Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Coinvolgere è un lavoro paziente

coinvolgere-e-un-lavoro-impegnativo

Capita di organizzare eventi, percorsi formativi, incontri di confronto e… ottenere risultati di partecipazione non all’altezza delle aspettative, altalenanti, insufficienti.
Che coinvolgere sia un’attività complessa e delicata lo sappiamo, così come è plausibile immaginare che i fattori che influenzano la decisione di prendere parte a un momento di confronto sono davvero tanti, tra questi i fattori ostacolanti, interferenti o concorrenti: concomitanze di eventi interessanti, condizioni metereologiche avverse, campionati europei, partite del secolo, festival canori o altro.

Secondo alcuni l’ingrediente segreto è la qualità dei relatori.
Certo il potere persuasivo dell’ospite ha un suo peso, ma anche la sensazione che l’incontro abbia senso per le persone coinvolte gioca un ruolo attrattivo e la stessa qualità della divulgazione e della promozione sono aspetti da non sottovalutare.

La riflessione che voglio proporre ha che vedere con la capacità di invitare. Si tratta di un’azione che dipende direttamente da chi organizza l’evento.
Recentemente ho preso parte ad un laboratorio di avvio della progettazione partecipata dei piani sociali di zona. Il momento di lavoro ha registrato una presenza decisamente alta. Più del previsto, superiore alle aspettative.

Abbiamo cercato di capire quali elementi abbiano giocato a favore della scelta di liberare un pomeriggio infrasettimanale e decidere di prendere parte ad un incontro guidato. Un aspetto che ci è parso efficace è stato la modalità di invito praticata.

Gli inviti sono stati tre, tra il primo invito e il terzo le persone sono state contattate direttamente con una telefonata, con il risultato che delle 70 persone contattate, 45 hanno partecipato al laboratorio.

Il primo invito presentava l’iniziativa: un momento di confronto su possibili azioni per promuovere interventi educativi diffusi in una comunità, nell’ambito del piano sociale in costruzione per il prossimo triennio. Obiettivo del primo invito era spiegare il senso dell’iniziativa, anticipare la metodologia che sarebbe stata proposta ai partecipanti – un laboratorio di confronto -, esplicitare il cambiamenti di fondo che motivavano un momento di lavoro aperto alla pluralità di esperienze che si intendevano coinvolgere.
Il secondo invito riprendeva brevemente le intenzioni del momento di lavoro collettivo, forniva indicazioni logistiche dettagliate ed era motivato dal fornire le indicazioni per facilitare l’arrivo e il parcheggio. Si trattava di un pretesto abbastanza evidente per rilanciare l’invito e funzionava come una sorta di promemoria. Se il primo invito era stato mandato con circa tre settimane di anticipo, il secondo invito è stato mandato via mail circa una decina di giorni prima della data prevista per l’incontro, e in concomitanza sono state fatte le telefonate per illustrare l’iniziativa rispondere alle eventuali domande, dare spiegazioni dettagliate e raccogliere elementi utili per la conduzione del laboratorio.
Il terzo invito è stato mandato tre giorni prima e informava della possibilità di partecipare all’incontro inserendosi in corso di svolgimento o lasciando l’incontro in anticipo, con l’accortezza di rispettare alcuni momenti di ingresso e di uscita.

La scelta di curare il coinvolgimento reiterando gli inviti ci è parso che abbia funzionato nell’ingaggiare le persone, nel suscitare interesse, nel facilitare la possibilità di partecipare anche in ragione delle concrete disponibilità di tempo delle persone invitate.

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 218,396 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: