Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Laura Papetti, ospite dell’8 marzo 2012

Oggi è l’8 marzo e – come scrive wikipedia – è la “giornata internazionale della donna”, celebrazione che ricorre ogni anno per “ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne“.
Quello che mi chiedo è che senso ha per me, come donna, festeggiare l’8 marzo senza parlare delle scelte forzate che ancora oggi le donne sono costrette a fare.

Di quali scelte sto parlando?

Il richiamo è ad un articolo che ho letto questa settimana sul quotidiano locale L’Eco di Bergamo “Nuove mamme. Una su dieci lascia il lavoro. Scelta forzata nel primo anno di vita del bimbo. Le ragioni: pochi servizi per l’infanzia e troppo cari(martedì 6 marzo 2012).
I dati citati nell’articolo devono far riflettere: nel 2010 in Lombardia su 66.000 lavoratrici in maternità, 4.586 si sono dimesse durante il primo anno di vita del bambino; il dato non si discosta molto dall’anno precedente, il 2009, dove su 65.200 donne in maternità 4.571 si sono dimesse. Questi e altri dati sono stati resi noti durante il convegno I crocevia del “tempo aperto”. Famiglia, lavoro, cupidigia organizzato dalla Cisl Lombardia (5 marzo 2012).
Qualcuno potrà considerare questo dato contenuto o comunque fisiologico, pertanto non degno d’attenzione. Dal mio punto di vista invece sono troppe le donne (7 su 100) che si licenziano non per scelta ma perché costrette.

Quali i fattori costrittivi?

Eccone alcuni:

  • è faticoso conciliare famiglia/e, casa e lavoro/i;
  • i servizi alla prima infanzia non sono diffusi in maniera capillare sul territorio e anche dove ci sono costano troppo ed incidono in maniera significativa sul budget familiare;
  • non tutte le organizzazioni di lavoro permettono ai neo-genitori di accedere a modalità flessibili (ad esempio part time, telelavoro, banca delle ore, orario concentrato, …);
  • sono ancora poco incisive e non sufficienti le politiche pubbliche a sostegno della famiglia.

> Quindi quali opportunità, quali alternative, quali possibilità di scelta hanno oggi le madri per continuare ad essere lavoratrici?
> Quali politiche si possono promuovere per incentivare la presenza delle donne nel mercato del lavoro e per garantirne la  permanenza anche dopo la maternità?

Anche i dati OCSE – Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – confermano che l’Italia non è un paese family friendly (OECD, Doing Better for Families, 2011). Detto questo cosa vogliamo fare? Semplicemente prenderne atto o tentare, invece, di mettere in campo azioni concrete che provano a rendere questo paese più vicino alle famiglie?

Un incredibile spreco di talenti

Concludo questo post citando Mario Draghi che in occasione del sue Considerazioni finali come Governatore della Banca d’Italia (31 maggio 2011) parla di un incredibile spreco di talenti. Queste le sue parole:

La scarsa partecipazione femminile al mercato del lavoro è un fattore cruciale di debolezza del sistema (…). Oggi il 60% dei laureati è formato da giovani donne: conseguono il titolo in minor tempo dei loro colleghi maschi, con risultati in media migliori, sempre meno nelle tradizionali discipline umanistiche. Eppure in Italia l’occupazione femminile (…) è più bassa che in quasi tutti i paesi europei soprattutto nelle posizioni più elevate e per le donne con figli; le retribuzioni sono, a parità di istruzione ed esperienza, inferiori del 10% a quelle maschili. Il tempo di cura della casa e della famiglia a carico delle donne resta in Italia molto maggiore che negli altri paesi: aiuterebbero maggiori servizi e una organizzazione del lavoro volti a consentire una migliore conciliazione tra vita e lavoro, una riduzione dei disincentivi impliciti nel regime fiscale”.

Tutto questo per sottolineare che la presenza delle donne nel mercato del lavoro non è  una questione di pari opportunità ma di opportunità di crescita economica per il nostro paese.

PS

Questo post è anche l’esito delle riflessioni nate dalla lettura del libro di Maurizio Ferrera, Il Fattore D. Perché il lavoro della donne farà crescere l’Italia, Mondadori, 2008.

.

Laura Papetti è socia di Pares, scrive su Conciliazione Plurale, è appassionata di tematiche di genere e fa tante altre cose.

6 comments on “Laura Papetti, ospite dell’8 marzo 2012

  1. Anna Omodei
    8 March 2014

    L’ha ribloggato su Conciliazione pluralee ha commentato:

    In occasione della giornata internazionale della donna riproponiamo la riflessione di Laura Papetti, che a distanza di un anno è ancora drammaticamente attuale. Oltre agli auguri resta molto altro da fare…

  2. mainograz
    8 March 2012

    Segnalo questa iniziativa della cooperativa sociale Itaca di Pordenone: http://www.itaca.coopsoc.it/dettaglio-news.aspx?id=41
    In tema di conciliazione hanno proposto alle socie della cooperativa che rientrano dalla maternità di lavorare sulla loro capacità di far fronte a questa transizione delicata, complessa e faticosa.
    Mi sembra un segnale da considerare (e da interpretare) il fatto che una organizzazioni lavori per aiutare a sviluppare competenze (e resistenze /resilienze)…

  3. roxeli
    8 March 2012

    Aggiungo a quanto già detto da Laura che anche da recenti ricerche dell’MIT è confermato che la partecipazione di donne ai gruppi di lavoro è un fattore che favorisce lo sviluppo di intelligenza collettiva, di cui mi pare ci sia tanto bisogno.
    vedi video http://vimeo.com/37389182
    Eppure le donne continuano un costante e costretto ritiro dalla scena lavorativa, partendo da una situazione che non si è mai avvicinata a quella ideale!!

    Rossella

    • Anonymous
      8 March 2012

      Ringrazio Rossella per il rilancio…molto interessante. Laura

  4. Armando Toscano
    8 March 2012

    È assolutamente uno spreco di talenti quello che deriva dalla cosidetta discriminazione sottile (ma che non va per il sottile) operata sulle donne, a volte dalle donne stesse che sono riuscite ad accedere al potere e che, invece che “demolire il sistema dall’interno”, adottano una sorta di antisciovinismo, vestendosi di abiti e habitus tipicamente (e beceramente) maschili.

    Io vorrei che la festa di oggi, che sembra essere sempre più oggetto di critica di anno in anno, fosse una festa nella quale tutti si potessero identificare, uomini e donne, non nell’ottica di usurpare un presidio culturale (la rivendicazione di diritti femminili), ma per comprendere che è dalla rivendicazione di un gruppo che è ancora per molte cose un gruppo dominato (sic) che può partire una riflessione su tutto il sistema.

    Innanzitutto, rimanendo nel perimetro della questione di genere, domandarsi perché si parli di part-time per le donne, che sembrano essere in automatico le uniche depositarie dei compiti di cura della casa. E I PADRI??? Che la loro presenza non sia solo richiesta in termini accusatori dalle madri, ma che siano essi stessi a rivendicare il diritto e il piacere di occuparsi della casa e della famiglia.

    Inoltre credo che sulla questione “Lavoro” il punto di vita femminile possa diventare uno spunto essenziale per riflettere sul part-time IN GENERALE come possibilità di lavoro con una propria dignità, al posto di essere sentito come una forma mutilata di lavoro. Ampliando infine ulteriormente il raggio della riflessione alla questione del tempo, che sia visto come risorsa da rispettare e centellinare, al posto di essere il foglio bianco su cui ogni superiore possa segnare il tuo prossimo impegno (che spesso, di fatto, coincide con qualcosa che lui/lei non è riuscito a portare a termine).

    Insomma, potenzialmente l’8 marzo può essere una festa che ha ancora molto da dire e da dare. Ben oltre le mimose.

    • Laura Papetti
      8 March 2012

      Grazie Armando (che piacere sentirti).
      Condivido il tuo pensiero, in modo particolare quello che scrivi sui padri e sul part time (molto interessante). Non a caso ho parlato di politiche conciliative e modalità di lavoro flessibili per i neo-genitori, pensando ad entrambi: uomini e donne, padri e madri.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 8 March 2012 by in Ospiti and tagged , , , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 212,021 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: