Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Decreto legislativo 231/2001. Cioè?

231 cantiere

Costruzione della metropolitana 5 a Milano
(17 marzo 2013. Foto scattata dal palazzo della Fiera)

Poiché ho ricevuto richieste di chiarimenti sul decreto legislativo 231/01, pubblico una microscheda introduttiva realizzata con Sergio Quaglia e che Pares sta utilizzando per promuovere i propri interventi.
Aggiungo poi alcune considerazioni.
In sintesi: adottare un sistema organizzativo 231 consente di verificare il rispetto di norme importanti, risponde all’esigenza di tutelare la propria organizzazione, può essere l’occasione per definire o precisare i processi amministrativi e stabilire – in modo concreto e trasparente – quali le responsabilità assumono le organizzazioni e chi vi lavora.

 

231: agire ed essere riconosciuti come soggetti corretti e affidabili

Il Decreto Legislativo 231/01 ha introdotto la responsabilità in sede penale per imprese, cooperative e associazioni. Ciò significa che se una persona interna alla struttura (responsabile o dipendente) commette un reato nell’interesse o a vantaggio dell’organizzazione, quest’ultima può andare incontro a significative sanzioni.

Il Decreto Legislativo 231/01 prevede che l’organizzazione possa cautelarsi da tale rischio, introducendo un sistema interno di gestione incentrato su:

  • un Codice etico per chiarire le sfere di responsabilità e fornire indicazioni di comportamento;
  • un documento denominato Modello organizzativo per definire dispositivi e procedure di prevenzione dei reati;
  • un Organismo di vigilanza dedicato, autonomo e indipendente.

Adeguarsi alle indicazioni del Decreto Legislativo 231/01 offre due principali vantaggi:

  • esclude la responsabilità dell’organizzazione in caso di reato commesso da un proprio amministratore, dirigente o dipendente;
  • attesta l’affidabilità dell’organizzazione nelle gare, nei bandi e nella richiesta di sovvenzioni o agevolazioni.

Alle organizzazioni sensibili al tema della responsabilità e interessate a elaborare adeguati strumenti di gestione, così da essere riconosciuti come soggetti corretti e affidabili, Pares società cooperativa offre:

  • incontri formativi utili a conoscere in dettaglio le indicazioni del Decreto Legislativo 231/01 e a valutare le concrete possibilità di sviluppo dell’organizzazione in tale ambito;
  • consulenza di accompagnamento agli adempimenti previsti dal Decreto, con particolare attenzione alla definizione di un Modello organizzativo per la prevenzione dei rischi, all’elaborazione e diffusione di un Codice etico, alla costituzione dell’Organismo di vigilanza.

231: domande e risposte

Da email diverse riprendo le domande più frequenti ricevute e rimetto in ordine le risposte che ho dato.

Per l’organizzazione, in termini di carico di lavoro, cosa comporta adottare un modello 231?

L’adozione del modello organizzativo 231 genera un po’ di lavoro nella fase di introduzione e richiede un po’ di cura periodica (verifiche e aggiornamenti). Non si tratta di un lavoro eccessivo se si calibra il modello sulle caratteristiche dell’organizzazione. Il modello 231 si collega al sistema per la prevenzione e la tutela della sicurezza 81/2008 e può essere riportato nella sfera di competenza della certificazione ISO9001.
Costruire il Modello Organizzativo 231 è moderatamente impegnativo (dipende dalla complessità dell’organizzazione). Ma si può procedere per gradi. Quello che conta è che ci sia un referente interno.

Il decreto legislativo 231/01 obbliga a introdurre un organismo di vigilanza autonomo e indipendente. Da chi dovrebbe essere composto?

L’organismo di vigilanza può essere costituito con formule diverse. Si può avere un organismo formato da una persona (meglio se esterna) o formato da più persone (qualcuno interno e qualcuno esterno).
Per parte mia la vedo così: due-tre visite l’anno da parte di una figura esterna con cui fare il punto della situazione (verifiche) è un modo per tenere viva l’attenzione a tutto campo e l’occasione per un confronto esterno che il CdA può decidere di far fruttare. Il costo dovrebbe essere tutto sommato sostenibile…

Si può adattare il modello 231 al funzionamento dell’organizzazione o ci arriva addosso un’armatura che ostacola anche i movimenti più semplici?

Il 231 può essere considerato uno scudo per prevenire la commissione di reati e rendersi meno vulnerabili in caso di controversie giudiziarie. Ma è soprattutto un’opportunità per riprendere il filo della responsabilità sociale, mappare le aree critiche, definire o aggiornare i processi amministrativi, stabilire un codice di comportamento per chi lavora o collabora. E anche un’opportunità per stabilire indicazioni in aree che si percepiscono scoperte.

Il 231 è solo carta da produrre (un altro bollino) o ne vale la pena?

Certo si può adottare il 231 seguendo logiche legalistiche, adempitive, difensive (che non sono necessariamente sbagliate). O si può introdurre il 231:

  • per controllare e rendere trasparenti i processi amministrativi e prevenire così possibili reati (responsabilità amministrativa);
  • per connettere responsabilità, attenzione a diritti e valori con le pratiche operative (responsabilità sociale);
  • per favorire il confronto e la collaborazione interne, evitando sconnessioni (responsabilità organizzativa).

Adottare il 231 costa tanto?

La risposta è semplice: vale la pena mettere l’allarme in casa?
Dipende da diversi fattori.
Se l’organizzazione utilizza con sagacia l’occasione, sono soldi ben spesi (può andar bene anche un sistema introdotto per ragioni formali, basta esserne consapevoli).
Sono soldi sprecati se si eccede o ci si distrae, e si introduce un sistema sproporzionato.

Ai link

Trovate alcuni post pubblicati su Mainograz

– 231 e responsabilità organizzativa;

231 e microimprese;

– 231 senza traumi;

– 231 una palla al piede?;

– 231: vacilla l’OdV...;

Con Barbara Colombo inoltre stiamo pubblicando un ciclo di post sul blog Appunti di lavoroqui il primo. Gli altri a seguire.

Se ci sono domande specifiche, non esitate.

One comment on “Decreto legislativo 231/2001. Cioè?

  1. Pingback: Codice dei comportamenti 231 (per cooperative e consorzi sociali) | Mainograz

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Archives

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 207,921 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: