Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Le domande per costruire un progetto

Per elaborare un progetto le note ‘5W’ dei giornalisti sembrano un buon punto di partenza. Una rampa per partire sulla quale non sembra difficile andarsi a piazzare. Who, what, when, where, why: ‘chi’, ‘cosa’, ‘quando’, ‘dove’, ‘perché’… Combinando a piacere le domande, e considerando che potrebbe non guastare aggiungere ‘come’, ‘per chi’, ‘con chi’, si può dare forma a un piano. E certo c’è una certa razionalità in queste domande, in queste generalissime categorie. E le stesse combinazioni disegnano configurazioni in cui l’ordine conferisce ordine. A volte si è quasi indotti a credere che queste siano le uniche e insostituibili domande. Tuttavia questa incontrovertibile apparenza mi spinge a mettere alla prova la tenuta dell’evidenza, a considerare le domande e le disposizioni possibili come ipotesi, più che come verità. Quello che mi chiedo (che vi chiedo) è se utilizzate altri schemi per dare opportunamente avvio alle più svariate attività. Sarei interessato a scambiare opinioni ed esperienze con altri che sono soddisfatti delle ‘5W’ ma non se sono perdutamente innamorati.

Prendiamo ad esempio le indicazioni che forniscono Karl E. Weick e Kathleen M. Sutcliffe nel libro Governare l’inatteso. Organizzazioni capaci di affrontare le crisi con successo, pubblicato da Cortina nel 2010 (si tratta della traduzione dell’edizione in lingua inglese del 2007). I due autori in senso stretto non affrontano il tema dei progetti, ma trattano delle organizzazioni che si sforzano di operare con un elevato grado di affidabilità in contesti complessi e mutevoli. I criteri che propongono per identificare le organizzazioni affidabili potrebbero anche essere formulati a guisa di domande, e come tali essere utilizzate per accostare una qualche attività che vorremmo intraprendere:

  • Quali sono le aspettative in circolazione, quali le nostre e le altrui attese?
  • Quali sono gli eventi critici o i problemi di cui si sta ragionando?
  • Possiamo provare a tenere conto dei più svariati e diversi elementi, piuttosto che procedere attraverso semplificazioni?
  • Possiamo collegare quello che vorremmo intraprendere con quanto sta accadendo nel contesto nel stiamo agendo?
  • Se qualcosa va storto, abbiamo una qualche idea di intervento o di azione alternativa per far fronte agli imprevisti?
  • Disponiamo delle competenze affrontare il tipo di attività che intendiamo intraprendere, siamo in contatto con qualcuno che ne dispone?

Ora, non che nelle domande che si pongono Weick e Sutcliffe: il soggetto, i destinatari, le attività, i processi, il tempo, il luogo, e le ragioni (le nostre cinque o sei domande) non siano presenti, ma è come se venissero messe tra parentesi a vantaggio di un diverso modo di porsi rispetto alla realtà, che considera il mondo meno statico e assume un atteggiamento meno semplificante e più orientato all’apprendimento in un ambiente evolvente, un atteggiamento che promuove maggiore consapevolezza per quanto ci accade intorno, per l’inatteso che ci viene incontro nonostante il nostro desiderio di controllo e di ordine.

Forse si potrebbe cercare una mediazione di buon senso; le cinque o sei domande di base potrebbero avere lo scopo di circoscrivere un oggetto del quale ragionare, e le domande di Weick e Sutcliffe invece quello di attivare un lavoro di esplorazione e di approfondimento.

Forse si potrebbe cercare un’armonizzazione tra i due approcci conoscitivi. O si potrebbe anche lasciar perdere. Potrebbe non valerne la pena. In ogni caso il set di domande che utilizziamo o che concordiamo per prendere contatto con e avviare una nuova attività riflettono il tipo di organizzazione di cui disponiamo (interiore o operativa), che attiviamo più o meno consapevolmente. E in queste premesse, nel programma di costruzione delle conoscenze è già iscritto – almeno in parte – lo sviluppo del progetto.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 26 July 2010 by in Generale and tagged , , , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 215,782 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: