnativo, faticoso. Vero. Ma anche entusiasmante, avventuroso, piacevole, rigenerante.
  • Anche fare rete è essenziale: molte reti e molti modi di stare in relazione. Dalle reti professionali e crossprofessionali, alle reti di imprese settoriali o territoriali, alle reti tangenti o fuori campo specifico: di impegno civico o culturale, fino alle reti di impresa temporanee o simultanee. L’obiezione che mi è capitato di sentire è che le reti implicano condizionamenti e – a volte – vassallaggi. Vero, le reti impigliano, ma qualche volta salvano. Stare in rete svagatamente, più che condizionamenti consuma energie. Senza minimizzare le controindicazioni, il tema mi sembra come e per cosa stare/fare rete.
  • Ma la pubblicità è ancora l’anima del commercio? Comunicare nella consulenza è facile a dirsi, difficilissimo a farsi. A ben vedere elaborare e fare rete sono forme di comunicazione. Provo a dire cosa intendo per comunicazione: non si tratta solo di sviluppare idee non si tratta neppure di investire nel rimanere connessi (nel continuo riconfigurarsi dei network più o meno strutturati, si tratta proprio di trovare uno spazio di visibilità, di costruire spazi di interazione, di mettere idee, intuizioni, pensieri, ricerche in formati non solo trasmissibili ma dialoganti: produrre articoli, post, slides o video è solo l’inizio. Lavorarci sistematicamente e intenzionalmente (l’intermittenza non paga). Si finisce così per investire tempo ed energie, in particolare se si lavora da soli. Tempo ed energie sottratte. Verissimo. Ma senza comunicazioni intenzionali, l’esito è l’oblio. Senza comunicazioni in sintonia con le trasformazioni tecnologiche l’esito è l’inefficacia.

Tre direttrici, per alcun* divergenti, esclusive. Per altr* alternabili. Per altr* ancora intrecciabili. Con i pro e con i contro del caso: lavoro supplementare, non sempre apprezzato, a volte non immediatamente remunerativo.
Tre direttrici, in solitaria, oppure no.

foto 1

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 206,799 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: