Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Summer school sparks

Se dovessi partecipare alla progettazione di una summer school…
“Non dire notte” di Amos Oz non è solo una storia d’amore. È anche la vicenda di un progetto sociale e comunitario, incerto e sospeso, che prende (più o meno) forma nell’arco di una estate.
Se dovessi partecipare alla progettazione di una summer school mi preoccuperei dei libri dai quali prendere spunti per emozionare chi vi vorrà prendere parte.

“Non mollare. Coinvolgere delle brave persone. Che in fondo non è che mancano qui. Devo essere ancora più sincero con voi? Il nostro vero guaio è che non ci lasciamo entusiasmare da niente. Questa è la vera tragedia. Chi non si attizza più per nulla si raffredda e comincia a morire. Così dice Linda e io sono d’accordo con lei. Bisogna cominciare a desiderare. Trattenere forte, con tutte e due le mani perché la vita non scappi, spero capiate quel che intendo dire. Altrimenti tutto è perduto.”

Verso la fine del capitolo 24, il neretto è mio.

Se dovessi pensare ai contenuti, cercherei di fare una proposta che colleghi tre polarità:
– l’attenzione per lo sviluppo del territorio, a partire dalle potenzialità inespresse che possiede;
– le innovazioni (possibili) che interessano il welfare, considerandolo dimensione che consente di attivare processi trasformativi;
– le azioni di cura da rivolgere alle organizzazioni (non solo sociali) perché possano contribuire a creare opportunità per chi abita i territori.

E non mi figuro una summer school che non sia accogliente, allegra, attivante.
Immagino un ciclo di laboratori che attingano da riflessioni brevi e intense.

 

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 232,628 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: