Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Se il gruppo ci tiene sulle spine notte e giorno

Gruppo notte e giornoPsicosociologia 2015: welcome footnotes

Se si diffonde la sharing economy allora immagino che sia possibile praticare forme sharing knowledges che abbiano analoghi presupposti condivisivi e collaborativi, di ottimizzazione e di sostenibilità, e anche di innovazione tecnologica. [In effetti nel campo ‘sharing’ c’è molto lavoro diffusivo e potrebbero non guastare timide considerazioni critiche che rendano più salde le promesse di felicità].

Ecco allora alcune avvertenze introduttive (warnings?) al corso di Psicosociologia dei Gruppi e delle Organizzazioni, edizione 2015.

Focalizzati e fluttuanti

Potrebbe non bastare (e quasi ostacolare) un’attenzione eccessiva, concentrata, irrigidita. Questo almeno quello che ho osservato in questi anni, nella conduzione del corso. La ricerca esasperata della performance potrebbe essere un ostacolo micidiale all’apprendimento, al raggiungimento del risultato e al gustarsi il percorso. E perché? Perché si impiegano (ci si aggrappa) a schemi di apprendimento trasmissivi, perché le gerarchie pre-esistenti ostacolano l’apertura, la conoscenza di nuove persone, perché si finisce per utilizzare prassi conosciute in situazioni che richiedono almeno di vagliarne l’adeguatezza.

Ma non funziona neppure l’investimento intermittente, la non curanza del mordi e fuggi, l’apericorso. E come mai? Non è un fatto etico, è un problema pratico. Poiché si formeranno un certo numero di gruppi di ricerca ai quali verrà chiesto di sviluppare una serie di ricerche conoscitive sul campo, esserci/nonesserci è un problema non da poco, un ostacolo per sé e per gli altri. Naturalmente ciò non significa che ci saranno fisiologiche assenze e che si attiveranno i dispositivi utili a mantenere il gruppo connesso e operativo, ma – è chiaro – non è a questo tipo di problemi che mi riferisco.

Insomma, per dirla in 140 caratteri, al corso di Psicosociologia dei Gruppi e delle Organizzazioni è richiesta una partecipazione attiva, non una frequenza free-rider o da social loafer. Ed è richiesto di provare a sperimentare le tre forme di focalizzazione suggerite da Daniel Goleman:

  • Focalizzarsi su di sé.
  • Focalizzarsi sugli altri/e.
  • Focalizzarsi sull’ambiente.

Intanto in che senso viene usato il termine focalizzazione:

  • Focalizzarsi su di sé comporta puntare a rimanere connessi con le proprie emozioni e con le proprie cognizioni. E nel farsi del corso non mancheranno i campi emotivi e cognitivi da attraversare.
  • Focalizzarsi sugli altri/e, almeno con due attenzioni: verso le altre persone del proprio gruppo e verso l’insieme dell’organizzazione temporanea che è il corso.
  • Focalizzarsi sull’ambiente, verso l’organizzazione-temporanea-corso e verso la situazione organizzativa che costituirà il contesto di azione dell’attività di formazione e ricerca proposta dal corso.

E potremmo poi avvicinare la nostra attenzione al gruppo considerato come entità sociale nella quale le persone che ne fanno parte sono tra loro in relazione e si percepiscono all’interno di una totalità dinamica. In che modo un gruppo potrebbe rimanere focalizzato? Probabilmente prestando attenzione all’interdipendenza fra:

  • compiti e funzioni di operativi e di realizzazione degli obiettivi produttivi,
  • dimensioni emotive consapevoli e inconsapevoli,
  • attività di cura e messa a punto del funzionamento del gruppo stesso.

Riferimenti

  • Falla W., Sirota A., “Être et faire avec les autres”, in Nouvelle Revue de Psychosociologie, 14/2012, pp.173-189.
  • Fornari F., La lezione freudiana. Per una nuova psicoanalisi. Feltrinelli, 1983.
  • Goleman D., “Il leader focalizzato”, in Harvard Business Review, dicembre 2013, pp. 18-26.
  • Keneklin C., Il gruppo in teoria e in pratica. Uno strumento per il lavoro psicologico, clinico e sociale, Cortina, Milano, 1993.

 

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 218,201 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: