Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Immagina di vivere in un villaggio…

Questo post è un invito alla presentazione/sperimentazione di The Village.
Giovedì 15 ottobre 2015 (14:00 -18:00) ci sarà un seminario (performance+workshop) ospitato e promosso da #OPENTvP coworking e acceleratore di impresa di Torrevecchia Pia (Pavia), insieme a Itaca cooperativa sociale di Pordenone, Dofconsulting e DMAV di Trieste, Pares di Milano.
La partecipazione è gratuita e qui potete iscrivervi (se preferite, mandate una mail a silvia@i-fab.it).

Venite a sperimentare The Village a #OPENTvP

Obiettivi

The Village è un gioco di ruolo – una tecnica di formazione partecipata – per lavorare sulle competenze individuali e di gruppo, organizzative e di comunità. Con quindici carte si dà vita a un villaggio e lo si popola con le sue figure archetipiche, ciascuna portatrice di saperi e competenze, di energie e di propensioni, ma anche di opacità e contraddizioni.

La sessione di gioco può essere proposta mettendo in primo piano obiettivi via via diversi: esplorare, interagire, approfondire, riflettere, formarsi, ricercare, scoprire, costruire regole, cambiarle.

Come funziona The Village

Il primo passo è la presentazione del gioco sociale e l’introduzione delle figure che animano il villaggio. Chi conduce illustra le quindici figure. Successivamente alcune carte possono venire assegnate, scelte, scartate, rimesse in gioco.

Il Coltivatore
Capace di coltivare, sa accompagnare e attendere.
È esposto al rischio dell’indecisione.
Il Fabbro
Preciso nel costruire, realizza strumenti utili.
Crede nell’apprendimento.È ossessionato dalla perfezione.
Il Guerriero
Crede nei valori e combatte per il villaggio.
Ha bisogno di energia e di riconoscimento.
Il Custode del fuoco
Ricorda le tradizioni, protegge le radici, conserva i valori.
Contrasta i cambiamenti. 
Lo Sciamano
Nella continua trasformazione della realtà vede il futuro.
Propone cambiamenti.
Teme la sfiducia. 
Il Tessitore
Costruisce legami che collegano e possono irretire.
Il Folle
Critico e creativo, dice la verità.È fuori posto nella comunità e viene emarginato.
Il Legislatore
Ama l’ordine, crede nel valore delle regole e vorrebbe disciplinare la società.
Teme il caos ed è impietoso.
Il Capo del villaggio
Unisce
Chiama a raccolta, unisce e difende il villaggio.
Ama il potere e non vuole rinunciarvi.
Il Cacciatore
Paziente, astuto e opportunista.
Colpisce senza pietà.
Il Costruttore
Progetta, costruisce, domina lo spazio.
Si mette in distanza e tiene a distanza. 
L’Eroe traditore
Si sacrifica ma agisce con ambivalenza.
Cerca consenso ma non si può fare affidamento. 
Il Narratore
Racconta, ricorda, ricostruisce.
Ma incanta o annoia.
Il Mercante-Esploratore
Sempre in viaggio, alla scoperta e alla ricerca di nuovi incontri.
Portato lontano dai suoi viaggi, si smarrisce e forse non desidera tornare.
Il Cuoco
Conosce i segreti della cucina, dà valore agli ingredienti che ha disposizione.
Presuntuoso, non condivide il sapere.

Presentate le carte, si aprono diverse possibilità: chiedere alle persone di indicare quali sentono più vicine e quali corrispondono o meno alle inclinazioni personali, proporre di segnalare le figure presenti, e con che equilibri, nei contesti di cui fanno parte. Si può dunque fare un uso esplorativo di situazioni e relazioni: escludere o includere, scambiare una figura con l’altra, assegnarne alcune per assumere posizioni differenti o contrastanti, introdurre le figure impreviste, impersonarle e lasciarsi condurre da ciò che scaturisce dalla distribuzione casuale.

The Village può essere utilizzato per affrontare domande predefinite o concordate:

  • A partire da un ruolo professionale, dagli obiettivi affidati a un gruppo, dai problemi che investono una organizzazione, dalle trasformazioni che una comunità si trova ad affrontare quali competenze richiedono di essere sviluppate?
  • Per costruire profili professionali che rispondano alle esigenze operative di un servizio, quali caratteristiche vanno ricercate, introdotte, potenziate, sviluppate?
  • Nella rilettura di percorsi professionali quali punti di forza, quali difficoltà, quali evoluzioni?
  • Che potenzialità e che difficoltà presenta l’organizzazione nella quale le persone convenute lavorano?
  • Di quali punti di forza ha esigenza la comunità per avviare un cambiamento, e quali difficoltà deve affrontare per coinvolgere e attivare chi ne fa parte?

Punti di forza

The Village è un gioco sociale versatile, può essere usato per sessioni di lavoro individuali e di gruppo, per riconsiderare le proprie esperienze, le caratteristiche di una realtà operativa, mantenendo un tono leggero.

The Village può essere usato per promuovere circoli di confronto professionale, per promuovere e praticare ascolto attivo in gruppi di lavoro, per favorire attenzione e ascolto, per costruire un lessico comune tra persone interessate a esplorare e a promuovere progetti di sviluppo di comunità.

The Village superando le sole dimensioni concettuali attiva dimensioni emotive e rimette in gioco le relazioni. Grazie al lavoro su metafore e simboli, apre spazi per narrazioni personali, per riflessioni individuali e di gruppo, per elaborazioni collettive.

The Village può essere utilizzato collegandolo ad altre tecniche per potenziarne l’efficacia (o per alleggerire l’impatto): può essere impiegato come strumento per favorire la conoscenza fra persone che vengono chiamate a collaborare in una sessione formativa, o come step successivo alla costruzione di problemi o domande che richiedono approfondimenti, per valutare dotazioni o esigenze in relazione a progetti o interventi da realizzare.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 201,557 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: