Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Papà, tu vivi nel medioevo.

Giacomo, domenica mattina, compiti di matematica

Giacomo, domenica mattina, compiti di matematica

 

Papà, tu vivi nel medioevo.
Quando scrivi gli sms non usi le abbreviazioni!

E se fosse vero?

E se dipendesse anche da me cercare di collegarmi al linguaggio che parla mio figlio?
Certo quando scrivo gli sms (consapevolmente) apro usando il nome o i nomi delle persone alle quali mi rivolgo, e chiudo salutando e firmando.
Nel fare ciò ci sono alcuni svantaggi e alcuni vantaggi.

Gli svantaggi: scrivere gli sms così richiede un po’ di tempo, hanno un tono un po’ formale e sono lunghi (a volte me ne partono due).
I vantaggi: mentre scrivo mi costringo a rallentare e a pensare, le persone sanno che mi rivolgo proprio a loro, e poi, un saluto e una firma qualcosa nelle relazioni vorranno pur dire.
Ma se provassi a cercare una mediazione, almeno con mio figlio?
Se provassi ad usare le abbreviazioni, magari non cambiando il mio modo di aprire e di chiudere gli sms?

Non si pone un problema di regole comuni fin quando non entrano in contatto prospettive differenti. L’esigenza di un galateo (lo aveva già sottolineato Norbert Elias) si manifesta quando entra in crisi un sistema e un altro si annuncia. E lì, dove paradigmi in qualche modo convivono, si avverte l’esigenza di strumenti che ne esplicitino le dinamiche e rendano possibile passare da un mondo all’altro.

Quindi conviene che mi risolva a usare un particolare linguaggio quando scrivo gli sms a mio figlio (così vado più veloce e parlo la sua lingua)  e a sfidare il dizionario con parole inusuali quando scrivo al resto dei destinatari (salvo che i miei interlocutori non vogliano accettare le abbreviazioni…).
Per quanto riguarda la comunicazione con Giacomo, beninteso, si tratta di un esperimento (come tutti quelli che vivono nel medioevo resisto ai cambiamenti), per quanto riguarda i miei interlocutori professionali non so come fare per accordarmi…

Abbreviazioni per gli sms

Riporto di seguito le più comuni abbreviazioni che ho preso da Intercultura blog della Zanichelli (è interessante, ci sono anche gli esercizi per impratichirsi;-)

ki: chi
ke: che
xro: però
cs: cosa
risp:rispondi
rit: ritardo
qnt: quanto
grz: grazie
prg: prego
x: per
e: è
ai: hai
o: ho
a: ha
xke: perché
c: ci
nn: non
tvb: ti voglio bene
tvtrb: ti voglio troppo bene
6: sei
trp: troppo
lib: libero
occ: occupato
cn: con
t : ti
v: vi
d: di
c: ci
tt: tutto / tutti
m: mi
S:  si
1: un /una
dv: dove
cm: come
dp: dopo
qnd: quando
ok: va bene
ved: vedere (in tutte le sue forme)
and: andare
asp: aspettare (in tutte le forme)
cred: credere (in tutte le sue forme)
dom: domanda/ domandare
uno squillo: si usa per dire “ti sto pensando” o per rispondere  affermativamente a una domanda, per esempio:
A scrive “c ved alle 8”, cioè “ci vediamo alle otto?”
B risponde con uno squillo, cioè “sì, va bene”
:-) : si è contenti e  si approva, può intendere un sì
:-( : si è scontenti e si disapprova, può significare un no
@)-;–|: una rosa, un fiore (indica romanticismo, dolcezza)

PS

Tre considerazioni

  1. Mi verrebbe subito da aggiungere all’elenco altre abbreviazioni (ma poi le capisco solo io, anche se potrei pensare di accordarmi con mia moglie, o anche con i miei collegh*);
  2. In fondo anche gli antichi romani usavano le abbreviazioni sulle epigrafi (la predisposizione del substrato e la produzione del testo richiedevano tempi lunghi e quindi era meglio economizzare);
  3. Oh, no! Anche oggi qualcosa di nuovo da imparare… ;-/

.

2 comments on “Papà, tu vivi nel medioevo.

  1. ovittorio
    23 January 2013

    twitter = lapide?

  2. Otta
    20 January 2013

    Cmq = comunque
    xò = però
    xé = perché
    TVTB = ti voglio troppo bene

    twitter obbliga a starci in 140 caratteri.
    Twitter = RINASCIMENTO

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 212,021 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: