Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Psicosociologia 2015: critici, creativi, efficaci

2014-03-04 12.14.27

Welcome lesson 1/2

Giovedì 05 marzo 2015 welcome lesson di Psicosociologia dei Gruppi e delle Organizzazioni edizione 2014-2015. In programma:

  • le presentazioni (essenziali),
  • l’impostazione del corso (per farsi un’idea and get prepared),
  • le coordinate d’ingaggio (partecipazione e non frequenza / prosumer and not consumer / co-user and not clients),
  • l’avvio della costruzione del setting formativo (pronti, via).

Presentazioni

Già, come rompere il ghiaccio?
Gli inizi, tutti gli inizi, e quelli formativi in particolare mettono ansia: non sono mai facili.
Ma non si possono (devono) evitare.

Le presentazioni sono un ‘fatto sociale’, essenziale per interagire: dire il proprio nome, darsi la mano, inchinare la testa, uscire da uno stato di relativa compostezza, sorridere (a volte), introdursi, essere visti, essere riconosciuti e riconoscersi come parte del sistema di relazioni in corso. Le presentazioni non si possono saltare, ma… se si è in tanti richiedono tempo. A volte sono già state fatte e la loro ripetizione risulta noiosa.
Altre volte ci si dimentica [chissà perché?].
Per qualcuno invece sono una perdita di tempo [mah…].
Diversi gli elementi che vorrei mettere in circolo a mo’ di presentazione, e diverse le domande che vorrei porre a chi partecipa quest’anno al percorso di Psicosociologia dei Gruppi e delle Organizzazioni:

  • Quali le lauree triennali frequentate?
  • Quale la provenienza geografica (da Milano, dall’area metropolitana, dalle province circonvicine, da altre province lombarde, da regioni limitrofe, da lontano, dall’estero)?
  • Sono presenti persone che lavorano occasionalmente, part-time, full-time?
  • Chi invece studia a tempo pieno?
  • Sono stati fatti o sono in corso tirocini?
  • Quali esperienze di lavoro in gruppo precedenti esperienze di studio o professionali?
  • Chi conosce altre persone (e chi non conosce nessuno)?
  • Che informazioni sono già state raccolte sul percorso?
  • Quali altre informazioni utili per una prima conoscenza?
  • Quali esperienze di lavoro in gruppo?
  • Che altro?

Insomma, per avviare un percorso di lavoro che durerà tre mesi (marzo-maggio 2015), c’è l’esigenza di farsi una prima idea sulle persone che prendono parte al percorso formativo. Tuttavia non è agevole – se non in modo rapsodico – raccogliere e socializzare notizie utili.

Il corso è una organizzazione temporanea produttiva

Volendo elencare gli obiettivi formativi del corso di Psicosociologia dei gruppi e delle organizzazioni, potremmo articolarli così:

Apprendimenti

  • Avvicinare e considerare alcuni orientamenti e concettualizzazioni proposte dall’approccio psicosociologico.
  • Promuovere apprendimenti riguardo a questioni che investono le organizzazioni e i gruppi di lavoro.

Produzioni

  • Sviluppare un intervento conoscitivo di organizzazioni produttive o di servizio, secondo la prospettiva della ricerca-intervento.
  • Produrre un report sulla ricerca conoscitiva condotta interessante e leggibile.

Competenze

  • Sperimentarsi nel lavoro di gruppo attraverso un’esperienza di ricerca conoscitiva sul campo.
  • Potenziare competenze comunicative, di scrittura ed di esposizione.

Il corso propone un’esperienza di ricerca sul campo in gruppi di lavoro con tre obiettivi:a) sviluppare nuove conoscenze e competenza di ricercaintervento, b) riflettere sulle pratiche di intervento nelle organizzazioni e sull’esperienza di apprendimento che verrà sviluppata, c) intrecciare relazioni di collaborazione con le persone che frequentano le lezioni.

Nella prospettiva psicosociologica, apprendere non significa acquisire attraverso processi trasmissivi preordinati. L’apprendimento si realizza attraverso rielaborazioni dell’esperienza” (Brunod, 2006).

Tre accortezze

I tre inserti che seguono mirano a collocare il percorso di apprendimento all’interno di un contesto più vasto, caratterizzato da problemi diversi. I contenuti del corso verranno via via presentanti, ma qual è la cornice di senso che sorregge la proposta formativa? Il corso richiede una partecipazione attiva con l’idea di sperimentare approcci e strumenti utili non solo nell’operatività immediata, ma anche in condizioni di lavoro e di ricercaintervento nelle organizzazioni. Con alcune accortezze: la complessità delle situazioni operative richiede di essere sia ricettivi sia focalizzati, due disposizioni che identificano l’approccio creativo. Un salto di qualità è pensare l’approccio creativo non come frutto di azioni individuali, bensì di gruppo. Che è poi quello che viene richiesto a chi si trova ad operare nei contesti di lavoro: una capacità sociale di collaborare, di costruire relazioni produttive, in interazione con il contesto, e l’impegno a produrre conoscenze fruibili e leggibili: scrivere e comunicare efficacemente è una competenza trasversale irrinunciabile.

Creativi: svagati e focalizzati

Nell’articolo di Heather Pringle, “Le origini della creatività”, pubblicato da Le Scienze (maggio 2013, pp. 34-41), vengono citate le considerazioni di Liane Gabora, neuroscienziata dell’Università della British Columbia.

«Gabora ritiene che lo studio delle persone creative oggi ci dia un indizio essenziale. Il pregio di queste persone, spiega, è di avere la testa tra le nuvole. Quando affrontano un problema, lasciano vagare la mente, in modo che pensieri e ricordi ne evochino spontaneamente altri. Queste libere associazioni facilitano lo stabilirsi di analogie e producono pensieri originali e innovativi. Poi, quando arrivano a una vaga idea che potrebbe portare a una soluzione, questi individui passano a una modalità più analitica. “Si concentrano solo sugli aspetti più rilevanti” dice Gabora, “e cominciano a elaborare un’idea per renderla praticabile”.» 

Servirebbero spiriti critici e creativi

Qualche tempo fa mi è capitato di leggere un articolo su Internazionale (numero 1033 del 10 gennaio 2014, p. 80): “Puntare sulle menti e non sui numeri” di Michael Brooks, e – anche se non sono completamente d’accordo con le argomentazioni sviluppate (pensiamo al valore che hanno e stanno producendo i big data) – ho trovato alcuni spunti che mi sembrano si attaglino alle intenzioni del corso di Psicosociologia edizione 2013-2014.

«Per favorire l’innovazione e far crescere l’economia […] bisognerebbe sfornare pensatori agili, dotati di spirito critico e creatività.»

«Secondo Norman Augustine, ex amministratore delegato del colosso aerospaziale Lockheed Martin, i migliori tra i suoi 80mila dipendenti erano quelli con buone doti comunicative e riflessive […]. “Ma quello che ha contraddistinto chi ha fatto strada è stata la capacità di pensare in modo critico e creativo, e di leggere e scrivere con chiarezza”.»

Assumete chi scrive bene

Terza citazione… Nel libro di Fried J. e Hansson D. H., Rework. Manifesto del nuovo imprenditore minimalista. Come avere successo con poche risorse, Etas, 2010 (2010), preso in prestito in biblioteca ho trovato l’appunto di un anonimo lettore:

«Questo libro è da considerarsi un manifesto per la piccola impresa. Il consiglio più inatteso del testo (e più utile) è: “assumete chi scrive bene”.»

“Focalizzare e fluttuare”, “curiosamente insoddisfatti/e”, “Appuntare, annotare, scrivere”. Indicazioni – concrete e di buon senso – non implicano che stia misconoscendo la complessità del mondo del lavoro e le sue trasformazioni recenti.
Rimando la questione lavoro a un momento successivo.

Riferimenti rapidi

Se qualcosa più avanti si dirà sulla concetto di ‘lavoro’, di seguito due spunti di avvio nel post: Cosa cerca Google in un suo dipendente? che fa riflettere su come le organizzazioni sviluppino idee divergenti e su come le usino per promuoversi, e che ci dice qualcosa (ma non tutto) su alcune caratteristiche ricercate dalle imprese (caratteristiche utili per affrontare il corso di Psicosociologia dei Gruppi e delle Organizzazioni).

Diapositiva1

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 4 March 2015 by in Psicosociologia and tagged , , , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 207,272 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: