Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Compiti a casa

Non ho mai pensato più di tanto a cosa significa ‘fare i compiti a casa’.

Disegno di Jakod (2009)

Adesso la questione mi ha frontalmente investito, come mi spiazza il passaggio dalle elementari alle medie.
Già le medie.
Le cose cambiano.
Cambiano i ragazzi (cambiano i figli!).

Giacomo torna a casa da scuola (la scuola mi sembra così seria ed esigente…) e ha i compiti da fare.

Quando sfoglio i libri di testo li trovo interessanti, ricchi di spunti e di proposte.
Ma per Giacomo i compiti sono un’incombenza da spostare nel tempo (ci si dovrebbe forse preoccupare del contrario…).
Quello a cui non avevo mai fatto caso è che fare i compiti, quando finalmente non si può più rimandare, significa gettarsi sugli esercizi assegnati.
E perdersi, ritrovare e non ritrovare il bandolo, capire schegge, fare più o meno quello che l’esercizio esige.
Salvo ritrovarsi la sera e dover riprendere in mano tutto.
Da capo.

C’è qualcosa che non torna.
Giovanna sostiene sia effetto dell’approccio delle elementari.
I compiti erano fare l’esercizio che serviva a fissare qualcosa che era stato ben chiarito a scuola.
Adesso il gioco comincia a farsi duro (anche per i genitori).
E un po’ di tecnica potrebbe non guastare.

Fare i compiti significa (provo a spiegarmela così):
– tenere a portata di mano un foglio per la brutta;
– rileggere le spiegazioni del libro;
– provare a fare qualche schemino riassuntivo;
– provare a fare gli esercizi guidati;
– solo allora buttarsi sugli esercizi (che a quel punto filano via);
– e (volendo esagerare) ridare un’occhio alle spiegazioni del libro.

Lo so, messa così la cosa sembra sofisticata e pretenziosa.
Ma – timer del forno alla mano – ci si mette la metà del tempo.
Unico inconveniente è che bisogna essere in due.
Genitore e figlio.

Si presentano alcune domande:
– la truccologia per affrontare lo studio (i metodi e le tecniche) non dovrebbero essere di pertinenza della scuola?
– i prof ci provano a dare le indicazioni… allora è proprio dura la preadolescenza?
– è giusto, saggio e opportuno aiutare i figli?
– e chi – per sovraccarico, fatica o indisponibilità – non ce la fa?

Parole di speranza welcome;-)

3 comments on “Compiti a casa

  1. Anna
    28 October 2010

    Attingendo alla mia esperienza, ecco qualche suggerimento:
    – Fare i compiti con una persona di pari età, un amico/a. Il confronto aiuta a progredire, a non prendere il ritmo, a chiedere chiarimenti e a spiegare a propria volta. Mi viene in mente Vygotskij, un teorico dello sviluppo cognitivo: in sintesi, sosteneva l’esistenza di una zona mentale (Zona di Sviluppo Prossimale) entro la quale uno studente riesce a svolgere, con il sostegno di un adulto o in collaborazione con un pari più capace, prove che non sarebbe in grado di svolgere da solo. Attraverso il linguaggio e l’azione sociale, lo studente si appropria di nuovi strumenti cognitivi che gli permetteranno di risolvere in maniera autonoma problemi analoghi a quelli affrontati con gli altri. In mancanza di coetanei o di fratelli/sorelle più grandi, a mio avviso, è lecito anche l’aiuto di un adulto.
    – Capire le richieste esplicite e implicite dell’insegnante. Da un lato è fondamentale applicare il metodo di studio più efficace a ogni compito per ottimizzare le risorse, dall’altro è necessario non perdere di vista la richiesta. Studiare tutto, incluse le note a pie pagina, è dispendioso ma a volte si rivela necessario.
    – Se poi il carico di studio non ci permette di leggere, studiare fino all’ultima pagina il materiale assegnatoci, vale la pena rischiare, prendendo coraggio e affrontando le sfide. Anche quando sappiamo di non avere tutto sotto controllo.

    • mainograz
      29 October 2010

      Grazie Anna,
      oggi ho comprato un libro per genitori alle prese con i compiti a casa di matematica.
      Tornerò sull’argomento compiti!
      ;-)

  2. Sara
    25 October 2010

    Personalmente una delle grandi scoperte che ho fatto durante la scuola è stata quella di riuscire a “cavarmela” da sola, di saper gestire i miei tempi e i miei impegni, con un pò di fatica all’inizio, tanti errori, parecchie cancellature e qualche intuizione e indicazione utile al metodo di studio, tutto è poi filato liscio, con una buona dose di autonomia e autostima in più.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 24 October 2010 by in Generale and tagged , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,682 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: