Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Martina Bignami, ospite della Vigilia 2010

Prendere 2 piccioni con 1 fava

Per come sono fatta io, mi piace perseguire un obiettivo molto “taylorista” di efficienza in ciò che faccio,

Martina Bignami

ricercando la “one best way” per massimizzare i vantaggi per tutti.
Per esempio, questo pomeriggio ho deciso che preparerò dei biscotti natalizi da regalare agli amici, cercando con un piccolo gesto di massimizzare i benefici per la maggior parte degli stakeholder che (anche se non ne siamo consapevoli) entreranno o potrebbero entrare in gioco nella preparazione:

  • Mi piacciono i dolci, prepararli ancor di più… mi rilassa.
  • Mi piace anche molto regalare qualcosa che so che sarà apprezzato… sì, questa mia decisione mi farà stare bene!
  • Credo che a chiunque faccia piacere ricevere un pensierino natalizio, e un buon biscotto può avere il potere di regalare un momento di puro piacere… immagino che i miei amici ne saranno felici.
  • Utilizzerò solo ingredienti di origine vegetale, perchè ho a cuore anche il benessere degli animali.
  • Utilizzerò ingredienti equosolidali, perchè so che così vengono offerte migliori condizioni economiche ai piccoli produttori, marginalizzati dal mercato.
  • Infine utilizzerò ingredienti biologici e se possibile a km 0, per il benessere dell’ambiente… senza contare che grazie a queste scelte ci guadagneremo anche in salute!

Sul tavolo ho già tutto ciò che mi serve:
– 300 g. di farina biologica;
– 30 g. di cacao amaro equosolidale;
– 80 g. di margarina vegetale non idrogenata;
– 1/3 di bicchiere di latte di riso bio;
– 190 g. di zucchero integrale di canna equosolidale.

E ora ci divertiamo…
Impastando mi libero dalle tensioni accumulate durante la giornata, stendo la pasta e sfodero formine ad alberello, stella cometa e renna.
10 minuti in forno a 200° circa e alla fine una spolverata di cocco grattuggiato per un “effetto neve” veramente natalizio.
La casa è pervasa da un buon profumino di biscotti appena sfornati; sembra quasi che l’aroma abbia prodotto effetti positivi anche sul resto della famiglia, forse in loro è affiorato qualche ricordo lontano… insomma, sembrerebbe che la banale decisione di preparare qualche biscotto abbia provocato una serie di effetti positivi a valanga!

Viviamo in una realtà complessa, i cambiamenti spesso avvengono così lentamente che ci sembra che le nostre decisioni non abbiano alcun effetto su più vasta scala, ci sentiamo impotenti.
Ma se siamo motivati, se non ci lasciamo guidare dalle abitudini e facciamo uno sforzo cognitivo in più (intanto varrà solo per i primi tempi: a un certo punto ci verrà spontaneo) allora forse qualcosa si può cambiare in meglio.
A Natale si dice che si è tutti un po’ migliori… perchè non partire da qui?

Martina Bignami
24 anni, studentessa di Psicologia dei Processi Sociali, Decisionali e dei Comportamenti Economici.
Amo gli animali, l’ambiente, Dolomiti Superski e le tisane.
A volte mi sento un po’ Amelie.

One comment on “Martina Bignami, ospite della Vigilia 2010

  1. Anita
    7 January 2011

    Aggiungerei al tuo interessante racconto di vita che di certo porterai anche esternalità positive (si vede che sono laureata in economia!) sugli stakeholder che hai citato. Il fatto di utilizzare ingredienti biologici e/o equosolidali, contribuirà alla sensibilizzazione dei tanti che ancora sono all’oscuro circa l’economia solidale. Vorrei inoltre segnalarti che vi sono diversi libri di cucina per preparare fantastiche ricette e che, se passerai da Bologna, sarò lieta di consigliare diversi mercatini biologici in cui le ricette ti saranno raccontate direttamente dai produttori.
    Vai con lo stakeholder engagement!

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 24 December 2010 by in Generale, Ospiti.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 201,539 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: