Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

2032 segnali di speranza

Giardino armonico

Forse siamo a una svolta.

La letteratura organizzativa enfatizza i segnali impercettibili che annunciano le crisi (Crichton et. al., 2009; Day e Schoemaker, 2006, Weick e Sutcliffe, 2007). Se è vero che scricchiolii leggerissimi non vanno sottovalutati, possiamo però immaginare che debolissimi sintomi precedano un ristabilimento.

Oggi – in questo inizio anno così pauroso e triste – mi è sembrato di cogliere un’apertura. Provo a dire qual è, e perché penso sia una anticipazione di speranza.

In viaggio nel traffico ho ascoltato Vittorio Giacopini, conduttore di PaginaTre passare il microfono a Valentina Lo Surdo conduttrice di Primo Movimento (la trasmissione di musica classica che va in onda ogni giorno alle 09:30 su Radio3). Proposta della puntata: musiche di Hydn eseguite da Il giardino armonico.
Un primo ascolto, altri seguiranno, in vista del trecentesimo della nascita del compositore, che verrà celebrato nel 2032.

[2032… 2032? 2032!
Cosa stanno dicendo?
Il 2032 è fra 17 anni]

Valentina Lo Surdo prosegue informando che a Basilea è nata una fondazione, hanno aderito una cinquantina di città, verrà reincisa l’intera opera di Hydn (più di trecento opere), e il piano di avvicinamento al 2032 prevede due pubblicazioni ufficiali all’anno…

[Parte un brano.
Incredibile, 2032! Che orizzonte.
Il brano prosegue.
Lo ascolto distrattamente, la notizia ha qualcosa di inconcepibile]

Segnali, indizi, inizi.

Perché mi sembra di essere stato affiancato e superato da un segnale di ripresa?

Intanto la semplicità dell’annuncio: uno squarcio.

Poi si tratta di un progetto, di un investimento sul futuro, non un futuro immediato, non un orizzonte trimestrale, non una esposizione universale, tardiva, aggrovigliata, imbarazzante.  Un programma, un piano (sì, dispositivi diversi in una tensione anticipatrice), un progetto dotato di profondità, di senso, articolato, con tappe, obiettivi, e con un respiro ampio (il 2032).

Un programma di opere, di produzioni da valorizzazione, al quale parteciperanno musicisti, orchestre, tecnici, teatri, radio, indotti, pubblici. Coinvolgimenti, riscoperte, tensioni, fili di lana, rincorse. Quante energie da collegare, quante creatività innescate.

Insomma un piano tracciato che è anche un insieme di possibilità, una collaborazione aperta, e anche un progetto di marketing multiterritoriale (un progetto economico).

E cosa viene messo a valore? La musica, la bellezza, un patrimonio inesauribile, un’invenzione che affonda nella tradizione, un capitale shareable, qualcosa che ha senso, che è ri/scoperta e prospettiva.

Insomma un progetto di costruzione che collega passato – presente – futuro, che fa dell’avvenire e delle più lontane cose la (pre)occupazione dei giorni presenti.

I segnali sono anche impulsi.

Forse

Forse non è solo il disorientamento che dilaga, forse ci sono anche aperture.
Forse – rimessa in discussione l’idea di progressione, riconsiderata facendo del disordine la tessitura della realtà (caos riconducibile ad armonia solo nelle nostre letture di precomprensione o valutative) – forse ci sono timide avvisaglie di ripresa, impercettibili.

Riferimenti

Crichton M.T., Ramsay C.G., Kelly T., “Enhancing Organizational Resilience Through Emergency Planning: Learnings from Cross-Sectoral Lessons”, Journal of Contingencies and Crisis Management, 1/2009.
Day G.S., Schoemaker P.J.H., Peripheral vision. Come prestare attenzione ai segnali deboli, Isedi, 2008 (2006).
Weick K. E., Sutcliffe K. M., Governare l’inatteso. Organizzazioni capaci di affrontare le crisi con successo, Cortina, 2010 (2007).

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on 9 January 2015 by in Psicosociologia, Quanto basta and tagged , .

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 211,975 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: