Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Una (piccolissima) missione da compiere (e un sondaggio)…

Ho anch’io una personalissima missione da compiere.
Devo diffondere l’uso del simbolo di fine paragrafo.
Questo: ‘¶’.

Lo so – non è molto – ma ciascuno può scegliersi il proprio obiettivo esistenziale.

Eppure la libertà non assolve dal dichiararsi (se non dal giustificare le proprie scelte con validi argomenti). Perché mai si dovrebbe promuovere l’uso del fine paragrafo (¶)?

Ecco le (mie) ragioni:

  • Trovo che l’attivazione del fine paragrafo rende più agevole e precisa la scrittura.
  • Inserendolo inoltre si evidenziano anche i puntini che segnalano lo spazio tra una parola e un’altra (così è più facile controllare la regolare distanza fra una parola e l’altra, i testi risultano più scorrevoli e curati).
  • Sia la composizione che la lettura ne beneficiano, infatti (a dispetto di quel che mi si attribuisce sul rispetto delle regole) il fine paragrafo agisce un po’ come le righe o i quadretti (e qui ciascuno/a è libero di scegliere): si introducono vincoli ordinativi che accompagnano la composizione.
  • Il fine paragrafo, poi, aiuta ad isolare tra il macro (testo) e il micro (parola) i periodi o i sistemi di periodi logicamente concatenati: diventa più facile enucleare i pensieri.

Se, aprendo il computer – e la settimana – inciamperete in questo post, provate ad attivare il fine paragrafo: vi sentire più sicuri/e, più sciolti, meno in balia del bianco senza fondo della pagina.
Un fine paragrafo è la via ferrata quando ci si sporge sull’abisso.
Per parte mia mi impegno a comporre un’ode al fine paragrafo.
Intanto sperimento un questionario semplice e diretto:

6 comments on “Una (piccolissima) missione da compiere (e un sondaggio)…

  1. Laura
    25 March 2011

    Chissà perchè ma per me il “fine paragrafo” è sempre stato la “P greca”. E’ la prima volta che lo sento definire come fine paragrafo.
    Io e lui/lei siamo da sempre in perenne competizione.
    Là dove io non riesco a risolvere ci clicco su ed ecco chiarito il dilemma.
    Ma io non demordo, lo uso sempre come estremo rimedio.
    Certo ora che è anche ospite della settimana chissà come si sentirà importante…:-)

  2. albertoponza
    21 March 2011

    Lo ammetto, ho grandi difficoltà nell’utilizzo del fine paragrafo.

    Se si tratta di comporre ne riconosco l’utilità, ma in fase di lettura mi ostacola.

    Nutro sentimenti ambivalenti, lo stesso dicasi per le revisioni; non riesco a leggere un documento con tutto quel testo barrato, mi viene automatico “accettare tutto”, così, sulla fiducia, pur di ridare dignità alle parole.

    Scherzi a parte, sono entrambi due strumenti molto utili, indispensabili nell’uso professionale di Word.

    Non sempre l’uso di Word è professionale…

  3. vittorio ondedei
    21 March 2011

    e dire che sarebbe pure un bellissimo segno… un fucile con mirino puntato verso l’alto (chiaro richiamo prenicciano…dio è morto? no? allora guarda qui!);
    una ciminiera con un foruncolo ambientalista; un tipo con il nasone scuro ed il cervello fine; ….bravo Graziano che dai dignità ai segni (ed al segnare!!)
    v

  4. mainograz
    21 March 2011

    Sono strano forse perché sento la fatica di sistemare testi altrui che con un pizzico di accortezza/e sarebbero molto meno abborracciati.
    E’ come mettere via gli strofinacci della cucina senza piegarli con cura.

    • Michela
      22 March 2011

      Il contagio è avvenuto: da oggi sono ufficialmente una utilizzatrice del paragrafo!! :)

  5. cristina
    21 March 2011

    Uso molto spesso la visualizzazione di fine paragrafo (e gli altri simboli nascosti di formattazione) ma solo in fase molto avanzata di stesura di un testo, quasi per una verifica finale di disposizione, impaginazione, ecc.

    Amo invece scrivere in balia dell’accogliente bianco senza fondo della pagina…
    E non amo per niente leggere con la visualizzazione dei caratteri nascosti!!
    Forse non mi capitano spesso testi pericolosi come affascinanti abissi su cui sporgersi… :-)

    (eccezione che conferma la regola: la visualizzazione è per me necessaria quando devo correggere bozze di testi altrui)

    Tu sei certo strano con questa tua missione… ma certo che anche chi oltretutto ti risponde… !

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 216,380 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: