Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

The Village > nuove carte da giocare

Questo è un resoconto unilaterale tardivo (prima mi ha abbandonato la connessione e poi hanno preso il sopravvento gli impegni) del workshop tenutosi martedì 09 giugno 2015 c/o @UniLIUC di di Castellanza.
Avevo progettato di raccontare attraverso Twitter gli avvenimenti del pomeriggio. A fine giornata mi sono ritrovato con gli appunti che sono riuscito a prendere e che  pubblico qui.
Alessandro Rinaldi, Marzia Nobile, Nicola Artico - Dof Consulting

Alessandro Rinaldi, Marzia Nobile, Nicola Artico – Dof Consulting

The Village non è solo un gioco, è anche una tecnica performativa, uno strumento per lavorare sulle competenze individuali, di gruppo, organizzative, di comunità.
Un gioco, quindici carte, quindici figure che permettono di dare vita a un villaggio con le sue figure archetipiche, le propensioni di ciascuna, i saperi, le energie e le opacità che esse mettono in campo.

Nel villaggio

Il workshop si apre con una narrazione teatrale che ci introduce alle figure che animano il villaggio.
Mi sono chiesto quali sento vicine e quali corrispondono o meno alle mie inclinazioni e quali sono presenti, e con che equilibri, nei contesti con di cui faccio parte?
Le presentazioni che seguono riportano gli aspetti che ho afferrato mentre il racconto si dipanava.

Coltivatore
Stare nel tempo.
Coltivare.
Attendere.
Accompagnare.
Indecisione.

Guerriero
Crede nei valori.
Combatte per il villaggio.
Ha bisogno di energia.
Ha bisogno di riconoscimento.

Fabbro
Costruisce.
Preciso.
Realizza strumenti
Crede nell’apprendimento.
Ossessione per la perfezione.

Sciamano
Vede il futuro (eterno presente)
Lasciato solo.
Realtà trasformazione continua.
Propone cambiamenti.
Teme la sfiducia.

Tessitore
Costruisce connessioni
Ma irretisce.

Folle
Dice la verità.
C’è posto nella comunità?
Pensiero critico.
Creatività.
Escluso.

Legislatore
Ama l’ordine.
Crede nelle regole.
Disciplina la società.
Teme il caos.
Impietoso.

Capo
Comanda.
Chiama a raccolta.
Difende.
Ama il potere e non vuole rinunciarvi.

The Village @UniLIUC 09062015 3

Custode del fuoco
Protegge le tradizioni.
Conservatore di valori.
Rammenta le radici.
Si arrabbia per il cambiamento.

Eroe traditore
Agire è tradire.
Doppio.
Cerca consenso.
Inquietante.

Mercante esploratore
Viaggia seguendo le stelle.
Cerca l’incontro.
Si smarrisce e forse non desidera tornare.
Sono io.

Narratore
Racconta.
Annoia.
Cantastorie.

Cuoco
Prepara un buon cibo con gli ingredienti che ha.
Amalgama.
Presuntuoso, se contraddetto nasconde le ricette.

Cacciatore
Astuto e opportunista.
Paziente e impietoso.

Costruttore
Progetta.
Domina lo spazio.
Si mette in distanza e tiene a distanza.

Come usare The Village?

Siamo qui per… provare ad usare The Village.
La seconda parte del workshop riprende corso di formazione partecipata, pian piano lasciamo andare l’emozione del racconto, e proviamo a giocare con le carte.
The Village @UniLIUC 09062015
Ci dividiamo in tre gruppi: uno lavorerà sulle competenze professionali, uno sul funzionamento dei gruppi, un’altro sul cambiamento nelle comunità.
Le carte possono essere usate in molti modi.
  • A partire da un ruolo, da un gruppo, da una comunità quali caratteristiche richiedono di essere sviluppate?
  • Quali elementi comporre per una job description che risponda alle esigenze operative di un servizio?
  • A quali esperienze rimandano nell’autobiografia professionale individuale?
  • Che potenzialità e che difficoltà nell’organizzazione nella quale lavoriamo?
  • Di quali punti di forza ha esigenza la comunità per avviare un cambiamento?
Per promuovere circoli di ascolto organizzativi e comunità di pratiche, per promuovere e praticare ascolto attivo, che favorisca attenzione e possibilità di domandare, per costruire un lessico comune, per Comunità di persone che vogliono stare insieme in un progetto.

Scoprire le carte

A proposito delle carte, queste le espressioni che mi sono venute in mente, mentre venivano illustrate possibili varianti e applicazioni di The Village.
The Village @UniLIUC 09062015 2
  • Dare le carte.
  • Darsi le carte.
  • Mettere giù le carte.
  • Che carte abbiamo?
  • Quali sono le carte utili?
  • Che carte ho?
  • Scompigliare le carte.
  • Mescolare le carte
  • Leggere le carte
  • Incartarsi.
The Village attiva l’orizzonte simbolico che dà senso alle relazioni e al confronto, lavora sulle metafore e sulle emozioni che rimescolando le carte, non propone di considerare le sole dimensioni concettuali.

Grazie

Grazie alle persone che hanno animato il Workshop di lavoro e di formazione pratica.
Grazie a Dof consultingDalla maschera al volto.
Grazie a Itaca cooperativa sociale.
Grazie ai colleghi e alle colleghe che hanno partecipato al workshop, si sono emozionati e hanno condiviso conoscenze esperienziali e professionali.
The Village @UniLIUC 09062015 5

Paola Ricchiuti e Massimo Tuzzato – Itaca cooperativa sociale

2 comments on “The Village > nuove carte da giocare

  1. Pingback: Lavoro tra fatiche e soddisfazioni #trailer | Mainograz

  2. Pingback: Immagina di vivere in un villaggio… | Mainograz

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 215,782 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: