Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Psicosociologia Unimib 10 marzo 2017 – Avvio della ricerca conoscitiva

Per introdurre alcuni elementi che mi sembra caratterizzino la prospettiva psicosociologica mi servo di un brano estrapolabile dal libro di Antonio Pascale e Luca Rastello, Democrazia: cosa può fare uno scrittore, Codice edizioni, 2011.
Dal contributo “Post scriptum: per finire, un’autocritica” di Antonio Pascale attingo una citazione contenuta nel paragrafo finale
Opinioni (democratiche)?.
Mi piace l’idea che il brano di commiato di un libro possa essere usato per aprire qualcosa di nuovo.
Ecco il brano:

«[…] dal 25 aprile fino al primo maggio 2008 sono stato ospite del presidio sanitario di Medici Senza Frontiere, a Rio de Janeiro. Il punto di primo soccorso era situato nel mezzo del complesso di Alemao, la più grande favela di Rio., in mano (ossia di proprietà dei) narcotrafficanti. È una zona blindata. Il mio compito era quello di descrivere le condizioni di vita dei cittadini della favela. Ho elaborato quindi un ragionamento: la favela è solo un fortino, all’interno del quale si commercia in droga. Siccome sono in tanti fuori dalla favela a usare droga, se il fortino è sporco, violento, malsano e brutto è solo affinché la merce arrivi pulita sulle tavole dei consumatori.

A un certo punto nella narrazione ho usato, per meglio sottolineare il clima cupo della favela, la seguente immagine: un palo della luce con un cavo singolo, sul quale si attaccavano decine e decine di fili illegali. La visione d’insieme vista dal basso mostrava un reticolato nero, quasi una ragnatela, per cui concludevo: “Ogni gesto d’astrazione creativa come quello tipico di guardare il cielo era sporcato da questa ragnatela. Qualcosa di sporco segnerà per sempre il processo creativo”.

Durante le letture e le presentazioni ho notato che questa immagine poetica risultava molto gradita al pubblico. Naturalmente me ne sono vantato. E naturalmente quella immagine forte e poetica in qualche modo ha immobilizzato il racconto e la favela la favela è precipitata, anche se poeticamente, nell’immaginario tipico: povertà, disperazione, narcotraffico e impossibilità di trovare una via di fuga, in quanto anche il cielo, elemento di libertà creativa, è sporcato.

Finché un giorno ho assistito a una conferenza in cui si parlava dei problemi del Terzo mondo. Il relatore, un antropologo americano, ha mostrato in una slide la stessa immagine che io avevo descritto: un cavo elettrico sul quale si attaccano decine e decine di cavi. Con mia sorpresa, il relatore non ha insistito troppo su questa immagine ma ha, invece, descritto il percorso dei fili. Dove andava a finire? L’immagine successiva si apriva sulla cucina di una casa; seduta al tavolo una bambina, che lavorava tutto il giorno e studiava fino a notte fonda grazie a quella luce. Il problema era allora come sfruttare quella luce abusiva trasformare un atto illegale in una possibilità legale.

Mi ha molto colpito questa descrizione: io non ci avevo pensato. Era un cavo abusivo, è vero, ma forniva elettricità anche a individui che stavano lottando per non rassegnarsi alle statistiche, le stesse che magari li vedevano come futuri soldati al soldo dei narcotrafficanti. Nella descrizione fredda dell’antropologo la mia immagine, ovvero il processo creativo sporcato dalla ragnatela dei fili, non reggeva alla prova dei fatti. Era statica, non dinamica.

Quanto tempo avevo impiegato a elaborare quella metafora? Forse due minuti e un po’ meno per scriverla. Risultato: un’immagine che paralizzava la narrazione in nome della sua forza poetica, un po’ come Protagora produceva con le sue belle parole le allucinazioni sonore in Socrate. L’antropologo invece non si è fermato lì a far poesia, ha seguito i fili casa per casa e ne ha illustrato l’effetto sulle singole persone. La sua descrizione ha aperto percorsi e possibilità che la mia bella e comoda e facile pigrizia poetica aveva eliminato.

Il mondo è vario e poetico di per sé; troppa poesia, e usata male, spegne la biodiversità, mentre al contrario la curiosità e l’inquietudine l’accendono. L’integrazione tra i saperi è l’unica soluzione per esaminare metodicamente quello che accade; l’intellettuale è tale se partecipa a questo processo. Ma quando si vanta, e si sforza di produrre immagini risolutive, fallisce e dà corpo e sostanza a belle allucinazioni, sonore o visive che siano.»

Quali spunti mi ricollegano alla prospettiva psicosociologica?

  • I ruoli che le figure che intervengono nei contesti possono assumere: congelare i pensieri e la capacità di pensare… o attivare il gusto di pensare, alimentare il desiderio di comprendere…
  • La curiosità a leggere oltre l’apparenza, di seguire le tracce confuse, la serietà che riconsidera le proprie posizioni, la ricerca che sfida i propri pregiudizi, che penso debba accompagnare gli interventi nei contesti, nelle organizzazioni, nel lavoro con i gruppi, nei progetti che coinvolgono organizzazioni, gruppi, individui che appartengono a contesti diversi…
  • La responsabilità nel contribuire a costruire rappresentazioni statiche (semplici) vs. rappresentazioni ricche e articolate (si confronti a questo proposito quello che dice Karl E. Weick in Governare l’inatteso, Cortina 2010 (2007) riguardo al secondo dei cinque principi di mindfuness organizzativa, che è proprio la riluttanza a semplficare)…
  • la presa che hanno rappresentazioni stereotipate nel costituire immaginari condivisi bloccanti…

Psicosociologia attraverso quattro focalizzazioni

Questi i punti che provo ad argomentare brevemente, anche a partire dalle mie esperienze di consulente a proposito della prospettiva psicosociologica:

  • può essere vista come un movimento, un dibattito e una riflessione continui, un processo di ricerca sul campo che rivolge l’attenzione alle questioni che investono i soggetti, i gruppi, le organizzazioni, i sistemi istituzionale, alle loro culture, alle relazioni interne e alle influenze reciproche e trasversali;
  • offre indicazioni fondate (su teorie e riflessioni metodologiche) per intervenire nei sistemi sociali e sollecita la costruzione di quadri interpretativi a partire dalle esperienze operative sul campo. Apre a prestiti interdisciplinari teorici e pratici, con un approccio critico e propositivo;
  • lavora per favorire cambiamenti generativi, impegnandosi per il rispetto dell’autonomia degli attori, promuovendo la loro partecipazione consapevole a processi evolutivi;
  • considera le dimensioni affettive, cognitive, relazionali che riguardano soggetti e gruppi, l’immaginario che essi sviluppano, ed anche il coinvolgimento del/la consulente nelle situazioni in cui interviene.

Psicosociologia: dibattito e riflessione

“Alors que la théorie, par son constraste avec le faits, tend a devenir une mythologie…

Michel de Certeau, L’étranger ou l’union dans la différence, Editions du Seuil, 2005 (1969), p. 27.

L’approccio psicosociologico offre indicazioni fondate su teorie, ricerche, esperienze per intervenire nei sistemi sociali e sollecita la costruzione di quadri interpretativi a partire dalle esperienze operative sul campo. Apre a prestiti interdisciplinari teorici e pratici, con un approccio critico e propositivo. Le teorie sono strumenti per leggere e intervenire nella realtà, in settori e ambiti diversi, con l’obiettivo di essere di aiuto.

Psicosociologia: ricerca (e) intervento

La comprensione dei fenomeni sociali può essere raggiunta attraverso un’analisi che colga la connessione profonda tra processi sociali e processi individuali”

Déloye Y., Halbwachs Maurice (1877-1945), in Barus-Michel J., Enriquez E., Lévy A. (a cura di), Dizionario di psicosociologia, Raffaello Cortina Editore, 2005, (2002), pp. 471-473.

L’approccio psicosociologico può essere visto come un movimento, un dibattito continuo che rivolge l’attenzione alle questioni che investono i soggetti, i gruppi, le organizzazioni, i sistemi istituzionale, alle loro culture, alle relazioni interne e le influenze reciproche e trasversali. Entrano in gioco diverse discipline: psicologia, sociologia, antropologia, economia.
Il rischio è di mescolare le carte.
Non si tratta di applicare la psicologia ad altri campi disciplinari, ma di attingere quadri interpretativi, strumenti, approcci, sguardi per letture e interventi utili ai soggetti.
Gli 
approcci che si richiamano alla psicosociologia lavorano per promuovere cambiamenti, impegnandosi per il rispetto e la promozione dell’autonomia degli attori e per la loro partecipazione a processi di evoluzione.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,939 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: