Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Bilancio sociale: due ipotesi di lavoro

Le ipotesi che seguono provano ad immaginare due possibili modalità di lavoro, aperte alle necessarie messe a punto e suscettibili di aggiustamenti in ragione delle caratteristiche delle organizzazioni, delle loro esigenze e del percorso intrapreso.

Come primo passo sono necessari un paio di incontri per esaminare con il gruppo di lavoro interno all’organizzazione le esigenze e le attese riguardo all’utilità e all’uso del bilancio sociale. In questi incontri si prefigurano le finalità del documento, si immaginano le fasi di lavoro, si individuano le principali caratteristiche del prodotto. Si tratta di momenti di progettazione iniziale che danno come prodotto tangibile la nota di metodo da inserire poi nel rendiconto sociale.

Naturalmente sono poi possibili diverse modalità di lavoro. Ne segnaliamo due, una che immagina una consulenza leggera e l’altra che prevede una consulenza più consistente.

Prima opzione: supporto al gruppo di lavoro nell’elaborazione del bilancio sociale

Prevede un supporto al gruppo di lavoro nel corso del processo di elaborazione del bilancio sociale. Ai due incontri di progettazione se ne aggiungono quattro o cinque per accompagnare la redazione del documento. Il gruppo di lavoro interno mantiene la responsabilità della redazione e della scrittura del documento.

Negli incontri con il consulente viene esaminata di volta in volta l’evoluzione del documento, vengono discussi gli interventi per rendere più completi i contenuti e più leggibile il testo, tenendo a riferimento le principali linee guida disponibili.

Seconda opzione: consulenza e redazione del documento di bilancio sociale

Questa seconda opzione punta invece ad alleggerire il carico di scrittura del gruppo di lavoro interno, senza espropriarlo della responsabilità elaborativa.

I consulenti partecipano ai momenti di verifica del documento e assicurano la redazione e la revisione di testi, titoli, tabelle, grafici e relative didascalie. Il gruppo di lavoro esamina le versione progressive dei capitoli e dà indicazioni per precisarne ulteriormente forma e contenuti.

Al gruppo di lavoro interno vengono in ogni caso chieste due attività fondamentali: il reperimento di dati e informazioni necessarie (compatibilmente con il tempo a disposizione), la validazione finale del documento.

Questa seconda opzione mantiene una modalità collegiale di accompagnamento della costruzione del bilancio sociale, ma prevede che l’attività di redazione e scrittura venga svolta dai consulenti.

Entrambi i percorsi prevedono poi un incontro conclusivo per ragionare dei molteplici usi del documento, esplorare evoluzioni e considerare la possibilità di introdurre forme di partecipazione (diverse, sostenibili e appropriate) nel processo di ideazione e costruzione del bilancio sociale.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 7 April 2010 by in Bilancio sociale, Quanto basta.

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 218,253 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: