Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Test di verifica dell’apprendimento: inutili supplizi o…

Di norma, nella formazione rivolta agli adulti, per verificare e documentare la partecipazione ad attività formative ci si serve di test conclusivi. Come evitare che un passaggio – sulla carta utile – si risolva in un fastidioso ostacolo da schivare?

Segnaliamo sei potenziali utilità che si aggiungono all’obiettivo primario che resta saggiare l’apprendimento prodotto. Si tratta di potenzialità che si realizzano a condizione di tenere presenti altrettante accortezze progettuali/operative per fare in modo che i test finali dispieghino la loro multipla efficacia.

I test possono favorire l’apprendimento

#ricapitolare

Se i test sono progettati in modo accorto consentono di ripercorrere gli argomenti e le questioni affrontate. Per ottenere un ‘effetto ripasso’ test devono essere costruiti per permettere di riepilogare passo passo quanto è stato affrontato nella sessione formativa. In questo modo i test – riattraversandole – aiutano a riagganciare le questioni affrontate, ponendole di nuovo all’attenzione grazie al momento della verifica conclusiva, che si compone di un momento di lavoro individuale e di un momento di correzione partecipata.

#consolidare

Dedicare un giusto tempo al test finale – in particolare se le domande non sono al limite dell’inconsistenza e se introducono invece una calibrata sfida di ragionamento – offre l’opportunità per consolidare gli argomenti trattati nella sessione formativa. Gli errori, se la correzione non è un processo meccanico, possono stimolare una ripresa veloce dei temi, possono dare un feedback immediato, aprono a comprensioni che sembravano sfuggire.

I test possono contribuire alla partecipazione

#coinvolgere

Riservare uno spazio-tempo al test di verifica, trasformando un’attività noiosa in un gioco sensato, in una sfida (con se stessi e con gli altri) leggera, in un passaggio di autovalutazione e di valutazione collettiva consente di chiudere ponderando quello che si è riusciti ad afferrare e quello che ci è sfuggito. In genere con gli adulti, alla proposta di effettuare test di verifica finale si manifestano battute difensive, spunti ironici, rassegnate e accelerate sottomissioni. Se la qualità delle domande è buona e vi è la possibilità di dedicare del tempo alla revisione/correzione/commento dei risultati, allora si ottiene una rinnovata attenzione e la disponibilità ad un ultimo sforzo di apprendimento.

I test consentono di documentare

#attestare

Naturalmente i test finali hanno un valore attestativo: consentono di rendere apprezzabile il lavoro di trasmissione, condivisione, produzione di conoscenze. Sono la prova di un lavoro effettivo che non solo mette a disposizione contenuti, ma ne verifica l’acquisizione e la rielaborazione. I test finali (insieme alle firme) certificano che l’attività formativa si è effettivamente svolta come dichiarato in sede di accreditamento del corso.

#rendicontare

Non solo proporre test finali consente di attestare il valore della partecipazione a percorsi formativi. Segnaliamo anche l’utilità per l’attività di rendicontazione derivante dal proporre test finali. segnaliamo l’utilità rendicontativa connessa al proporre test finali. Disporre dei test ben somministrati e corretti serve a rendere non contestabili le attività svolte, a poter dar conto che quanto effettivamente si è realizzato è conforme ai vincoli stabiliti in sede di finanziamento dell’attività formativa.

I test servono a verificare

#riconsiderare

Che i test servano a verificare l’apprendimento è tutto sommato ovvio. Forse meno ovvio il fatto che possano essere di aiuto non solo alle persone che attendono alle attività formative, ma anche a chi organizza, progetta e conduce le attività formative. Dalle risposte, delle incertezze, dalla discussione che scaturisce in fase di correzione collettiva, si possono ricavare spunti, indicazioni che offrono materiale per ripensare l’impostazione e i contenuti proposti.

E dunque?

I test possono essere il più indigesto commiato o una opportunità per completare un’attività di apprendimento in modo produttivo e (se ben congegnati) con rinfrancante soddisfazione. Due condizioni ne potenziano l’efficacia: riservare un giusto tempo per permettere di affrontare con calma il test (tempo dedicato) e riservare un giusto tempo per una correzione immediata che consenta di avere una restituzione riguardo ai risultati e le relative spiegazioni.

E dunque i rituali più vuoti possono addensare utilità e senso se vengono ripensati e riorganizzati.

2 comments on “Test di verifica dell’apprendimento: inutili supplizi o…

  1. anto.gadda@tin.it
    10 December 2018

    Mitici Graz… Grazie CiaoAnto

  2. a.benzoni@libero.it
    10 December 2018

    Complimenti Graziano, davvero un sintetico, utile e stimolante post.

    Sei sempre molto attento ed esprimi una capacità di riflessione sul tuo lavoro che genera sempre un’evoluzione.

    Grazie, grazie.

    Un caro saluto.

    Adriano

    > WordPress.com

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 324,946 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: