Mainograz

Pensieri, esplorazioni, ipotesi. Un confine incerto tra personale e professionale.

Cos’è un (open) format? #psicosociologia

Format

Il governo dei boschi, in Saltini A., Storia delle scienze agrarie, Edagricole, 1987, II, p. 188.

.

Cos’è un format? Perché – almeno nei media e nel commercio – ha un valore economico?
Alla ricerca di confronti, condivido alcune idee (riferibili al campo della formazione e della consulenza).

Per farlo accenno a due format che utilizzo nel mio lavoro. Uno è il format del corso di Psicosociologia dei gruppi e delle organizzazioni (Laurea Magistrale in Psicologia dei Processi Sociali, Decisionali e dei Comportamenti Economici, Università Bicocca), l’altro è il format dei laboratori di formazione sulla scrittura 2.0 nelle organizzazioni. Due format… formativi [e adesso che ho scritto ‘format formativi’ mi sembra già che condividano qualcosa con i format dei programmi di intrattenimento… già, ma cosa?].

Il format del corso di Psicosociologia dei gruppi e delle organizzazioni

Ho mantenuto il format per la conduzione del corso messo a punto Marco Brunod e da Monica Colombo negli anni accademici 2004/2005 e 2005/2006. Dal 2006/2007 lo ripropongo a mia volta. Negli anni ho sperimentato alcune modifiche … ma sostanzialmente non ho cambiato l’impostazione che è la seguente:

  • Lavoro in aula
    • attualmente le lezioni durano tre ore. Si aprono con informazioni, scambi, valutazioni sullo svolgimento del corso (attività di regolazione organizzativa);
    • segue la lezione frontale vera e propria: lettura di brani, slides di inquadramento concettuale, commento (impostazione tradizionale, resa vintage dalla antologia di brani tratti dalla letteratura);
    • viene riservato del tempo per il lavoro di gruppo;
    • complessivamente le due prime attività durano circa un’ora e mezza. In passato, alla regolazione dello svolgimento del corso veniva riservavo lo spazio finale della lezione che però durava quattro ore, durata che facilitava lo schema: plenaria-gruppi-plenaria.
  • Lavoro sul campo
    • o   nel corso della prima lezione vengono costituiti una decina di gruppi di lavoro che con l’obiettivo di realizzare ricerche conoscitive di realtà organizzative diverse. In fase di costituzione i gruppi identificano una figure di coordinamento e due figure di osservatori, possono inoltre assegnare altri ruoli.
  • Lavoro di supporto ai gruppi
    • a distanza: il supporto al lavoro di ricerca che sviluppano i gruppi avviene per lo più attraverso le tecnologie digitali. All’inizio del corso viene attivato un gruppo di coordinamento in Facebook, al quale partecipano i/le coordinatori dei gruppi di ricerca, le figure di supporto operativo al corso. Per i contatti individuali sono possibili scambi via email, e sempre più frequentemente attraverso la messaggistica privata di Facebook.
    • in presenza: al di fuori delle lezioni, i gruppi possono richiedere incontri di confronto.
  • Presentazione e discussione finale dei report di ricerca
    • Il corso si chiude con l’esposizione e la discussione in plenaria dei rapporti di ricerca prodotti dai gruppi di lavoro.

Il corso di Psicosociologia dei gruppi e delle organizzazioni si svolge nel secondo semestre (marzo, aprile, maggio), le lezioni previste sono ventuno e quest’anno si tengono il martedì mattina e venerdì pomeriggio.

Un format per laboratori formativi

Per presentare il format base di laboratori di formazione di una o più giornate, utilizzo l’esempio di un intervento formativo che sto progettando sulla responsabilità d’impresa e sugli adempimenti previsti dal decreto legislativo 231/2001. Questa l’impalcatura portante della proposta formativa rivolta al consiglio di amministrazione e alle figure di coordinamento di una impresa sociale:

  • Quali sono le responsabilità ascrivibili all’azione della vostra impresa? [Coinvolgimento a partire dalle esperienze organizzative e professionali dei partecipanti]
  • Introduzione (attraverso slides) degli elementi fondamentali previsti dal decreto legislativo 231/2001. [Presentazione di quadri concettuali ordinati]
  • Quali criticità, quali rischi per la vostra organizzazione alla luce delle disposizioni del decreto legislativo 231/2001? [Utilizzo degli spunti proposti per ricollegare indicazioni generali alla realtà concreta in cui operano le persone che partecipano alla formazione]
  • Illustrazione del Codice di Comportamento predisposto per l’organizzazione e dei presidi generali e specifici previsti dal Modello Organizzativo. [Presentazione degli strumenti che si riferiscono all’organizzazione coinvolta]

Considerando la struttura portante del formar, tendo a riprodurre due elementi: cerco di partire da una attivazione esperienziale delle persone che partecipano, in modo che le persone entrino nel tema sufficientemente ’emozionate’,  avendo rievocato riferimenti personali ai quali collegare le informazioni che propongo. A seguire presento i quadri concettuali con un approccio frontale. A cui segue una nuova attivazione su problemi concreti che si incontrano nelle esperienze di lavoro. Chiudo con una sintesi che punta a riepilogare i contenuti e a collegare le riflessioni e gli spunti emersi.

La sequenza come si vede parte dalle esperienze, introduce informazioni, chiede la connessione fra informazioni e situazioni organizzative, si conclude presentando nuovi contenuti ordinati riferibili alla specifica situazione organizzativa. Oltre a questa sequenza ‘esperienza > teoria > impatto > indicazioni organizzative’, un secondo aspetto riguarda le modalità di lavoro ‘coinvolgimento > esposizione frontale > coinvolgimento > sintesi frontale’. Riassumendo in generale evito di partire da presentazioni frontali e mi sforzo di agganciare qualsiasi contenuto alle esperienze personali e organizzative dei partecipanti. Questo è il format di riferimento per la singola giornata, che collego, in occasione di interventi più lunghi, in un disegno che punta ad introdurre attività pratiche nei momenti di lavoro, sviluppabili sia in plenaria che in sottogruppi.

Allora cos’è un format?

Il format è una ricetta.
Se dico format non penso solo l’elenco delle cose da fare, ma alla struttura che articola le parti (intenzioni, contenuti, regia di conduzione), accompagnata dalle regole che consentono di mettere in relazione, di far interagire, le parti stesse. Un format è un piano di lavoro corredato da indicazioni di sviluppo e di collegamento fra le parti. Si potrebbe dire che un format è un metamodello (un gioco, con le sue regole e le molteplici varianti). Il format è dunque un formato dinamico, un sistema di regole e di varianti.

Il format è un sistema.
Provando a smontarlo si possono cogliere le intricate interazioni che lo rendono specifico, ma in genere un format non facile da smontare. Come per la materia serve molta energia e il risultato può non essere desiderabile: smontandolo lo si distrugge. Per questo un format è un sistema complesso. I format ammettono varianti, ma c’è un nucleo (un’identità?) che tende a permanere nelle variazioni (un identità che sfugge?).

Il format è una configurazione generativa.
Rispetto alla formazione, il format non è un percorso e non è un’edizione, è piuttosto una configurazione stabile che può essere ripetuta, una matrice base, generativa, che contiene gli elementi salienti e le istruzioni per collegarli fra loro, per questo facilita le variazioni. Il format è un modo per collegare struttura e processo.

Perché i format hanno valore? [conclusione]

La formalizzazione dei know-how (non necessariamente l’accessibilità), sapere come fare le cose e sapere che se le fai in quel determinato modo riescono bene, porta ai risultati apprezzabili, guida le attività di preparazione e di conduzione e fa risparmiare tempo. Per questo i format di successo hanno un certo valore commerciale, in particolare se nessuno li può copiare, cioè se per usarli deve pagare. Nei casi sopra illustrati si tratta di open format, liberamente utilizzabili e migliorabili. Ma nel caso di format televisivi, di format radiofonici, o di format commerciali come quelli usati nella grande distribuzione (Sansone, 2002) il valore economico (dato da creatività ed efficacia operativa che si trasforma in ritorno economico) è evidente e tutelato.

Riferimenti

 

One comment on “Cos’è un (open) format? #psicosociologia

  1. Pingback: #EserciziDiFuturologia > un format duttile | Mainograz

Dai, lascia un commento ;-)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Responsabilità 231/2001. Una sfida per la cooperazione sociale

La fatica di scrivere (ebook a 0,99)

Writing Social Lab 2.0 (free ebook)

Le scritture di restituzione (ebook a 1,99)

Formare alla responsabilità sociale (free ebook)

Avvicendamenti (in libreria)

La carta dei servizi (in libreria)

Mainograz

348 0117845

Mainograz non raccoglie cookies di profilazione

Mainograz è il blog professionale di Graziano Maino, consulente di organizzazioni e network, professionista indipendente (legge 4/2013).

Scopo di questo blog è esprimere il mio punto di vista su questioni che reputo interessanti e discuterne con chi ha piacere di farlo.

Non raccolgo informazioni di profilazione sulle persone che visitano il blog Mainograz.

Tutte le statistiche sulla fruizione del blog Mainograz (ad esempio sulle pagine visitate e sugli argomenti ricercati) mi vengono fornite in forma anonima e aggregata da Wordpress.com.

Anche i commenti possono essere espressi senza dichiarare la propria identità. Mi riservo solo di verificare il contenuto del primo commento, che se accolto, consente poi di commentare liberamente.

Visitors

  • 194,786 visite da dicembre 2009
%d bloggers like this: