Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Cooperative sociali innovative…

In or out?

Se stiamo alla (sintesi della) ricerca condotta da Euricse per i vent’anni della 381 abbiamo una rappresentazione della cooperazione sociale non steoreotipica.
La ricerca si basa su 400 interviste rivolte a presidenti di cooperative sociali aderenti a Federsolidarietà. Riprendo alcuni spunti facendo una sintesi della sintesi e spostando l’attenzione sul bicchiere mezzo vuoto (intenzionalmente!). Ecco alcuni dati:

  • Il 40% delle cooperative sociali non ha innovato contro il 60% che lo ha fatto, l’80% delle cooperative sociali che hanno promosso innovazioni ha tratto benefici economici (ciò significa che è il 48% sul totale delle cooperative ad aver migliorato).
  • Il 37% delle cooperative innova nei servizi, il 28% si è rivolta a nuove utenze, il 60% ha innovato i processi organizzativi, quasi il 60% risponde ai nuovi rischi che non vengono intercettati dai servizi pubblici esistenti.
  • Il 34% delle cooperative intervistate dichiara di ricevere donazioni (il 66% allora no) e il 32% di attraversare una fase di sviluppo (e quindi il 68% è ferma).

Naturalmente questi dati vanno approfonditi studiando il rapporto di ricerca esteso. La sintesi da cui ho tratto i dati inoltre sottolinea che si tratta di risultati apprezzabili, infatti i dati vanno comparati con quelli di altri settori dove la crisi e la staticità imperversano con veemenza maggiore. In particolare i dati mostrerebbero le maggiori capacità strutturali della cooperazione sociale di sperimentare, cambiare, innovare, evolvere. La cooperazione sociale sarebbe maggiormente in grado di osservare e leggere i cambiamenti sociali, intercettare bisogni e fragilità di persone, famiglie, gruppi, comunità, mettere in campo risorse per fronteggiare il mutare dei disagi e il trasformarsi delle domande di servizi.
È possibile.
I dati suggeriscono questa predisposizione. Ma ci dicono anche che c’è una quota di cooperative sociali in difficoltà. Come sempre è interessante capire come è possibile che qualcuno sviluppi competenze nelle crisi e performi bene (o accettabilmente) anche in condizioni avverse. Ma è anche interessante capire per quali ragioni altre organizzazioni o sistemi invece incespichino, si avvitino, retrocedano, perdano il passo, la via, il tram di mezzogiorno e anche l’allegria. Al cuore dell’esperienza della cooperazione sociale mi pare di intravedere un desiderio di comprensione profonda del mondo, della sua mutabilità, una curiosità operosa che si stupisce ma non si lascia intimidire, che se non comprende studia, prova, sperimenta, chiama a raccolta risorse ed energie. Non un mondo fatato, ma disincantato senza supponenze, realista senza cinismi, capace di promuovere e socializzare i risultati, assolutamente interessato ad intervenire nelle situazioni di fatica, fragilità, esclusione. Anche in quelle organizzative.

O così o pomì?

Un secondo aspetto messo in luce dalla ricerca sono i fattori che attivano il potenziale di innovazione [ricordo che mi riferisco a quanto apprendo dalla sintesi, riformulando con parole mie quanto mi pare rilevante]. Quali caratteristiche dunque distinguono le cooperative sociali innovative?

  • Capacità di apprendere dall’esperienza. La ricerca fa riferimento a una disposizione – propria delle organizzazioni innovative – di riconsiderare il loro lavoro e le sollecitazioni provenienti dall’interazione con l’ambiente.
  • Gruppi dirigenti dialoganti. Le diverse posizioni, le conoscenze tacite che gli interlocutori sviluppando, le idee che vanno formandosi nelle molteplici situazioni operative non vengono semplificate in modo difensivo, ma vengono considerate per strutturare strategie.
  • Nei luoghi decisionali le differenze costituiscono risorsa e vantaggio: non sono considerate impedimenti che rallentano la capacità decisionale. Per questo i CdA sono rappresentativi degli interlocutori in gioco nell’azione della cooperativa sociale.
  • Vengono promosse forme di collaborazione con altre organizzazioni non solo sociali, alla ricerca di alleanze potenzianti.

Insomma: apertura, valorizzazione delle differenze, dirigenze che ricercano il confronto, ricerca di partner affidabili, riflessività costante su contesto, organizzazione, relazioni ed esperienze. Organizzazioni mindful, che non si fanno ingabbiare dai tracciati conosciuti né dagli schemi di azione consolidati., che non riposano su presunti allori, sempre un po’ in allerta, senza essere in ansia. Come dire che è operativo un fattore che non pur non nominato nella sintesi (sono certo lo ritroverò nel rapporto esteso) agisce a livello di gli schemi di pensiero organizzativo: le cooperative sociali capaci di innovare sanno che cambiare e migliorare comporta lasciare strade conosciute, attraversare confini, varcare soglie e limiti: innovare è esplorare e oltrepassare.

La sintesi

La sintesi a cui mi sono riferito è scaricabile dal sito di Vita.
Domani, lunedì 21 novembre 2011 (09:00 – 13:30), nuove considerazioni, spunti e idee verranno dal workshop organizzato dal Centro Studi Metodi Dati e Strumenti della Facoltà di Economia dell’Università di Brescia (in Sala Biblioteca in via San Faustino 74/b, Brescia).

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,682 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: