Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Si può stare bene al lavoro?

Si può stare bene al lavoro?
Da quali prospettive si può porre la domanda?
Con quali attese?

Daniela Gatti documenta il confronto in un gruppo di formazione.
Ritroviamo spunti interessanti e la possibilità di interrogarci sui presupposti del benessere lavorativo.

Il benessere al lavoro dipende esclusivamente da quanto l’impresa, la cooperativa, l’ente, il datore di lavoro fa affinché l’ambiente sia confortevole, gli strumenti adeguati, le informazioni disponibili, le compentenze valorizzate, il lavoro riconosciuto e remunerato?

Dipende anche dalla qualità delle relazioni che si sviluppano tra le persone, dalla tolleranza e dal rispetto delle soggettività, dall’impegno a creare un ambiente sufficientemente buono, dalla capacità di sviluppare relazioni interpersonali e professionali positive, da quanto i gruppi di lavoro favoriscono il dialogo e non lo scontro?

Il benessere è pressoché esclusivamente una condizione dipendente da altri (di dipendenza) o anche una condizione instabile ma condizionabile, fragile ma costruibile per effetto di impegno e di accordi espliciti?

Per parte mia non riesco a pensare al benessere senza pormi la questione della convivenza e della consapevolezza di quanto le due prospettive siano intrecciate.
E non riesco ad immaginare il benessere come esclusivo effetto ascrivibile a comportamenti delle figure di autorità.
Ma forse è meglio che raccolga le idee e scriva un post (nel quale vorrei anche accennare a come le indagini sul benessere possano essere usate come ‘clave’…).
Intanto qui trovate la sintesi di Daniela Gatti che ringrazio:-)

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 2 March 2015 by in Generale.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,939 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: