Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

La fatica di scrivere parole che non sono ombre (Viktor Shklovsky)

Marena (www.ittiofauna.org)

Viktor Shklovsky? Mai sentito prima.

Ho trovato un suo libro in biblioteca e il titolo mi ha incuriosito: “Teoria della prosa”.
[Che cosa facciamo se non scrivere in prosa la più parte delle cose che scriviamo?]
Ma senza solide conoscenze non è immediato mettersi in sintonia con un formalista russo che all’inizio del secolo scorso ragionava di letteratura.
Provo con Wikipedia… Viktor Shklovsky fu un critico e uno scrittore frammentario, digressivo. Riprendo in mano il libro e leggo la prefazione.

«È del tutto pacifico che la lingua subisce l’influsso dei rapporti sociali.
Gleb Uspensky ha scritto un bozzetto in cui un gruppo di pescatori crea un proprio genere di vita e inventa i nomi di una costellazione “per via della marena”. Pescano le marene di notte e le stelle sono loro necessarie per indicare la rotta.
Nella lingua degli allevatori di bestiame troverete sempre molte parole che indicano certi aspetti particolari, certe sfumature di pelame, che non possono neppure essere tradotte con esattezza.
Ma la parola non è un’ombra.
La parola è un oggetto. E cambia secondo sue proprie leggi, legate alla fisiologia del linguaggio, e così via.
Se in una lingua il nome del pettorale della corazza diventa il nome del petto dell’uomo, il fatto può certo essere spiegato da un punto di vista storico. Ma i mutamenti della parola non avverranno parallelamente a mutamenti della forma del pettorale, e la parola può sopravvivere al fenomeno che le ha dato origine.»

Viktor Shklovsky, “Prefazione”, in Teoria della prosa, Einaudi, 1976 (ed. or. 1925), p. 3.

Le parole sembrano avere vita propria. Avere senso pregnante in uno specifico contesto. La loro risonanza si perde fuori dall’accordo cognitivo ed emotivo di coloro che le usano, attribuendo significati comprensibili, grazie all’intesa interpersonale (e culturale). Senza le parole, e senza l’attribuzione di un significato che le renda capaci di comunicare, saremmo come pescatori sospinti lontano dai banchi di pesca e dalle rive conosciute.
Provo a dire come mi sono perso e quale fatica per recuperare un approdo.

Avere poche parole a disposizione: solo ‘blog’ e ‘post’

Non sapevo di fare confusione fin quando non mi sono trovato a disposizione due sole parole per descrivere (prima a me e poi ai miei interlocutori) una proposta, un’idea che – più la argomentavo – meno suscitava interesse. Il punto è questo un’organizzazione piuttosto grande ha chiesto un intervento per mettere a punto la comunicazione interna e con gli interlocutori esterni. Le proposte e le iniziative, i servizi e i risultati, il lavoro e le persone possono venire raccontati, resi visibili, valorizzati. Il punto è come. L’idea che le figure di coordinamento assumessero anche un ruolo di narratori, divulgatori, visibilizzatori di quanto l’organizzazione produce per e con gli utenti, le loro famiglie e la comunità, sembrava una via percorribile con investimenti e fatiche abbastanza sostenibili.
Ma quello che non piaceva, quasi disturbava, era l’idea che si scrivessero post.
E la modalità blog veniva percepita come troppo superficiale, frettolosa, estemporanea.
Il gruppo di lavoro poteva accettare l’idea di lavorare come una redazione, ma non accoglieva l’ipotesi di realizzare un blog fatto di post…
Naturalmente le azioni comunicative erano anche altre: dalla revisione del sito istituzionale agli interventi sui giornali locali, alle iniziative nel territorio. Ma l’idea di raccontare cammin facendo la varietà di attività (programmate, in corso e realizzate) mediante il supporto di un blog veniva avvertita come poco rispondente alla qualità dei contenuti da rendere pubblici.

Le parole creano le cose

Due le critiche alla proposta di gestire una comunicazione partecipata, meno ingessata e più fruibile:

  • Non può esistere un blog professionale collettivo: il blog è uno spazio individuale ed estemporaneo. Osservazione abbastanza vera in generale, se non fosse che vanno diffondendosi blog curati da più persone con finalità professionali, supportati da tecnologia e template che consentono (e favoriscono) la collaborazione.
  • I post sono testi inadeguati perché sono troppo frivoli e volubili (queste le parole usate). Osservazione abbastanza vera in relazione ai blog che si frequentano…

Imprigionati nelle parole ‘blog’ e ‘post’, il ping-pong sembrava non avere fine, anzi ad ogni rilancio cresceva uno scambio sempre più serrato e inconcludente.

Più parole, strumenti, più esperienze

Cosa ci ha portato fuori dal pensare in tondo (e dal girare a vuoto)?
Tre mosse combinate fra loro (tre colpi di fortuna):

  1. Avere trovato esperienze da esaminare (e criticare), uscendo così dal confronto muscolare e arroccato sulle rappresentazioni individuali;
  2. Avere trovato un template che consente una maggiore versatilità comunicativa (con una spesa diretta pressoché e indiretta molto contenuta);
  3. Avere trovato/usato parole diverse per indicare tipologie di scrittura con funzioni differenti: micropost, post e articoli brevi.

Le esperienze, gli strumenti e le parole si combinano fra loro costituendo nuove ‘oggettività’, più numerose, più combinabili, meno zavorranti, più collegabili alle rappresentazioni e alle esigenze dei soggetti e delle loro organizzazioni.

Concentriamoci sulle parole

Tralascio esperienze (ci saranno certo altre occasioni). Mi concentro sulle parole.
Quello che abbiamo concordato nel gruppo di lavoro è stato di usare post e articolo come due riferimenti per orientare la scrittura. E di non chiamare blog quello che sembrava essere un giornale on-line.

  • Post. I post sono caratterizzati da sintesi e allusività, circoscrivono per aprire, sono autoesplicativi ma anche un po’ misteriosi, brevi con il gusto del rilancio, ambivalenti tra vaghezza e precisione… Fioriscono le ricette per scrivere post capaci di catturare il lettore. I post sono scritture emotive. Il post ricorda l’aneddoto, ripropone un avvenimento, da cui prendono spunto rapide considerazioni. Il post ha uno spirito conversazionale, di pensiero preso al volo, appena tratteggiato, spiazzante.
  • Articoli. Gli articoli al contrario hanno un impianto più ordinato e strutturato. Articolano appunto, per approfondire, spiegare, illustrare utilizzando un registro retorico che si serve termini attinti dal codice tecnico-professionale. L’articolo ha uno spirito argomentativo volto a costruire di unità di conoscenze orientanti.
  • Non un blog, un giornale on-line piuttosto. Ma per gestire un sito dinamico, di una organizzazione che si rivolge a molti utenti e a molti interlocutori, è necessario passare dall’idea di un lavoro individuale a quella di un progetto di gruppo: non sarà un blog sarà un giornale on-line e servirà uno strumento (un template ad hoc) attraverso il quale facilitare più persone a cui è richiesto di lavorare insieme, con un assetto redazionale da favorire.

Per sviluppare un progetto condiviso sarà necessario organizzarsi come i pescatori che pescano le marene, trovare le parole per nominare le stelle, assegnare a oggetti sufficientemente stabili il valore di punti di rifermento, costruire un codice interpretativo ed esplicativo che permetta di spiegarsi, di coordinarsi, di ragionare sulle intenzioni e sulle azioni dei singoli e del gruppo, di intendersi.

Le parole non sono ombre

La prefazione di Shklovsky mi ha rimandato alla fatica di gestire blog e scrivere post, alla difficoltà di costruire un linguaggio interfacciante per parlarsi, al disappunto di affidare alle parole sensi che si rivelano solo dopo un lungo lavoro di precisazione e di tuning. Ho riletto più volte il passaggio «…un gruppo di pescatori crea un proprio genere di vita e inventa i nomi di una costellazione “per via della marena”. Pescano le marene di notte e le stelle sono loro necessarie per indicare la rotta.»
Mi conforta sapere che nell’intricatezza mutante della realtà è possibile costruire con altri un percorso, anche assegnando nomi condivisi, predisporre parole temporaneamente salde per poterci fare affidamento.

2 comments on “La fatica di scrivere parole che non sono ombre (Viktor Shklovsky)

  1. CARLA NATALI
    1 August 2012

    Grazie delle tue / vostre riflessioni contenute nel post, o meglio: articolo.
    Credo ci sia una sorta di resistenza alla parola blog, come se chi lo fa stia solo giocando e la parola stessa, BOLG sia sinonimo di “diario”, nella sua accezione più adolescenziale, o – peggio – sinonimo di qualcosa di inutile.
    Il libro che hai citato di Shklovsky (ti ho trovato seguendo il filo del suo nome), ha bisogno di essere letto. Lo pensavo prima e tu me ne hai rafforzato la convinzione.
    Carla

  2. vittorio
    18 February 2012

    prendo al volo questo sforzo di costruire nuove oggettività.
    che mi suona (le parole suonano? ma il significato ha anche una valenza sonora, oltre che concettuale??) come condividere che qualcosa sia vero, non sia soggettivo, ma piuttosto comune.
    e mi è venuto in mente come il lavoro in gruppo in vista di un obiettivo, che si realizza attraverso confronti, scontri, scambi…sia un progressivo, appassionato e talvolta digrignante tentativo di costruire un’oggettiva a cui tutti convenire, per poi proseguire ed affrontare il reale.
    e di come questa che chiamiamo ‘crisi’ sia anche difficoltà diffusa di giungere a costruire queste oggettività condivise. ognuno sta attaccato alle sue (formalismo burocratico, ideologismo moralistico, pragmaticità aziendale….). le parole diventano immutabili. le marene non ci sono più, ci sono da pescare vongole. continuo a comunicare ed ad agire come se pescassi marene. non prenderò nè le une, nè le altre.
    e rimane la fame.
    v

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 193,939 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: