Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Centralità distante?

 Centralità distanteCi sono luoghi centrali, cool, up-to-date, laboratori di salti quantici riconosciuti, un po’ distonici ma non distopici.
In questa fase Milano o Bologna sono un po’ così. Senti che lì succedono o stanno per succedere cose interessanti. E tante. Nuove ogni giorno. Che le attraversi o che ti giungano notizie, appaiono sempre avanti, irraggiungibili. Lì convergono le intelligenze, gli sforzi e le risorse. Lì le possibilità (prima o poi) si realizzano. Ed anche i problemi si lasciano classificare sotto il segno delle opportunità. Quelli gli snodi da passare e forse fermarsi.
Ci sono luoghi lontani. Valli alpine o appenniniche, ramificate, remote, diffuse, selvagge, antropizzate ma non atrofizzate, con le loro cime, le loro trincee, le vie antiche, i musei, la storia, l’arte che non è minore. Le élite competenti, radicate e alimentate da ritorni post-laurea (stabili o del fine settimana). Ci sono i progetti, le risorse, la lotta allo spopolamento, i parchi, il ritorno alla natura, la valorizzazione delle produzioni locali, il cibo, il turismo, gli agriturismi e gli impianti.
Ci sono centri di contado e il loro contado. Distretti del gusto, del lusso, del mobile, del legno, della ceramica, del vino, dell’oro. Ad alta densità di idee, di relazioni e di vocazione. Brand famosi o quasi-famosi, capaci di promuoversi, di essere presenti a fiere inter/nazionali, di affermare, di tessere e di attrarre. Centri dal profilo identitario sufficientemente riconoscibile per chi ci vive e per l’immaginari sociali ai quali lo propongono.
E vogliamo scordarci delle province, a loro dire raccolte eppure in movimento (o in tensione)? Con il loro capoluogo, la loro storia (e i fasti), gli stereotipi, la bontà del vivere, le borghesie, (se va di fortuna) l’università? Vogliamo sottacere che quasi sempre un treno ha la sua stazione, che non manca un’autostrada, un casello, un fiume e un ponte? E uno – o più centri minori – che contrapponendosi ne esaltano la centralità locale?
Ah, dimenticavo, le periferie. Già, lontano dai monti, dai contadi, fuori mano rispetto alle province, a ridosso delle metropoli ci sono le periferie, s/conosciute, di prima fascia e di seconda fascia, riconosciute da chi vede la città diffondersi. Problematiche, poco, tanto. Collegate, bene, male. Trascurate, ma ricomprese, nominate, attenzionate dalle politiche metropolitane. Le periferie (sempre meno) isolate, in rinnovamento, non più abbandonate.
E oltre ai luoghi annotati nelle categorie di intervento, nelle politiche regionali per il territorio ci sono spazi che non sono aree metropolitane, non sono montagna o lago, non sono contado, distretto, provincia… plaghe in apparenza ai margini, non ricomprese nelle categorizzazioni geografiche che ho abbozzato.
Territori un po’ sospesi, piccoli centri, porzioni interstiziali, non attribuibili.
Reliquati per alcuni, spazi vitali per altri.
Borghi un po’ sospesi, piccoli centri con il loro intorno che non fanno della loro collocazione motivo di autoesclusione, che cercano si saltare a piè pari la sensazione di sfavore, che provano a ricercare strade di sviluppo, di presenza vitale.
Se ne conoscete, se vi ritrovate (a viverci), se incontrate riferimenti letterari o rintracciate analisi scientifiche che ne parlano, se conoscete esperienze di autoriconoscimento o di innovazione, vi chiederei una segnalazione.
Grazie.
PS
E chissà quanti altri luoghi (reali o invisibili) ancora esistono e si possono scoprire.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,939 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: