Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Quante possibili Partnership Pubblico-Privato-NonProfit? (#PPPNP)

#PPPNP 4 ragioni x costruire partnership

1. Di nuovo?

Attenzione, questo post può rivelarsi indigesto (siete avvisati/e). La sua struttura dipende dall’essere un materiale preparatorio alla seconda giornata del laboratorio Costruire Partnership Pubblico-Privato-NonProfit, nella quale affronteremo il tema della paziente accumulazione di capitali sociali in vista dell’avvio di partnership di collaborazioni produttive e – se possibile – in grado di durare e di riconfigurarsi. Prima di entrare nel vivo dei ragionamenti è necessaria una premessa. La più parte delle affermazioni sono formulate in senso generale, meriterebbero approfondimenti, riferimenti più estesi, evidenze più salde, ricerche sul campo e analisi documentali. Si tratta di ipotesi in cerca di confronti e di intuizioni dis/conferme. Ma, al di là della profondità argomentativa, la questione rimane le partnership vengono immaginate, progettate, costruite a partire da rappresentazioni spesso tacite e non sottoposte a vaglio e a confronti, e forse anche per questo non evolvono e non raggiungono lo stadio di collaborazioni, non prendono forma di sinergie, finendo per disilludere e affaticare inutilmente che le promuove e chi si lascia coinvolgere.
Questa, in ogni caso, la struttura del post:

  • Se dico ‘partnership’ penso…
    • Il punto di vista del Privato
    • Il punto di vista del Pubblico
    • Il punto di vista del NonProfit
  • Combinazioni ed effetti
  • Proattivi cioè curiosi (e accorti) verso interessi in gioco
  • Riferimenti

Alle considerazioni che propongo fanno da contrappunto due citazioni dal saggio di Laura Pennacchi, Filosofia dei beni comuni. Crisi e primato della sfera pubblica, Donzelli, 2012.

 

2. Se dico ‘partnership’ penso…

2.1. Il punto di vista del Privato

Riparto dall’articolo di Stephen H. Linder (1999) – di cui ho già presentato le riflessioni in questo post – per tracciare uno schema semplificato degli interessi in gioco. Ciò che questo autore non esplicita nelle sue riflessioni è che la sua attenzione e le argomentazioni che ne conseguono vengono riservate al profit e alle sue intenzioni più o meno collaborative.

Ne conseguono otto atteggiamenti di attori profit nella costruzione di partnership che hanno alla base due diverse filosofie: neoliberismo e neoconservatorismo. Nel primo caso la spinta è a restringere il ruolo delle Stato e delle sue articolazioni funzionali territoriali. Dire neoliberismo significa invocare meno tasse, meno spesa, meno regole, meno pubblico. Secondo questo paradigma ragionare in termini di pubblico–privato equivale a contrapporre stato a mercato. Nel paradigma neoconservativo invece è attraverso la difesa della tradizione che prevale la partecipazione sociale comunitaria, con i rischi di svalorizzazione della diversità, di rifiuto e di esclusione di ciò che non appartiene alla tradizione localistica (Pennacchi 2012, p. 116)

Queste le otto intenzionalità con le quali gli attori privati lavorano alla costruzione di partnership, in particolare con il pubblico:

  • promuovere nuove competenze manageriali (meno burocrazia, più efficienza);
  • migliorare l’erogazione dei servizi (più gestione di mercato per offrire migliori servizi);
  • rigenerare gli orientamenti di fondo (attraverso la contaminazione delle prassi pubbliche con il dinamismo del mercato).

In questi primi tre atteggiamenti, secondo Linder, prevarrebbe un atteggiamento neoliberista. Vi sono poi tre atteggiamenti mossi da mentalità neoconservative:

  • spostare sul privato i rischi finanziari che il pubblico non può sostenere (pena una incremento impositivo e un marcato contenimento dell’azione individuale a vantaggio di quella collettiva);
  • ristrutturare i servizi pubblici esternalizzando i processi di regolazione e controllo;
  • condividere poteri (scambiando collaborazione nelle diffusione delle politiche pubblico per un allentamento dei vincoli posti al privato);

A questi atteggiamenti che sembrerebbero mirare a dare maggiore spazio all’azione dei singoli contenento l’intervento pubblico, si aggiungono due ulteriori atteggiamenti:

  • interventi per promuovere comunità, autonomia e tradizione messi in atto con l’intervento massiccio dei privati che operano a livello locale;
  • il tentativo di insinuarsi nello spazio delle politiche pubbliche per creare spazio all’azione privata.

Gradualità di atteggiamenti: dal contenimento delle sfere di intervento pubblico all’erosione del potere di azione, ma in ogni caso un attacco che immagina l’intervento pubblico come inadeguato a dare risposte alle esigenze dei cittadini.

Ciò che non viene contemplato è la possibilità di scambi virtuosi tra attori come quelli descritti nell’esperienza degli accordi di conciliazione alle tessiture Corneliani di Mantova a proposito di collaborazioni fra imprenditori, lavoratori e comunità in termini di scambi reciprocamente vantaggiosi. Ciò che non viene contemplato è la possibilità che il privato operi per promuovere forme di cittadinanza d’impresa e di responsabilità sociale. Nell’analisi di Linder prevale uno scetticismo di fondo (non facilmente scalfibile).

 

Con la crisi del 2007-2008 – la quale si manifesta subito non come epifenomeno o un incidente di percorso ma come crisi strutturale – deflagra l’intero modello di sviluppo neoliberista, svelando la fragilità delle sue basi materiali e la fallacia dei suoi presupposti teorici: i mercati non sono né razionali né efficienti, i mercati non si autoregolano e, anzi, lasciati a loro stessi, rovinano e trascinano nella loro rovina l’intera vita e dignità umana. Ma che la dottrina dell’intrinseca razionalità ed efficienza del mercato e della sua automatica capacità di regolazione sia tragicamente fallita non vuol dire che il neoliberismo sia stato sconfitto e sia oggi in ritirata. Il neoliberismo risorge, anche se in forme nuove, per esempio non disdegnando di ricorrere macroscopicamente alle risorse pubbliche per salvare le banche e il sistema finanziario internazionale (trasformando così immensi debiti privati in immensi debiti pubblici) ma anche ad altri tipi di intervento pubblico, al punto che oggi si parla di “neoliberismo statalista”.
[…]
Si spiega così il singolare paradosso a cui oggi siamo di fronte: l’intervento pubblico è stato invocato quando si trattava di salvare banche e intermediari finanziari dall’abisso e ora che bisognerebbe sostenere i redditi dei lavoratori, rilanciare la “piena e buona occupazione”, dare vita a un nuovo modello di sviluppo, se ne pretende un drastico ridimensionamento sotto forma di tagli vertiginosi alla spesa pubblica, specie quella sociale (per pensioni, sanità, istruzione, servizi, ecc.), spesso veicolata da regioni e enti locali su cui la scure si abbatte in modo cieco.
136-137, Pennacchi L., Filosofia dei beni comuni. Crisi e primato della sfera pubblica, Donzelli, 2012.

 

l lavoro di identificazione degli interessi inespressi ma spronanti chi opera sul versante privato che Linder ha condotto, mi ha fatto pensare alla possibilità di estendere l’esame delle rappresentazioni alle motivazioni che possono attivare chi opera nella sfera pubblica e nei mondi del nonprofit.

2.2. Il punto di vista del Pubblico

Laura Pennacchi nel suo saggio argomenta e riafferma l’idea che senza Pubblico anche il Privato vede ridurre le proprie possibilità di sviluppo: è solo dall’equilibrio della regolazione della sfera pubblica che si creano condizioni perché l’azione dei soggetti privati possa operare con il massimo delle opportunità. Tuttavia può valere la pena considerare le intenzioni collaborative pubbliche non siano mosse esclusivamente da intenzioni favorevoli. Osservando atteggiamenti e disposizioni di soggetti pubblici mi pare siano identificabili propensioni allo sviluppo di partnership mosse da intenzioni differenti:

  • approccio resistente (se non disperato) volto a dare continuità all’azione pubblica, a costo di arruolare il privato e le sue risorse su progetti che possono trovare una qualche forma di appealing, di novità, di ritorno di immagine. In questo caso ciò che prevale è l’idea del primato del Pubblico che, proprio in virtù di questa superiorità può (tentare) di ingaggiare attori privati (e non profit) in cooperazioni che vengono presentate come mosse da interessi superiori.
  • approccio risentito (se non punitivo): il Profit ha soldi, beni, spazi di azione, margini e deve essere condotto a restituire parte dei vantaggi in forma di collaborazione, sostegno, risorse. A volte questo atteggiamento viene dispiegato anche nei confronto del NonProfit richiamandone lo statuto fondativo.
  • approccio di sussidiarietà arretrante, l’idea in questo caso è quella di introdurre elementi di Big society all’inglese (più società civile e meno stato), per attivare processo di smarcamento e deresponsabilizzazione del pubblico propugnando tale movimento sotto il vessillo del dare spazio alla società civile (Pennacchi, 2012, pp. 115-116).

approccio partecipativo, che mira a ricercare occasioni di collaborazione localizzate, di apprendimento da esperienze non conosciute, per costruire politiche innovative e di sviluppo, nuove condizioni di convivenza civile, aggregazioni per promuovere responsabilità comune. Si tratta forse di rappresentazioni utopiche di messa a valore di intelligenze e energie che si liberano e si moltiplicano solo nella collaborazione (anche competitiva), ricercando condizioni che portino vantaggi ai soggetti impegnati e ai contesti nei quali questi sodalizi coevolutivi prendono forma e che rilancino di condizioni socialità, cura dell’ambiente, di sviluppo economico territoriale.

È auspicabile un rinnovato intervento pubblico che coinvolga una molteplicità di attori (tra i quali le banche, le imprese private, le imprese pubbliche, le imprese a partecipazione statale, le imprese cooperative, l’impresa europea, le public utilities) e di valorizzare al massimo una pluralità di sfere e di istituzioni: l’associazionismo, il volontariato, il terzo settore, le reti.
130-131, Pennacchi L., Filosofia dei beni comuni. Crisi e primato della sfera pubblica, Donzelli, 2012.

2.3. Il punto di vista del NonProfit

Anche il NonProfit può agire con intenzioni differenti, non necessariamente prosociali o generative. Volendo iperschematizzare:

  • approccio difensivo, per molte organizzazioni sociali il senso delle collaborazioni è in primo luogo sopravvivere e non venire travolte da crisi interne che hanno incontrato l’attuale crisi sociale. Valgono allora alleanze e collaborazioni inimmaginate.
  • approccio erosivo: Pubblico e Privato dispongono di risorse male utilizzate, accumulate grazie a meccanismi se non ingiusti certamente disequilibrati. Di conseguenza collaborare significa trovare il modo per riorientare l’allocazione delle risorse e rimetterle, attraverso il NonProfit a disposizione delle collettività.
  • approccio commerciale: collaborare, costruire patenrship significa aprire varchi, inserirsi, raccogliere informazioni, creare relazioni che consentono di non venire esclusi dai flussi informativi presidiare o almeno presenziare all’informalità della costruzione di orientamenti. In fondo collaborare, costruire partenrship è una variante delle azioni di marketing volte a consolidare i rapporti fra fornitori e committenti (o anche a studiare competitors più dinamici, di maggior successo).
  • approccio propositivo, che mira a cercare luoghi di confronto, spazi di intervento, contenitori per portare contributi e cercare soluzioni inedite.

Nessuno degli approcci si trova nella forma pura (cinica), semmai in miscele dalle dosi variabili e dagli effetti imprevedibili.

3. Combinazioni ed effetti

Nella costruzione di partnership gli attori non sempre agiscono in modo intenzionale, non sempre con intenzioni esplicite, non sempre con intenzioni vantaggiose per gli altri partner coinvolti. A volte i soggetti in gioco agiscono in modo inconsapevole (o intermittentemente consapevole) faticando a stare in contatto con i propri condizionamenti, le proprie aspettative, i propri obiettivi. E purtroppo non sempre si incontrano partner che cercano di avere una visione d’insieme, partner in grado di considerare interrelazioni (sull’intreccio di investimenti sui propri progetti e sui progetti altrui Anna Omodei ha sviluppato alcune considerazioni). La difficoltà di cogliere le interconnessioni e le interferenze può ostacolare processi di mediazione e di costruzioni di soluzioni compositive se pure parziali.

E non è detto che sia facile formulare i presupposti che influenzano l’azione dei partner, esplicitarli, trovare modalità costruttive per discuterne (anche informalmente). Succede che le partnership vengano promosse spinte dall’urgenza, dalle scadenze, per non perdere opportunità, sulla scorta di rapporti sopiti e riattivati per l’occasione, sotto la spinta di attori influenti a cui non è facile sottrarsi.

Alla base dei raggruppamenti scavando si possono trovare mix di ragioni, soggettivamente buone (escludiamo intenzionalità nocive), un mix di ragioni utilitaristiche, valoriali, prospettiche, esplorative e conoscitive… Quali assunti alla base della costruzione di partnership? E ci si potrebbe chiedere quali effetti producono le combinazioni fra più ragioni. Ed è proprio questo che si potrebbe cercare di comprendere per non assumere un costrutto complesso come monodimensionale o inconoscibile.

4. Proattivi cioè curiosi (e accorti) verso interessi in gioco

La ricerca delle molteplici ragioni in gioco non mira certo a scoraggiare la costruzione di partnership. L’obiettivo è provare a identificare uno dei fattori che influenzano gli esiti, che contribuiscono a determinare pattern relazionali vocati al successo o all’insuccesso (o a risultati così-così). Le partnership di successo sono giochi in cui gli attori guadagnano più di quello che investono, che scambiano beni che reputano utili, senza provocare danno a sé o alla collettività, ma piuttosto procurando un impatto sociale, ambientale o economico positivo, un surplus di benessere.

La costruzione di partnership a impatto positivo si fonda su attori consapevoli, non è irrilevante infatti considerare gli interessi che spingono ad agire, esplorare aspettative e punti di vista dei soggetti che si affacciano a processi di aggregazione, che manifestano l’intenzione di volere partecipare alla costruzione del capitale sociale che potrà evolvere in network o in partnership. Le domande sono molte, ne proponiamo alcune, altre se ne possono aggiungere per affinare il processo di esplorazione delle rappresentazioni in campo.

  • Chi sono i soggetti?
  • Da chi sono conosciuti, introdotti, legittimati?
  • Chi ingaggia, promuove, favorisce i contatti?
  • Quali interessi esprimono, quali disponibilità manifestano?
  • E quali vincoli e quali difficoltà segnalano?
  • Quali obiettivi, risultati, vantaggi ricercano?
  • Quali uscite di sicurezza (o exit strategies), quali ‘penali’ per chi lascia vengono previste?

Non solo interessi certo, anche competenze, risorse, condizionamenti possono venire sondati: come farlo senza irritare, senza ostacolare avvicinamenti o inibire sul nascere potenziali collaborazioni, come essere accorti, incrementare la propria consapevolezza e acquisire informazioni utili? Intanto non confondendo le nostre percezioni e le nostre attribuzioni di senso con il punto di vista dei soggetti di cui sappiamo poco. E poi, ancora una volta, attraverso progettazioni esplorative, che consentono di sondare affidabilità e sintonie possono rivelarsi utili dispositivi transitori e flessibili.

5. Riferimenti

Progetto Alpcore – Alpi competitive e responsabili, 2014.

Pennacchi L., Filosofia dei beni comuni. Crisi e primato della sfera pubblica, Donzelli, 2012.

Boutinet J.-P., Bréchet J.-P., Logiques de projet, logiques de profit. Convergeces or oppositions?, Éditions de Chronique Sociale, 2014.

Secondo Welfare, Welfare e produttività: la conciliazione alla Corneliani di Mantova, 13 dicembre 2014.

Vaccari A., “Partnership pubblico privato come strumenti per le smart cities: come quando e perché…”, in Smart innovation, supplemento a ForumPA.it, 21 marzo 2013.

Zandonai F., “Il rinascimento delle reti”, Competitività e processi collaborativi. Reti e filiere tra imprese: i vantaggi delle collaborazioni orizzontali e verticali, CSR Piemonte, 2014, pp. 15-18.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 194,062 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: