Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

La retorica nelle metafore di cooperazione #psicosociologia

Le metafore hanno una potente energia adesiva, ti ingarbugliano, ti irretiscono, ti ammaliano.
Ma sono più simili a labirinti che a scale mobili perfettamente illuminate.
Hanno uno o più lati oscuri, sapientemente celati.

Prendiamo due metafore che in un recente seminario sono state utilizzate per enfatizzare i vantaggi e la praticabilità (i pregi e la desiderabilità) della cooperazione fra piccole organizzazioni.
Le metafore dell’alveare e del formicaio.

Le due metafore hanno costellato il via vai di interventi (quasi un tormentone), innescate dalle immagini proposte nei lucidi da due dei relatori intervenuti. La concomitanza mi è parsa fortuita, l’indipendenza delle scelte è stata subito avvertita come una casualità convergente, ripresa come elemento di rinforzo, quasi un’asseverazione della implicita auto evidenza delle metafore.

Quali sono gli aspetti che contribuiscono a rendere le metafore luminose?

Nel formicaio:

  • l’ordine che si produce dal brulicante lavorio…
  • l’intensità del lavoro che produce esiti attesi…
  • la sinergica instancabilità viene sempre premiata…
  • gli effetti sono apprezzabili: si accumula cibo per l’inverno (ce lo ricorda la fiaba di Esopo e pure A bug’s life il film della Pixar)…
  • dagli sforzi incredibili di ciascuno (una piccola formica può spostare oggetti multipli del suo peso) nasce un bene comune più grande…

Nell’alveare:

  • si esce ad esplorare il mondo,
  • si riportano informazioni (per mezzo di danze e segni interpretabili),
  • nel mentre si prende dai fiori, si dona (attingo il polline e impollino),
  • ancora una volta dalla comunanza dell’impegno ne vengono buoni prodotti: cera, miele, e propoli…

È vero che negli alveari e nei formicai c’è cooperazione.
Ma anche divisione del lavoro, specializzazione, gerarchia e ruoli definiti (e non negoziabili), e non mi sembra prevalgano libertà e democrazia.
Quanto poi alla collaborazione intercomunitaria dobbiamo rifarci ai film di animazione, anche se verrebbe da pensare che in natura le forme di collaborazione costituiscono gli ecosistemi (già la collaborazione… mi pare un costrutto tutto da esplorare: in che termini si può parlare di collaborazione ambientale?).

Nel seminario le due metafore hanno imperversato, quasi cancellando lo spirito critico che in genere contraddistingue le micro-organizzazioni e che trova spazio negli incontri di più persone dove per il fatto di essere in gruppo sembra più facile (ed interessante) essere critici (e invece questa volta no, chissà perché).

Ripensandoci mi chiedo se – nella specifica situazione – non si sentisse l’esigenza di narrazioni che rassicurassero collettivamente, che servissero da stendardi per alimentare un immaginario collettivo non (auto)distruttivo, che lasciare in ombra il lato oscuro delle due metafore fosse funzionale – lì, in quel momento – per le persone convenute, in relazione ai ruoli di rappresentanti delle organizzazioni di cui fanno parte.

Sono giorni che mi gira in testa la metafora che Giancarlo Ottaviani utilizza per riassumere la sua posizione sulla situazione economica: “Riordinare le sedie a sdraio sul ponte del titanic non risolve i problemi” (Joseph Stiglitz, nobel per l’economia).

6 comments on “La retorica nelle metafore di cooperazione #psicosociologia

  1. Anonymous
    1 April 2013

    le metafore (quelle serie e ben riuscite) hanno qualcosa di magico. non basta trovare dei paralleli tra caratteristiche.. bisogna gettare luce su quello che sfugge e così generare lo stupore di cui parlava vittorio (almeno credo).
    prossimo punto del lavoro di gruppo: questione metafora!

  2. vittorio
    20 January 2011

    …..e sulla metafora c’è pure MAGLIA O UNCINETTO di Luisa Muraro!!

    v

  3. mainograz
    19 January 2011

    Grazie Vittorio.
    Grazie Riccardo.

    Cerco il libro che suggerito da Riccardo.
    Anche perché ‘cos’è una metafora’ è l’espressione più digitata tra tutte quelle che hanno condotto a Mainograz.
    Da un certo punto di vista verrebbe da scrivere seguendo i temi che conducono al blog.

    Quanto alle metafore poi sono anche un potente strumento in sede di consulenza. A volte per cercare di trovare un filo negli incontri e nelle discussioni, nei punti di vista di diversi interlocutori si considerano le metafore utilizzate.
    E spesso nelle interviste si sollecitano.
    ;-)

  4. Riccardo Pompeo
    19 January 2011

    La metafora, il mito religioso od eroico che sia, ha sempre trasportato in se insegnamenti analogici. I miti di qualsiasi tempo sono percorsi mentali, sono il filo di Arianna, il sottile fil rouge necessario per (ri)trovare il giusto percorso mentale nel labirinto della mente, un labirinto che porta spesso a combattere con il minotauro del cervello limbico. E quando la via non esiste essa si crea proprio grazie alle associazioni mentali prodotte dalla storia mitologica. Una volta creata la via gli archetipi legati ontologicamente dalla medesima analogia del mito, ovvero il medesimo filo rosso, possono usufruire di questa conoscenza “nascosta” presente in termini di collegamenti neuronali all’interno della corteccia cerebrale. Il mito è quindi lo strumento in mano dell’umanità per addestrare la mente, per creare determinate connessioni.

    Consiglio il seguente libro:

    Metafore Terapeutiche
    Modelli e strategie per il cambiamento
    David Gordon
    Astrolabio Edizioni

  5. vittorio
    19 January 2011

    se la metafora che si utilizza non produce uno scarto, uno sforzo di pensiero, un briciolo di stupore ed anche un pochino di fatica, se non altro per fare la ‘connessione’ tra la metafora ed il contenuto che essa ‘porta’ (e nello stupore ci deve stare anche quella sorta di leggero piacere estetico….le sedie a sdraio del titanic, mirabolante!), ecco, se una metafora non è questo, ma la ripetizione di un luogo comune irriflesso (cioè prende la sua forza proprio dal fatto che NON stimola il pensare, ma l’adagiarsi sul già conosciuto e consolidato), questa metafora non produce nulla se non ripetizione, rassicurazione, stabilizzazione. Api e formiche!
    Ci facessero per una volta amare gli sciacalli!!!

    vittorio

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 207,272 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: