Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Bilancio sociale 2.0 (parte prima)

Le cose cambiano

Anche il bilancio sociale si trasforma. In più modi. Sotto la spinta di pressioni carsiche (l’uso e le riflessioni sull’uso) e inaspettate (come la tecnologia). Il bilancio sociale ha forse esaurito la sua carica millenaristica (lo abbiamo già rilevato altre volte). Ma ciò non significa che abbia perso il suo valore e la sua utilità.  Forse sarebbe meglio dire che, se anche il bilancio sociale passasse di moda, l’esigenza di pratiche rendicontative non verrebbe meno. Muterebbero le forme, le enfasi, le occasioni e i supporti, ma la domanda di comprensione dell’azione svolta per conto di altri, a loro vantaggio, o l’esigenza di considerare gli effetti e comprendere esiti ed esternalità delle nostre azioni rimarrebbe. La domanda verrebbe di nuovo posta.

Forse quello che accade di osservare è che, nel campo della rendicontazione sociale, dopo anni di promozioni, promesse, impegni, dopo anni di attese di avere raccolti eccezionali si sono forse stemperate le aspettative più idealizzanti, per lasciare posto – sperabilmente – alle concrete utilità che le organizzazioni possono progettare e mettere a punto quando si apprestano a lavorare a rendiconti sociali.

Le pratiche di rendicontazione cambiano

La rendicontazione appare meno statica, più fluida. O almeno questa è la domanda a gradi di consapevolezza variabile che viene formulata dalle organizzazioni (e le domande creano le risposte). Mentre si istituzionalizza (linee guida emanate da organismi privati e pubblici) il bilancio sociale contemporaneamente si trasforma: non si chiede più all’organizzazione di certificare l’attenzione per alcune dimensioni sociali, ma il campo informativo si estende: risultati economici, sociali, organizzativi, ambientali, di partecipazione, innovazione, responsabilità… Le domande sono potenzialmente infinite.

E cambia la tecnologia, sia fa più duttile e accessibile. Con il web 2.0 è facile aprire un blog, gestire un sito. Sembra facile addomesticare la comunicazione virtuale e porla al servizio dei processi rendicontativi, variandone e amplificandone la portata e gli effetti. A tratti poi si ha quasi l’impressione che il dare conto voglia prevalere sul rendere conto.  Il dare conto risponde a un impulso, a un calcolo autonomo, intenzionale, e porta con sé l’esigenza di visibilizzare le esperienze, le innovazioni, i traguardi. Dare conto è (anche) promuoversi. Ma dare conto può anche rispondere all’esigenza di mostrare (e cercare di condividere) con quali problemi si ha a che fare e come li si affronta, quali scelte si intraprendono, a quali priorità si rivolgono le energie. Dare conto significa esplicitare quali questioni ci interpellano e come ci si mette in relazione con esse.

Al tempo stesso cresce l’esigenza di condividere apprendimenti e conoscenze che le organizzazioni vanno sviluppando con le loro pratiche. Si ha la sensazione che nell’abbondanza dei saperi e delle teorie qualcosa (di importante) sfugga. Come se la rendicontazione non cogliesse la domanda di riorganizzare le esperienze che via via maturano, e non riuscisse a restituirle a chi nell’organizzazione lavora e alle reti di interlocutori con le quali si collabora. È come se i processi del render conto, che certamente devono presentare ‘i conti’, i dati e le informazioni rilevanti corressero il serio rischio di restare sulla superficie dei fenomeni e non aiutassero a comprendere, ad approfondire, a discutere. I dati sono certamente importanti, ma la loro costruzione richiede energie, tempo, competenze e prefigurazioni. A volte si impongono i format già definiti.

Ricapitolando

  • Diversi argomenti possono essere affrontati in sede di comunicazione e rendicontazione.
  • La tecnologia 2.0 consente con maggiore facilità (ma non necessariamente con meno lavoro) di rendere esplicite le proprie esperienze.
  • Cresce l’esigenza di mostrare il lavoro che le organizzazioni sociali svolgono e le questioni che affrontano.
  • Mentre si avverte l’esigenza di condividere apprendimenti su quanto si va realizzando si corre però il rischio di banalizzare la ricchezza delle esperienze aderendo a moduli comunicativi preconfezionati.

3 comments on “Bilancio sociale 2.0 (parte prima)

  1. Paolo
    7 September 2010

    Ciao Graziano,

    finalmente intervengo, per segnalarti questo link
    http://polser.wordpress.com/2009/10/15/un-blog-%e2%80%9cprovvisorio%e2%80%9d-come-strumento-di-comunicazione-in-gruppi-di-lavoro-scheda-operativa-di-paolo-ferrario-29-settembre-2009/

    Effettivamente le cose si stanno muovendo, le pratiche di lavoro e comunicazione cambiano e offrono nuove possibilità. Il bello è che siamo ancora in una fase di sperimentazione e pionerismo!

    A presto,
    Paolo

    • mainograz
      8 September 2010

      Grazie Paolo,
      per essere intervenuto e per la segnalazione.
      In effetti anche i temi della temporaneità e dell’estemporaneità andrebbero considerati.
      A volte i bilanci sociali, giusto per restare nel campo, sembrano temporary shop. Si aprono e si chiudono.Propongono i loro contenuti e scompaiono dalla scena.
      Potrebbe essere un bene.
      Ma si potrebbe anche immaginarli come corner shop che segnano la vita di un quartiere.
      A presto, a venerdì?
      Graziano

  2. Martina Cecini
    3 September 2010

    Leggendo questo post mi viene da collegare con il mio servizio alla Caritas e con alcune domande che anch’io
    mi porto dentro nel momento del rendiconto o del bilancio semestrale che presento alle persone che fanno
    parte dell’equipe di lavoro e alla stessa Diocesi compreso il Vescovo.
    Altre organizzazioni sociali similari fanno questo tipo di lavoro che possiamo chiamare “bilancio sociale” e credo che oltre le competenze (importanti ma non esaustive) c’è proprio bisogno di riflettere e capire
    COME DARE CONTO in modo tale che si possano realizzare
    meglio gli obiettivi che ci prefiggiamo.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 2 September 2010 by in Bilancio sociale and tagged , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 216,314 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: