Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Sintesi dell’incontro di presentazione pubblica dello studio: “(S)bilancio di famiglia. Il difficile equilibrio tra rigore, sviluppo ed equità” (bootleg)

Uno sguardo d’insieme

(s)bilancio di famiglia - Locandina

Questo è il primo di quattro post in uscita che provano a sintetizzare contenuti, dati e punti di vista emersi durante l’incontro pubblico “(S)bilancio di famiglia. Il difficile equilibrio tra rigore, sviluppo ed equità”.

Giovedì 18 ottobre si è tenuta a Milano, nell’Auditorium Periodici San Paolo, la presentazione pubblica della ricerca “(S)bilancio di famiglia” promossa da Famiglia Cristiana e dal Centromarca, curata da REF Ricerche.

Tra i relatori, personalità di spicco:

  • intervento di apertura a cura di don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana, e Luigi Bordoni, presidente di Centromarca;
  • presentazione della ricerca a cura di Fedele De Novellis, REF Ricerche;
  • tavola rotonda condotta da Adriana Santacroce  con Giacomo Archi, presidente e amministratore delegato di Henkel Italia, Alberto Bauli, consigliere Centromarca e presidente di Bauli, Francesco Belletti, direttore del Centro Internazionale Studi Famiglia e presidente del Forum delle Associazioni familiari, Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, Nando Pagnoncelli, presidente IPSOS;
  • conclusione a cura di Andrea Riccardi, Ministro per la cooperazione internazionale,  l’integrazione e la famiglia.

Durante la mattinata sono stati presentati in sintesi i risultati della ricerca condotta da REF Ricerche dedicata all’analisi economica dei bilanci delle famiglie italiane durante l’attuale crisi economica [per approfondimenti si rimanda ad un post di prossima pubblicazione].
La vera protagonista dell’incontro è stata la Famiglia che, nell’ultimo anno, ha avvertito ancora maggiormente su di sé il peso della crisi e della depressione che ha investito il nostro paese a partire dal 2008.
Nonostante il ruolo rilevante che la famiglia ricopre nella società italiana, negli ultimi tre governi essa ha sempre avuto scarsa rilevanza e, ora, è proprio lei a pagare il peso maggiore.

Il direttore di Famiglia Cristiana, Don Antonio Sciortino, ha voluto sottolineare come “le famiglie oggi sono più attente al necessario, hanno fatto tagli alle spese anche dei beni di prima necessità, hanno cambiato stile di vita verso maggiore sobrietà, ma non le si può spremere ancora”.
Con l’attuale Governo Monti l’Italia ha recuperato i consensi perduti all’estero ma all’interno del contesto nazionale ci vorrebbe maggior rigore contro le corruzioni, gli sprechi e lo sperpero di risorse pubbliche che ha contribuito a creare questa situazione spiacevole.
Se saniamo l’ospedale ma il paziente muore perché non ha l’ossigeno non si può raggiungere un buon risultato”, sottolinea ancora Don Sciortino, occorre infatti un patto tra stato e famiglie  fondato sulla fiducia perché “se cresce la famiglia cresce la società” (richiamo allo slogan del Festival della Famiglia di Riva del Garda).
Prosegue Sciortino: “il Governo deve riordinare i bilanci ma non a scapito delle famiglie italiane che pressate dalle tasse, dall’aumento dei prezzi anche dei beni di prima necessità come gli alimentari e il carburante, bloccati dalla disoccupazione, stentano a tirare fine mese”.

Un’attenzione particolare andrebbe rivolta anche ai giovani; nel nostro paese, in particolare nel Mezzogiorno,  il tasso di disoccupazione è tra i più alti in Europa. Questo non solo genera scoraggiamento nelle giovani generazioni ma anche una fuga dei talenti migliori, infatti i giovani più preparati scelgono di andare all’estero in cerca di un’occupazione o, comunque, di una prospettiva lavorativa migliore, e l’Italia si trasforma sempre di più in paese di anziani e scoraggiati.

  • Dunque che cosa fare per ristabilire un equilibrio?
  • Come fare a colmare il debito pubblico italiano senza gravare eccessivamente sulle famiglie e sui consumatori?
  • Come ridare vigore ad un paese scoraggiato e offrire una prospettiva migliore alla fascia giovanile?

Queste sono le grandi questioni aperte che l’incontro ha sottolineato, evidenziando come la strada migliore sia quella di ridare maggiore attenzione alla famiglia, sostenerla nel momento difficile per garantire al paese la ripresa necessaria.

One comment on “Sintesi dell’incontro di presentazione pubblica dello studio: “(S)bilancio di famiglia. Il difficile equilibrio tra rigore, sviluppo ed equità” (bootleg)

  1. Pingback: Sintesi dell’incontro di presentazione pubblica dello studio: “(S)bilancio di famiglia. Il difficile equilibrio tra rigore, sviluppo ed equità” (bootleg) « Mainograz

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 226,987 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: